Punto informatico Network

20080917004203_2137490269_20080917004117_2068366606_Chrome.png

Google Chrome 5 è pronto in versione stabile

27/05/2010
- A cura di
Zane.
Internet - È arrivato un importante aggiornamento per tutti coloro che preferiscono le build stabili di Chrome: la quinta versione principale veicola nuove funzioni e apre ufficialmente le porte a Mac e Linux.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , chrome (1) , google chrome (1) , versione (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 9 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Con un messaggio apparso sul blog ufficiale, il team alle spalle di Google Chrome ha annunciato martedì sera la disponibilità della quinta edizione in forma stabile del programma

MLIShot_1.jpg

Sebbene non siano esattamente sbalorditive, sono comunque interessanti le novità che Google Chrome 5 (5.0.375.55, per la precisione) presenta all'utenza.

In primo luogo, si parla di significativi incrementi nelle performance di V8, l'interprete Javascript in dotazione al navigatore: miglioramenti superiori al 30% rispetto alla versione 4 che salono a più del 200% (o 300%, a seconda del test considerato) una volta che i risultati vengono paragonati a quelli totalizzati dalle prime build del 2008

V8_benchmark_suite_-_version_5.png

Ci sono però anche nuove funzioni: il meccanismo di sincronizzazione fra più computer è ora in grado di allineare non solo i segnalibri, ma anche le impostazioni personali come temi, pagina iniziale, opzioni di avvio, preferenze relative alle specifiche pagine web, lingue, e anche livello di zoom.

Dal gestore delle estensioni è inoltre possibile scegliere quelle da abilitare anche durante la modalità privata Incognito

MLIShot_3.jpg

Migliorato il supporto alle funzioni avanzate di HTML5 (API di geo-locazione, App Cache, web sockets, e drag-and-drop per i file) e raffinato il pannello per l'organizzazione dei preferiti, che ora si presenta sottoforma di scheda

MLIShot_2.jpg

C'è poi anche il servizio di traduzione automatica dei contenuti integrato: come forse si ricorderà, questa interessante funzione aveva esordito nel canale "beta" lo scorso marzo.

La build corrente non è ancora equipaggiata con Flash Player di serie ma, assicurano da Google, la variazione arriverà contestualmente alla disponibilità pubblica di Flash 10.1. In verità, il componente è già presente anche oggi, ma è disabilitato di default: gli interessati possono attivarlo lanciando Google Chrome con il parametro --enable-internal-flash.

Questa quinta major release segna anche un'importante svolta per Mele e Pinguini: Chrome 5 è infatti la prima edizione del browser ad essere classificata ufficialmente come "stabile" anche per Mac e Linux

MLIShot_5.jpg

Tutti coloro che già impiegassero il browser di Google riceveranno automaticamente la versione più recente nei prossimi giorni. Chi invece non avesse mai installato il programma o preferisse procedere immediatamente con l'update, può scaricare gratuitamente il pacchetto d'installazione da questa pagina.

Per i più avventurosi..

Quella presentata oggi è la versione "stabile" di Chrome, ovvero quella che, pur rinunciando alle ultimissime novità, è stata maggiormente testata ed è consigliata per l'utilizzo sui sistemi "di produzione".

Gli utenti più smanettoni potrebbero però essere interessati a installare la versione beta del programma, ovvero quella che, pur non essendo ancora perfettamente collaudata ed affidabile, consente di dare un'occhiata in anteprima alla futura evoluzione del software.

A chi invece ama vivere pericolosamente, il team di sviluppo propone la release del canale "developer" mediante la quale è possibile utilizzare oggi Google Chrome 6, sebbene in forma altamente preliminare.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 3.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 48
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 2.94