Punto informatico Network
Canali
20090622113700_461673167_20090622113632_1336489199_clona.png

Clonezilla: dal mondo di Linux arriva il clonatore di hard disk

10/08/2009
- A cura di
Software Applicativo - Realizzare un'immagine di backup di un disco fisso, o clonarlo quando lo si sostituisce, significa risparmiare tantissimo tempo e lavoro. Vediamo come farlo con un CD di boot Linux.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

ghost (1) , clonazione (1) , clonare (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 322 voti

Avvio della clonazione

Una volta avviato il computer vi trovate di fronte ad una schermata come questa dove scegliere l'impostazione del vostro video e il tipo di avvio. La prima scelta ha funzionato senza problemi per me.

Clone1.jpg

Subito dopo potete scegliere il linguaggio del programma: vi dovete spostare tramite i tasti di direzione della tastiera e confermare le scelte fatte con Invio.

Clone2.jpg

Se la vostra tastiera è italiana, proseguite senza modificare questa impostazione.

Clone3.jpg

Avviate Clonezilla tramite la prima riga (come già detto non approfondiremo il prompt da riga di comando)

Clone4.jpg

Adesso cominciano le domande leggermente più impegnative che richiedono un minimo di attenzione nel rispondere.

Abbiamo ora due possibili scelte: Device-image disco/partizione su/da immagine, crea un'immagine di un disco fisso o di una partizione da salvarsi in un altro disco/partizione.

Device-device disco/partizione su disco/partizione, crea una copia completa di una partizione/disco fisso su un'altra partizione/disco fisso.

Io scelgo di fare un'immagine della partizione che contiene il sistema operativo, Windows Vista in questo caso.

Clone5.jpg

Scegliamo ora dove salvare la nostra immagine: manteniamo la prima opzione in modo da utilizzare un altro hard disk o drive esterno USB.

Clone6.jpg

Subito dopo questa, vi compare la richiesta di collegare un eventuale disco esterno USB su cui salvare le immagini che state creando. Appena collegate la periferica USB in pochi secondi dovrebbe essere riconosciuta e la clonazione avanza da sola, se non avete una periferica di questo genere premete Invio per proseguire.

Qui è il secondo passaggio dove bisogna prestare attenzione: la prima richiesta che vi viene fatta è di montare il disco o la partizione dove salvare, o leggere, l'immagine creata. Io ho un disco unico diviso in tre partizioni, bisogna che riusciate ad individuarla in base alle dimensioni o alle sigle e numeri iniziali. Nella schermata è indicato il significato delle varie sigle (sda1=disco SATA partizione 1 - hda2=Disco Ide/Pata partizione 2)

Clone7.jpg

Ovviamente non è possibile scegliere come cartella destinazione dell'immagine quella di cui dobbiamo creare la stessa immagine, per fare il backup dovete avere almeno due partizioni, due dischi fissi o un supporto USB di dimensioni adeguate.

Bisogna poi indicare la cartella dove salvare l'immagine che state creando, si può anche lasciare la scelta di default, tanto il programma crea in automatico una sua cartella.

Clone8.jpg

Segue una schermata riassuntiva dello spazio utilizzato sul disco, anche se non ho ben chiaro a quale spazio si riferisca visto che non ho riconosciuto nessuna delle cartelle visualizzate. Comunque basta premere Invio per proseguire.

A questa segue la scelta della modalità di clonazione se Beginner o Expert, io ho lasciato la prima per proseguire, con la seconda ci sono alcune domande in più a cui rispondere.

Tra le cose più interessanti ci sono:

  • La possibilità di cancellare i file di Swap e di ibernazione prima di creare l'immagine in modo da ridurne le dimensioni.
  • La scelta del livello di compressione dell'immagine.
  • Settare le dimensioni dell'immagine se è da suddividere in più file.

Clone9.jpg

Ora arriviamo alla scelta del tipo di clonazione da compiere, in ogni riga è spiegato il significato delle varie operazioni. Dato che stavo creando l'immagine della partizione di sistema scelgo saveparts.

Clone10.jpg

Date un nome, potete lasciare anche quello di default, al file che state creando, lo stesso nome viene assegnato alla cartella che contiene l'immagine.

Clone11.jpg

Selezionate ora la partizione di cui dovete creare l'immagine, per confermare la vostra scelta dovete usare la barra spaziatrice.

Clone12.jpg

Nella prossima schermata trovate un suggerimento su come indicare gli stessi comandi utilizzati in precedenza direttamente da riga di comando, basta premere Invio, come indicato, per proseguire.

C'è poi un'ulteriore richiesta di conferma prima di procedere con la clonazione.

Si avvia la clonazione e bisogna solo aspettare che trascorra il tempo indicato.

Al termine della clonazione messo a confronto l'immagine, della stessa partizione, fatta con Acronis TrueImage e con Clonezilla non ci sono grosse differenze nelle dimensioni.

Clone13.jpg

Pagina successiva
Il ripristino
Pagina precedente
Clonezilla: dal mondo di Linux arriva il clonatore di hard disk

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.23 sec.
    •  | Utenti conn.: 35
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 48
    •  | Tempo totale query: 0.08