Punto informatico Network
Canali
20081030144522_1226899752_20081030144449_145449427_virtualboxlogosun.png

Virtualizzare il sistema operativo gratuitamente: guida a VirtualBox

24/09/2009
- A cura di
Software Applicativo - Adottare un sistema di virtualizzazione può essere una buona scelta in molteplici scenari: utilizzare applicazioni disponibili solo per una specifica piattaforma su qualsiasi sistema o realizzare un'area protetta in cui testare i programmi in tutta sicurezza sono solo alcune delle possibilità offerte da questa classe di applicativi. VirtualBox è una soluzione completa e gratuita. UPDATE: articolo aggiornato per riflettere lo stato del programma alla versione 3.0.

Download

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

virtualizzazione (3) , virtuale (2) , virtualbox (2) , sun (1) , virtual (1) , guida (1) , box (1) , virtual machine (1) , gratuita (1) , macchine virtuali (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 728 voti

Tornati alla schermata iniziale di VirtualBox, possiamo configurare le varie macchine virtuali. Dopo averne selezionata una, cliccate sul pulsante Impostazioni.

In seguito al debutto della nuova versione 3.0 (della quale sono state anticipate le novità più importanti in questa news) riflettiamo ora sulle nuove funzionalità messe a disposizione dagli sviluppatori. Qui è disponibile un elenco di tutte le novità introdotte.

Impostazioni

La nuova versione, sviluppata da Sun Microsystem, vede l'introduzione, di alcune novità, più o meno importanti.

Il layuot generale delle principali schermate è rimasto presso che invariato. Sarà quindi possibile rinominare o aggiungere una descrizione alla propria virtual machine, accedendo, così come accadeva nella precedente versione (2.0), al menu Generale, presente sotto la voce Impostazioni.

Nella medesima sezione è possibile creare il percorso di archiviazione degli Snapshot. Quest'ultima funzione permette di salvare uno stato del sistema virtuale, come se si trattasse di un'"istantanea" completa del PC. Utile per coloro che necessitano di fare modifiche consistenti ma poi tornare immediatamente alla situazione precedente.

Vbox 3.0 impostazioni gen.bmp

La versione 3.0, vede l'introduzione di due nuove categorie: Sistema e Schermo.

La prima ha il compito di gestire l'ordine di boot, il processore e l'accelerazione. Quest'ultima utilizza le tecnologie di virtualization software, presenti oramai in tutti i moderni processori.

Interessanti novità provengono dal fronte del supporto al multi-threading. Spostandosi nella sezione Processore, presente sotto la voce Sistema, è possibile abilitare, mediante una semplice digitazione, il supporto fino a 32 CPU.

Vbox 3.0 impostazioni sistema.bmp

Sempre sotto la voce Sistema, la funzione PAE/NX permette al guest di indirizzare più di quattro giga byte di memoria RAM anche su piattaforme a 32 bit.

La seconda delle due sotto-categorie introdotte, denominata Schermo, permette di abilitare l'accelerazione grafica 3d, mediante l'utilizzo della GPU. Questo aspetto, verrà approfondito nel corso della guida, prendendo in considerazione i numerosi test svolti per verificare le funzionalità appena descritte.

Vbox 3.0 impostazioni schermo.bmp

VboxGuestAdditions

L'installazione del file GuestAdditons.iso è fondamentale per il corretto funzionamento dell'intero sistema. Brevemente, si tratta di un pacchetto costituito da driver e componenti aggiuntivi che consentono di sfruttare al meglio l'ambiente virtuale.

L'installazione è molto semplice.

Apriamo VirtualBox e spostiamoci in opzioni/cd/dvd-rom e spuntiamo File immagine iso (VboxGuestAdditions.iso).

Vbox 3.0 impostazioni guest.bmp

Avviamo la macchina virtuale (Windows XP) e andiamo in risorse del computer. Successivamente clicchiamo su DVD-ROM (d) e attendiamo l'apertura del file ISO.

Accettiamo il contratto di licenza e avviamo l'installazione. Terminato il tutto, riavviamo il sistema operativo ospite.

VboxGuestAdditions sotto Linux

Qualora il sistema guest fosse basato su Linux, dovremo eseguire e completare l'installazione delle GuestAddition via terminale. Ma quali sono le operazioni da svolgere? Vediamole nel dettaglio:

Avviamo la nostra distro virtualizzata. Successivamente, portiamoci su installa GuestAddition, presente sotto la voce dispositivi, nella barra dei menu.

Se le operazioni sopra descritte, sono state eseguite correttamente, la macchina virtuale, dovrebbe visualizzare le GuestAddition sotto forma di CD. Apriamolo e selezioniamo il file VboxLinuxAddition-x86.run.

Giunti a questo punto, apriamo il terminale (nella recenti versioni di Ubuntu, raggiungibile da Applicazioni -> Accessori -> Terminale) ed inseriamo la seguente stringa:

GuestAddition da terminale.bmp

Attendiamo il completamento dell'operazione. Se l'installazione, sarà andata a buon fine, visualizzerete una stringa, come questa:

Fine installazione guestaddition.bmp

Seguiamo le istruzioni appena visualizzate e, riavviamo la nostra virtual machine. Eseguita anche quest'ultima operazione, le GuestAddition sono, finalmente, operative.

Ma quali sono le novità? Tra le tante cose, sicuramente la più comoda è che ora i dispositivi di puntamento si interfacciano con la macchina virtuale molto meglio, e non è più necessario il pulsante Ctrl per tornare al sistema operativo reale.

Inoltre, le versione 3.0, vede l'introduzione, tramite GuestAdditios, del supporto alle librerie grafiche Direct X 8/9 e OpenGL 2.0. Questo aspetto, fondamentale, sarà approfondito, nei paragrafi successivi.

Abilitazione controller SATA

VirtualBox supporta l'installazione di un controller Serial ATA virtuale. Ciò significa che gli hard disk virtuali godranno di prestazioni migliori, e sarà possibile superare il limite dei tre hard disk virtuali.

Per abilitarlo, portiamoci in Impostazioni --> Hard disk, e spuntiamo la voce ad Abilita controller SATA.

Dopo avere abilitato il controller, possiamo modificare gli hard disk virtuali già presenti perché diventino SATA, o crearne di nuovi.

Configuarazione audio

Per abilitare l'audio, spostiamoci in impostazioni/audio e spuntiamo la casella Enable audio, dopo di che selezioniamo Driver Audio ALSA (su Linux) mentre Windows DirectSound (su Windows).

Vbox 3.0 impostazioni gen audio.bmp

Configurazione USB

Per abilitare le porte USB, spostiamoci in impostazioni/USB e spuntiamo le prime due caselle, rispettivamente Abilita controller USB e Enable USB 2.0.

Successivamente inseriamo il dispositivo che vogliamo collegare in una qualsiasi porta USB e, clicchiamo sull'icona raffigurante un cavo USB con segno + di colore verde, e selezioniamo la periferica dell'elenco per aggiungerla tra quelle della macchina virtuale.

Vbox 3.0 impostazioni USB.bmp

Attenzione: tutte le periferiche USB che assegnerete alla macchina virtuale, non saranno accessibili dall'host fino a quando la stessa sarà in esecuzione.

Da notare inoltre che mouse e tastiere USB vengono assegnate sia al sistema operativo ospite che a quello ospitante senza intervento dell'utente.

Rete

Con tutta probabilità, la rete sarà disponibile immediatamente dopo aver concluso l'installazione del sistema operativo ospite. Se così non fosse, abilitare l'accesso alla rete è semplicissimo. Basta infatti spostarsi in impostazioni/rete e spuntare la casella abilita scheda di rete.

Cartelle condivise

Questa opzione consente la condivisione delle cartelle tra il sistema ospitante e quello ospite.

Andiamo in impostazioni/Cartelle condivise e clicchiamo sul primo pulsante nella colonna di destra. Una volta scelta la cartella da condividere clicchiamo su Ok.

Vbox 3.0 impostazioni condivise.bmp

Per visualizzare la nostra cartella all'interno della virtual machine (in questo caso Windows XP, ma la tecnica funziona anche con le versioni successive), clicchiamo su start/esegui e digitiamo il comando net use M: \\vboxsrv\nome della cartella. Spostiamoci in risorse del computer. Se il comando è stato eseguito correttamente, dovremmo visualizzare la nostra cartella condivisa sotto forma di disco di rete.

In alternativa, è possibile aggiungere le cartella che desideriamo condividere cliccando su aggiungi cartella (nella sezione cartelle condivise). Successivamente il sistema ospite (Windows) visualizzerà automaticamente le cartelle selezionate, in Risorse di rete.

Vb.bmp

Pagina successiva
Considerazioni e consigli finali
Pagina precedente
Installazione sistema ospite

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.22 sec.
    •  | Utenti conn.: 50
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 45
    •  | Tempo totale query: 0.05