Punto informatico Network

20080917004203_2137490269_20080917004117_2068366606_Chrome.png

Google Chrome 6 dev: sincronizzazione delle estensioni, WebM, PDF ed altro ancora

21/06/2010
- A cura di
Zane.
Internet - La prossima versione di Chrome è ancora in lavorazione, ma le anteprime mostrano già numerosi miglioramenti interessanti. Si spazia da alcuni ritocchi all'interfaccia alla possibilità di sincronizzare le estensione fra più sistemi, ma c'è anche il decoder per visualizzare i filmati in streaming tramite WebM.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , pdf (1) , chrome (1) , google chrome (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 13 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sui canali "beta" e "dev" di Google Chrome sono in circolazione da qualche tempo le compilazioni preliminari della prossima iterazione del velocissimo browser realizzato dal colosso della ricerca: Google Chrome 6

1_main.jpg

Ad alcuni mesi dal debutto della release 5 stabile, il numero di funzioni aggiuntive implementate sulla sesta major release inizia a diventare consistente.

Nuovo tema

Google Chrome 6 veicola un nuovo tema di colore grigio. La differenza, rispetto all'azzurro delle release precedenti, risulta comunque visibile solo agli osservatori più attenti

2_theme.jpg

Chi non gradisse la novità può comunque tornare alle tinte precedenti installando il tema "Classic Blue".

Interfaccia semplificata

La sesta versione maggiore di Google Chrome presenta numerosi ritocchi minori all'interfaccia, fra i quale ne spiccano principalmente due.

Innanzitutto, il prefisso http:// non è più mostrato nella barra degli indirizzi. Al contrario delle build meno recenti però, la funzione gestisce correttamente anche il copia-incolla di indirizzi da e verso il campo

3_http.jpg

In secondo luogo, il pulsante "Vai" alla fine delle barra è stato completamente rimosso.

Estensioni sempre sincronizzate

Venendo a novità più consistenti, troviamo la possibilità di sincronizzare le estensioni installate fra calcolatori differenti

4_sync.jpg

Tale caratteristica risulta molto interessante per coloro che si trovino a lavorare su più di una macchina, poiché consente di installare un'estensione su un solo computer e ritrovarsela poco dopo anche su tutti gli altri.

Per attivare la novità è necessario lanciare il browser web aggiungendo il parametro --enable-sync-extensions --sync-url=https://clients4.google.com/chrome-sync/dev e, quindi, abilitare la sincronizzazione da Chiave inglese -> Opzioni -> Impostazioni personali -> Sincronizza: -> Personalizza....

Supporto integrato ai documenti PDF

Similmente a quanto visto mesi addietro con l'integrazione di Flash Player, Google ha scelto di dotare il proprio browser web anche del supporto nativo ai documenti PDF

5_PDF_view.jpg

Questo significa che i popolari documenti nel formato spinto da Adobe possono essere aperti direttamente nel navigatore, senza installare alcun plug-in aggiuntivo.

Il messaggio di presentazione ha spiegato che la funzione è notevolmente più sicura rispetto all'approccio precedente, poiché il visualizzatore lavora nella stessa sandbox isolata dal sistema operativo nella quale opera l'intero browser.

Inoltre, lo strumento verrà auto-aggiornato dall'automatismo Google Updater: questo significa che all'utente non è richiesta alcuna particolare attenzione per utilizzare sempre la versione più recente.

Anche in questo caso, è necessario attivare manualmente il supporto: digitare Chrome://plugins nella barra degli indirizzi e quindi cliccare sul link Abilita in corrispondenza di Chrome PDF Viewer.

Pagine
  1. Google Chrome 6 dev: sincronizzazione delle estensioni, WebM, PDF ed altro ancora
  2. Pagina 2

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.12 sec.
    •  | Utenti conn.: 101
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0