Punto informatico Network

20080920114138_1635536292_20080920114114_577364590_AMD 1.png

L'hexa-core di AMD arriverà nel 2010

27/09/2009
- A cura di
Zane.
Hardware & Periferiche - AMD svela i propri piani per la prima CPU per desktop motorizzata da sei core ad alta velocità. L'anti-quad core arriverà l'anno prossimo, ma sarà compatibile con l'attuale generazione di schede madri.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

amd (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 105 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

AMD ha confermato di essere impegnata nella realizzazione di Thuban, nome in codice della prima CPU a sei core indirizzata al mercato di massa.

Gli appassionati dovranno però pazientare ancora parecchi mesi prima di poter mettere le mani sul nuovo gioiellino: il microprocessore non arriverà infatti prima del 2010, sebbene non sia chiaro se si intenda la prima o la seconda metà dell'anno.

I sei core troveranno spazio su un die da 45 nanometri, che includerà anche un controller di memoria DDR3 integrato. Gli esperti si aspettano anche una dotazione di cache L2 pari a 3 MB, affiancata da 6 MB di L3, ed ipotizzano che il nome commerciale del prodotto possa essere Phenom II X6.

È probabile che le frequenze di funzionamento siano più contenute rispetto alle controparti quad core: lo scopo sarebbe quello di contenere la quantità di calore addizionare generata dai due core supplementari.

È comunque importante ricordare che si tratta, al momento, di mere speculazioni.

Con tutta probabilità, Thuban andrà a posizionarsi nella fascia più alta del mercato, trovandosi a fronteggiare la famiglia di processori Intel Core i9 della concorrente diretta. Nemmeno questi ultimi sono ancora presenti sul mercato (al momento sono noti solamente con il nome in codice di Gulftown), ma i piani di Intel guardano allo stesso 2010 come finestra temporale di riferimento.

Rispetto ad Intel però, AMD potrà giocare una carta importantissima: la retrocompatibilità. Stando alle dichiarazioni di un portavoce infatti, i nuovi Thuban potranno essere utilizzati anche in abbinamento alle schede madri già in circolazione oggi, ovvero quelle dotate di socket AM2+ e AM3.

Proprio questo aspetto potrebbe fare la differenza rispetto all'offerta di Intel. Già oggi infatti, il concorrente utilizza almeno tre socket distinti per i propri prodotti, generando una certa confusione e forzando l'utenza ad aggiornare anche la scheda madre in caso si desiderasse passare da una classe di prodotto a quella superiore.

Un altro aspetto da verificare sarà quello relativo ai reali miglioramenti prestazionali introdotti dai due core aggiuntivi: come rilevato qualche tempo addietro infatti, l'attuale generazione di software fatica ancora a trarre benefici dall'architettura quad core. La presenza di sei motori potrebbe quindi garantire importanti benefici in scenari di multitasking molto spinti, ma risultare scarsamente rilevante nell'impiego di singole applicazioni.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.73 sec.
    •  | Utenti conn.: 78
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.56