Punto informatico Network
20100224082228_1870817663_20100224082144_646874533_steam_spotlight.png

Gabe Newell, CEO Valve: "Puntiamo su GNU/Linux perché Windows 8 sarà un disastro"

27/07/2012
- A cura di
Linux & Open Source - L'amministratore delegato di Valve, parlando del futuro della sua società, ha criticato aspramente il nuovo sistema operativo di casa Microsoft, spiegando come la compagnia stia cercando di far crescere GNU/Linux come principale alternativa portando Steam e tutti i suoi videogiochi su tale piattaforma.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

videogiochi (1) , windows (1) , giochi (1) , linux (1) , ceo (1) , valve (1) , videogame (1) , windows 8 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 6 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

La notizia dello sviluppo ufficiale delle versioni per GNU/Linux della nota piattaforma videoludica Steam, del motore grafico Source Engine e del popolare videogame Left 4 Dead 2 ha portato una ventata di novità all'interno della comunità del Pinguino, facendo davvero sperare in uno sviluppo delle varie distro open source anche in questa fascia di mercato molto importante.

Valve-Linux.jpg

Il comunicato che era apparso sul blog ufficiale di Valve, la società produttrice di Steam, faceva intuire come quest'ultima stesse davvero puntando sul mondo GNU/Linux, visto che oltre al porting del client, di Source Engine e di Left 4 Dead 2 l'azienda stava promuovendo lo sviluppo di titoli videoludici anche presso altre compagnie del settore.

A conferma di questo, il CEO di Valve Gabe Newell, nel corso di un'intervista rilasciata a VentureBeat, ha spiegato come la sua società "stia cercando di fare in modo che Linux cresca. Uno dei problemi più grandi per Linux è l'assenza di giochi. Quando riflettono sulle varie piattaforme disponibili, credo che molte persone sottovalutino il fatto che i giochi più importanti sono un traino fondamentale per gli acquisti e l'utilizzo di quella piattaforma. Quindi stiamo continuando a lavorare insieme con i programmatori che si occupano delle distribuzioni Linux per portare su questa piattaforma Steam, i nostri giochi e rendere questo passaggio il più semplice possibile per gli altri nostri partner".

Newell.jpg

Ma perché Valve sta puntando così tanto sul mondo GNU/Linux? La causa sembra essere Windows 8, il nuovo sistema operativo di casa Microsoft il cui rilascio è previsto per il 26 ottobre, che con la sua nuova interfaccia Metro e le varie novità introdotte ha fortemente preoccupato la società americana, convincendola della necessità di proporsi su mercati alternativi. A tale proposito, le parole di Newell sono significative: "Credo che Windows 8 sia una catastrofe pressoché per tutti nel mondo del PC. Penso che stiamo per perdere alcuni storici produttori di videogiochi per PC, che decideranno di uscire da questo mercato. La possibilità di marginare su questa piattaforma sta diventando sempre più esigua. Se tutto questo risultasse vero, sarebbe fondamentale avere delle alternative. Ma quando si inizia a pensare a una nuova piattaforma, bisogna accollarsi delle sfide, come per esempio accade nel mobile.".

Parole molto dure nei confronti di Mircosoft, che sanciscono una frattura importante fra il colosso di Redmond ed i vari produttori di videogiochi, i quali non sembrano affatto intenzionati a continuare a sviluppare titoli su una piattaforma che, sempre secondo Newell, sta diventando sempre più chiusa grazie anche al nuovo Windows Store, il quale porterebbe gravi danni economici a Valve e agli altri sviluppatori in quanto esso toglierebbe utenza a piattaforme come Steam.

Proprio per questo motivo la società di Newell ha deciso di puntare su piattaforme alternative, più aperte di Windows 8, e la scelta è ricaduta immediatamente su GNU/Linux, che fa del modello open la sua filosofia di base.

Visti anche gli accordi che Electronic Arts ha raggiunto con Canonical per l'introduzione di alcuni titoli nell'Ubuntu Software Center, e alla notizia che il Game Engine Unity3D sarà compatibile con GNU/Linux, si prospetta una maggiore diffusione del sistema del Pinguino in ambito videoludico nel prossimo futuro, tanto da minare l'egemonia di Microsoft?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 10
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.05