Canali
20110329154013_1366641448_20110329154010_1761844703_600px-ReactOS_logo.svg.png

ReactOS è il clone gratuito che regalerà Windows a tutti

04/04/2011
- A cura di
Zane.
Tecnologia & Attualità - MegaLab.it ha provato per voi "ReactOS", il sistema operativo open source che aspira a divenire l'alternativa libera a Windows. Il potenziale c'è ma, al lato pratico, non siamo rimasti particolarmente impressionati: ecco perché.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , gratuito (1) , reactos (1) , guida (1) , clone (1) , prova (1) , su (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 18 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Sin dal lontano 1998, il team di appassionati noto come ReactOS Foundation lavora ad un sistema operativo open source che, a sviluppo completato, possa risultare compatibile con Windows ma utilizzabile liberamente da tutti.

Il nome del progetto è ReactOS

Cover.jpg

L'obbiettivo è ambizioso quanto complesso, ed il traguardo ancora molto lontano: ad oggi, infatti, ReactOS è un software in fase embrionale, giudicato inadeguato per l'impiego sui sistemi di produzione anche dagli sviluppatori stessi.

Per capire in prima persona come stiano procedendo i lavori, ho deciso di fare un "giro di prova" con la versione 0.3.13-REL rilasciata a fine marzo 2011.

Nota: Inizialmente, avevo previsto di installare ReactOS su un PC fisico. Nonostante abbia provato però su due macchine diverse e con due CD diversi, il setup si è sempre bloccato subito dopo il caricamento iniziale. Di conseguenza, ho ripiegato su una macchina virtuale gestita da VirtualBox, sulla quale il sistema operativo si è finalmente installato correttamente. Di conseguenza, alcuni dei problemi segnalati potrebbero essere causati dall'ambiente virtualizzato, più che da un difetto del sistema operativo stesso.

Ottenere ReactOS

La prima cosa da fare per provare ReactOS è scaricare uno dei pacchetti disponibili alla pagina dedicata. È presente l'immagine ISO con la procedura di installazione da masterizzarsi su CD (quella da me provata), un Live CD per testare il sistema operativo senza installare nulla sull'hard disk e varie macchine virtuali pronte all'uso.

Come anticipato, il materiale è distribuito con licenza GNU GPL ed è quindi scaricabile ed utilizzabile da tutti gli interessati in maniera gratuita.

Installazione

La procedura d'installazione è ispirata a quella di Windows XP

MLINewShot_0677.jpg

La fase preliminare, testuale, consente di scegliere la lingua (è presente anche l'italiano), gestire (in maniera alquanto rudimentale) il partizionamento del disco e copiare i vari file.

La seconda fase è invece interamente grafica ed è dedicata alla raccolta delle preferenze personali

MLINewShot_0684.jpg

Il tutto è sorprendentemente rapido: in meno di 5 minuti il sistema si riavvia...

MLINewShot_0681.jpg

.... e siamo davanti al desktop

MLINewShot_0689.jpg

Pagine
  1. ReactOS è il clone gratuito che regalerà Windows a tutti
  2. Pagina 2
  3. Pagina 3

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 35
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.24