Punto informatico Network

20090224155344_383878825_20090224155332_754669158_IE 8.jpg

MIX 2010 presenta Internet Explorer 9

17/03/2010
- A cura di
Zane.
Internet - Prestazioni, aderenza agli standard, accelerazione hardware e pieno supporto ad HTML5. Sono questi gli ingredienti che Microsoft sta miscelando per ottenere la nuova versione del browser web per Windows. Gli appassionati possono già provare il software con mano, grazie ad un release preliminare liberamente scaricabile.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , internet explorer (1) , mix (1) , explorer (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4.5 calcolato su 45 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Due sono le tecnologie principali che osservatori ed appassionati del settore IT attendevano di vedere in azione durante questa edizione di MIX: se Windows Phone 7 è stato l'argomento principale della giornata d'apertura, il "day 2" è tutto incentrato su Internet Explorer 9, la nuova versione del browser web per Windows che Microsoft lancerà sul mercato nei prossimi mesi

MLIShot_17.jpg

A presentare molte delle novità è stato Dean Hachamovitch, General Manager per Internet Explorer.

Maggiori performance per Javascript

Se l'obbiettivo delle versioni 7 e 8 di Internet Explorer è stato quello di offrire un browser più sicuro, quella della prossima incarnazione è indubbiamente quello di ottenere livelli prestazionali superiori ai concorrenti.

In particolare, IE9 sarà in grado di sfruttare al meglio i processori multi-core, parallelizzando alcune attività al fine di ridurre i tempi di caricamento.

Sul palco si è parlatodi un nuovo motore Javascript (nome in codice: Chakra), dotato di velleità di compilatore: se l'idea non è certamente innovativa, Chakra promette di svolgere questa attività suddividendo il lavoro su un core differente rispetto a quello utilizzato per il processo principale: questo significa che, mentre il browser renderizza e mostra la pagina, il motore Javascript compila il codice e lo prepara per essere eseguito non appena il documento principale è pronto.

Più attenzione agli standard

Microsoft ha confermato la propria intenzione rispettare e promuovere gli standard web, affinché il codice realizzato dagli sviluppatori possa funzionare in maniera ideale indipendentemente dal browser web impiegato per visualizzare la pagina.

Il team di sviluppo è ben conscio del fatto che c'è molto lavoro da fare per raggiungere l'obbiettivo: Microsoft si è comunque detta intenzionata a fare la propria parte, coinvolgendo i concorrenti e fornendo "test case" all'ente di standardizzazione W3C.

Standardizzazione in tre componenti: markup HTML, script e fogli di sitle CSS: proprio per prevenire eventuali critiche da parte del pubblico, Hachamovitch ha mostrato i risultati di IE9 alle prese con il celebre ACID Test, impiegato per rivelare l'aderenza agli standard nella gestione dei CSS

MLIShot_5.jpg

L'esito, appena 55 su 100, non è esattamente entusiasmante, ma il team di sviluppo lavorerà nei mesi a venire per ottimizzare anche questo aspetto.

HTML5, SVG, DirectX e... GPU

Internet Explorer 9 sarà completamente incentrato attorno al supporto del nascente standard HTML5. Questo significa un migliore supporto ai vari tag offerti dalla specifica, compreso l'importantissimo <video>: dal palco, Hachamovitch ha mostrato numerosi esempi di come IE9 sia in grado di supportare questo elemento. Un demo in particolare, ha riprodotto un filmato offerto da YouTube tramite HTML5 all'interno del nuovo navigatore Microsoft

MLIShot_19.jpg

Si è ribadita anche l'intenzione di supportare il formato grafico vettoriale SVG: sul palco è stata presa un'immagine campione visualizzata in IE9 e quindi modificata in tempo reale semplicemente operando sul codice sorgente sottostante tramite gli strumenti di debug integrati

MLIShot_11.jpg

È stata poi ribadita l'intenzione di introdurre nel programma il pieno supporto all'accelerazione hardware della GPU. Per fornire un esempio pratico delle enormi potenzialità di questo approccio, Hachamovitch ha utilizzato Google Chrome per riprodurre un filmato ad alta risoluzione (720p) su un netbook. Come prevedibile, i risultati sono stati pessimi: playback a scatti e CPU completamente occupata.

Di contro, visualizzando addirittura due filmati a 720p all'interno di Internet Explorer 9 con supporto all'accelerazione hardware, la riproduzione è risultata perfettamente fluida, pur lasciando ancora ampio spazio al processore centrale per eseguire altre applicazioni.

Le demo in grado di confermare la bontà di tale approccio si sono poi susseguite, con una serie di altri esempi: se gli script più complessi risultavano sempre poco fluidi all'interno dei navigatori della concorrenza, IE9 riusciva a gestirli sempre nel modo ottimale

MLIShot_7.jpg

Tecnicamente, molti di questi risultati sono ottenuti appoggiandosi alle funzionalità offerte da DirectX e Direct2D: tecnologie che, come si ricorderà, sono presenti solamente in Windows 7 e Windows Vista con aggiornamento.

La versione preliminare è scaricabile liberamente

Per consentire agli interessati di provare con mano le tante novità veicolate dalla nuova release di Internet Explorer, Microsoft ha predisposto un sito di riferimento per il prodotto. Da qui, sviluppatori e appassionati possono scaricare una build preliminare di Internet Explorer 9 ed accedere a demo e moltissimo altro materiale informativo.

Come appare evidente, il programma è ancora alquanto incompleto, e non può quindi essere utilizzato per la navigazione quotidiana (manca completamente la barra degli strumenti ad esempio).

Il software può comunque essere installato anche su sistemi di produzione, poiché affianca la versione di Internet Explorer già presente senza sostituirla.

Questa "Platform Preview", come la definisce il sito ufficiale, verrà aggiornata ogni 8 settimane fino alla release definitiva.

Niente update per Windows XP

È importante notare che la "Platform Preview" di Internet Explorer 9 non è compatibile con Windows XP.

Sebbene Microsoft non si sia ancora pronunciata ufficialmente in merito tale anticipazione è da intendersi come la conferma che nemmeno la versione finale del software sarà rilasciata in una declinazione compatibile con il vecchio sistema operativo: d'altro canto, l'assenza del supporto a tecnologie più moderne renderebbero un upgrade ben poco interessante, anche in caso Microsoft decidesse di muovere in tal senso.

Hachamovitch ha confermato ufficialmente che Windows XP non sarà supportato nemmeno dalla release finale di IE9.

Del resto, l'azienda non ha più alcun obbligo per quanto riguarda l'aggiornamento di Windows XP: il prodotto è entrato infatti in fase di supporto esteso ad aprile dello scorso anno e, da allora, il colosso è tenuto solamente a rilasciare aggiornamenti di sicurezza, ma non a veicolare nuove funzionalità.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.33 sec.
    •  | Utenti conn.: 88
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.14