Punto informatico Network

20090906161913_197948539_20090906161837_137520464_Opera_logo.png

Opera 10.53 brilla su Windows, risplende su Mac (e corregge un bug di sicurezza)

29/04/2010
- A cura di
Zane.
Internet - La nuova versione di Opera per Windows propone una pioggia di correzioni minori. Su Mac, invece, la release aggiorna completamente il navigatore alle tecnologie più recenti.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , opera (1) , mac (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3 calcolato su 4 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Opera Software ha rilasciato da pochi giorni una nuova versione del proprio navigatore per computer propriamente detti. Opera 10.53 è scaricabile, partendo da qui, per Windows e Mac

MLIShot5.jpg

In realtà, l'aggiornamento più significativoè stato veicolato da Opera 10.52. In tale build però, rilasciata appena due giorni prima, è stato individuato un baco di sicurezza piuttosto grave, che avrebbe potuto consentire ad un cracker di compromettere l'integrità di un calcolatore-vittima semplicemente predisponendo una pagina web progettata ad hoc.

Ad ogni modo: gli utenti dei sistemi operativi Microsoft non troveranno significative novità in Opera 10.52/53 rispetto a quanto proposto dalla ottima 10.50 del marzo scorso: il changelog propone una cascata di bugfix per difetti non particolarmente rilevanti, ma nessuna nuova funzionalità.

Nettamente diversa la situazione per quanto riguarda la piattaforma Apple: come forse si ricorderà infatti, la release 10.50 di Opera era stata proposta unicamente in versione Windows. Gli utenti dei sistemi Mac che avessero voluto preferire il navigatore norvegese a Safari invece, erano costretti a rimanere legati alla precedente build 10.10

O105x_Mac_QuickFind_Addressbar.png

In questo senso, Opera 10.52 per Mac è la nuova major release del browser per i sistemi della Mela, e veicola tutte le più importanti novità che Opera 10.50 aveva portato su Windows. Si parla quindi dell'interfaccia ottimizzata, la modalità privata, HTML5, i velocissimi motori Carkan e Vega e tutto il resto, a cui si affianca l'integrazione con Cocoa, il supporto al multi-touch e a Growl.

Del poker di sistemi operativi supportati, rimangono quindi indietro solamente FreeBSD, Solaris e, soprattutto Linux: per queste piattaforme, l'ultima release di Opera disponibile è la vetusta 10.10

Opera Software ha comunicato l'intenzione di abbandonare lo sviluppo di Opera per Solaris. Con tutta probabilità quindi, quella attualmente in circolazione è l'ultima build del navigatore compatibile con la piattaforma UNIX di Sun (grazie a developerwinme per la segnalazione).

Affinché i pinguini possano giovare di tutte le novità della nuova generazione sarà necessario attendere almeno fino a metà maggio, arco temporale in cui è prevista una beta del software compatibile con Linux.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 103
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.19