Punto informatico Network

Canali
20080829211519

Trasformare il PC in un videoregistratore digitale!

06/10/2004
- A cura di
Audio Video Multimedia - Videocatturiamo!! Abbandoniamo l'obsoleto videoregistratore e dedichiamoci al digitale.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

digitale (1) , pc (1) , videoregistratore (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 595 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Grazie alle nuove tecniche di compressione ormai sempre più raffinate e a computer sempre più performanti, possiamo dire addio al vecchio VCR analogico e dedicarci alla video cattura digitale!

Tutto quello che occorre è un buon processore che stia al passo con la cattura video, un bold]hard disk molto capiente, una scheda di acqusizione video, una scheda audio, una sorgente da cui acquisire, software in abbondanza, masterizzatore, cavi e adattatori a seconda delle esigenze.

Per la prova useremo un computer con le seguenti caratteristiche:

TV_digitale.gif

  • Processore: Intel P4 2.4GHz
  • RAM: 1Gb DDR PC2700
  • Motherboard: ASUS P4PE
  • Hard Disk: Maxtor DiamondMax Plus 9 60Gb (NTFS)
  • Scheda Audio: Creative AUDIGY Player
  • Scheda Acquisizione: Pinnacle PCTV Rave
  • Scheda Video: Non importa…Comunque una Creative GeForce FX5200
  • Masterizzatore: LG 52x24x52x

Come ho detto prima, la velocità di calcolo del processore è fondamentale se vogliamo acquisire ad alte risoluzioni. RAM non è strettamente necessario averne tanta. Molto importante è la capacità dell'hard disk, che deve essere abbondante siccome si tratterà di gestire

File di diversi Giga. La scheda audio, sarà sufficiente che abbia il Line-In... Per quanto riguarda invece la scheda di acquisizione vi potete sbizzarrire, l'importante è che non sia proprio un betolino da 2 soldi. Con un piccolo investimento di 70/80€ (e anche meno) possiamo permetterci una buona scheda di acquisizione video, che oltre ad essere indispensabile per effettuare le registrazioni sul nostro PC, ci consentirà anche di vedere TV sul computer (se è predisposta) e non solo...

Esistono anche soluzioni all-in-one, tipo la all-in-wonder ATI, che combinano sulla stessa scheda sia la scheda video che quella di acquisizione, ma è una soluzione che può andar bene per chi non cambia spesso la scheda video. Personalmente consiglio quella utilizzata nella prova che, oltre ad essere economica, funziona ottimamente.

La risoluzione

La risoluzione da utilizzare nella cattura video, come ho detto prima, dipende oltre che dalla velocità di calcolo del processore, anche da quello che vogliamo acquisire. Ovvero, se decidiamo di acquisire la vecchia videocassetta che i nostri genitori fecero per immortalarci mentre un dinosauro (ovviamente finto) ci mordeva la mano allo zoo safari, non è necessario acquisire a risoluzioni da DVD (720x576). Il mio consiglio è di utilizzare una risoluzione di 352x288 pixel@25fps per qualsiasi fonte analogica (videocassette, vecchi video-amatoriali, ecc...) e di 720x576 pixel@25fps per tutte le fonti digitali (decoder satellitare, DigitalBox, ecc...). Queste risoluzioni sono conformi allo standard di visualizzazione video in Italia, ovvero il PAL (Phase Alternate Line).

Nella prova che faremo cattureremo un film dal ricevitore satellitare (GoldBox) alla risoluzione di 720x576 pixel@25fps.

Il software

Di programmi ne useremo parecchi, e anche se alcuni si potrebbero eliminare, preferisco citarli perché li giudico molto validi.

  • Partiamo con il codec, che ovviamente non poteva altro che essere il

    DivX Pro 5.1. Nessuno vi vieta di utilizzare un altro software per l'encoding, se vi garba di più XviD utilizzate pure quello.

  • Virtual VCR servirà per la prima acquisizione a minima compressione.
  • L'immancabile VirtualDub verrà utilizzato per la seconda fase di encoding e per il video editing (ma guarda un po' ...). Assieme a VirtualDub useremo un paio di filtri creati apposta per deinterlacciare, se necessario, in maniera ottimale il filmato.
  • Nandub è uno di quei software che si potrebbero lasciare nel cassetto, ma visto che l'audio lo gestiremo separatamente, ci tornerà utile per unire la traccia audio a quella video (e anche per editing se necessario).
  • Per l'audio appunto useremo BeSweet (altro software aggiuntivo). Non spaventatevi per la miriade di opzioni che troverete, ne useremo pochissime... BeSweet è un programma DOS, ma noi utilizzeremo l'interfaccia grafica creata apposta per facilitarne l'utilizzo.

Dove prendere tutto il software necessario

Prima di proseguire con la lettura e i collegamenti, assicuratevi di scaricare ed installare correttamente tutto il software necessario: come detto poco fa, ve ne servirà un bel po' , ma fortunatamente è tutto materiale free, alcuno addirittura open source.

Pagina successiva
Collegamenti Hardware

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.24 sec.
    •  | Utenti conn.: 84
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 21
    •  | Tempo totale query: 0.12