Punto informatico Network

20100730111001_1645585590_20100730110911_1995546664_Ubuntu I.png

Ubuntu 10.10 "Maverick Meerkat" è finalmente pronto ad invadere i Personal Computer

12/10/2010
- A cura di
Linux & Open Source - Dopo sei mesi di duro lavoro Ubuntu 10.10 "Maverick Meerkat" è stato finalmente rilasciato per il download in versione definitiva. Vediamo quali sono le novità introdotte in questa nuova release di casa Canonical.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

ubuntu (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 58 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

A sei mesi scarsi dal rilascio di Ubuntu 10.04 LTS, la fatidica data del 10/10/2010 è arrivata e con essa viene finalmente rilasciata, in versione stabile, la nuova creatura di casa Canonical, ovvero Ubuntu 10.10 "Maverick Meerkat" (download), che porta con sé interessantissime novità. Vediamole tutte nel dettaglio.

La scelta del nome

Il Suricato (Meerkat), come spiegato dallo stesso Shuttleworth (il papà di Ubuntu n.d.r.), è un simpatico mammifero che vive in branchi di cinquanta e più esemplari, principalmente nelle pianure aride e semi-desertiche dell'Africa meridionale. L'aggettivo "Maverik", invece, viene tradotto in italiano come "anticonformista", "indipendente" o anche "individualista".

Suricata.jpg

L'accoppiata nasce dall'idea di fornire agli utenti finali una versione di Ubuntu agile, veloce e sociale proprio come il Suricato.

Sarà inoltre una versione anticonformista: Shuttleworth ha chiarito di volere un sistema che deve poter essere installato in ogni singolo computer casalingo ("every single consumer PC that ships from a major manufacturer"), e per far ciò non bisogna aver paura di cambiare: "Questo è un momento di cambiamento e non bisogna aver timore di sorprendere gli utenti con una mossa audace", ribadisce ancora Shuttleworth.

Di cambiamenti, in effetti, ne sono stati fatti davvero tanti e le sorprese non mancano di certo.

Un nuovo installer grafico

Le novità partono sin dall'installazione, con un installer grafico completamente rinnovato sia nelle funzionalità sia nella grafica, che mette a proprio agio anche l'utente meno esperto. Nella schermata di benvenuto possiamo scegliere la lingua e decidere se provare Ubuntu o installarlo sul PC. In alto a destra si notano subito alcune novità: l'icona del network manager, del volume ed il pulsante di spegnimento.

New-installer-001.png

Altre novità: oltre a fornirci delle indicazioni per una migliore installazione, ci viene data la possibilità di installare il supporto a software di terze parti (MP3 plugin, flash eccetera) e decidere se scaricare o meno gli aggiornamenti durante l'installazione.

New-installer-002.png

Curiosità: se spostiamo la finestra possiamo subito notare il nuovo sfondo per il desktop, molto luminoso ed accattivante.

New-installer-003.png

Anche il procedimento di allocazione dello spazio sul disco rigido è stato notevolmente migliorato e reso molto più intuitivo.

New-installer-004.png

Ed ecco l'ultimo riepilogo prima dell'installazione del sistema vero e proprio. Le impressioni del nuovo installer sono complessivamente molto buone: un mix di eleganza e semplicità mai raggiunto fino ad ora a testimonianza dell'ottimo lavoro svolto dai programmatori di Canonical.

New-installer-005.png

Se non ci sentiamo soddisfatti del partizionamento automatico possiamo cliccare su strumento avanzato di partizionamento e procedere manualmente, magari per modificare il filesystem da utilizzare per il disco.

New-installer-006.png

Un nuovo File System all'orizzonte

Il BTRFS (B-tree FS or "Butter FS") è stato scelto come candidato principale per sostituire i blasonati ext3/ext4 come File System predefinito nelle prossime versioni di Ubuntu.

Si tratta di un File System per Linux di tipo copy-on-write, dotato di checksumming, annunciato da Oracle nel 2007, e pubblicato sotto licenza GPL (GNU General Public License). Esso consente una gestione assolutamente innovativa dei sotto-volumi, ed è possibile convertire i File System da ext3/ext4 a BTRFS senza nessuna possibilità di perdere i dati.

Il nuovo filesystem può essere selezionato manualmente già a partire da questa release, ma il BTRFS è in continuo sviluppo, quindi il suo impiego non è consigliato al di fuori della fase di testing. L'obiettivo di lungo respiro però è quello di avere il supporto ben rodato e completo, vale a dire con tutte le funzionalità e implementazioni "Ubuntizzate", almeno per il prossimo rilascio LTS (Long Term Support) di Ubuntu (12.04).

New-filesystem.png

Pagina successiva
Il Desktop ed il Software Center
Pagine
  1. Ubuntu 10.10 "Maverick Meerkat" è finalmente pronto ad invadere i Personal Computer
  2. Il Desktop ed il Software Center
  3. Tutte le novità

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.23 sec.
    •  | Utenti conn.: 91
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11