Punto informatico Network
Canali
20090622113700_461673167_20090622113632_1336489199_clona.png

Clonezilla: dal mondo di Linux arriva il clonatore di hard disk

10/08/2009
- A cura di
Software Applicativo - Realizzare un'immagine di backup di un disco fisso, o clonarlo quando lo si sostituisce, significa risparmiare tantissimo tempo e lavoro. Vediamo come farlo con un CD di boot Linux.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

ghost (1) , clonazione (1) , clonare (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 322 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Realizzare una copia di un disco fisso, in caso di una sua sostituzione, oppure un'immagine di backup da ripristinare quando Windows non si avvia più, vuole dire risparmiare un sacco di tempo e di lavoro.

Pensate a quanto tempo vi ci vuole a formattare, reinstallare Windows e tutti i programmi che vi servono, riconfigurare tutto il PC con tutte le ottimizzazioni che avevate trovato! invece, con una clonazione, o un ripristino immagine, potete riavere il vostro PC funzionante nel giro di pochi minuti.

Ci siamo occupati più volte della clonazione di hard disk (Le alternative a Ghost), però utilizzando sempre dei programmi Windows come Drive Image Xml o Macrium Reflect, che andavano installati oppure utilizzavano opportuni supporti avviabili.

Questa volta vediamo come funziona Clonezilla che altro non è che un CD di boot, con il programma di clonazione, ma basato su Linux.

La presente guida è rivolta ad un utente Windows poco pratico del mondo Linux e delle possibilità offerte dalla linea di comando o da alcune scelte più dettagliate presenti nella clonazione personalizzata, quindi seguirò la strada della configurazione standard che si è rivelata funzionante e non troppo complicata (pur con alcuni passaggi in cui prestare attenzione).

Ottenere il programma

Il file ISO deve essere scaricato da questo indirizzo e poi masterizzato per farne un CD di boot. Una volta impostato il giusto ordine nel BIOS del computer, è possibile avviare il PC dal CD-ROM che avete appena creato.

Vediamo ora il funzionamento in dettaglio di Clonezilla.

Pagina successiva
La clonazione
Pagine
  1. Clonezilla: dal mondo di Linux arriva il clonatore di hard disk
  2. La clonazione
  3. Il ripristino
  4. Conclusioni

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.25 sec.
    •  | Utenti conn.: 31
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 48
    •  | Tempo totale query: 0.11