Punto informatico Network

Canali
20080829210119

Macchine Fotografiche Digitali

13/06/2005
- A cura di
Hardware & Periferiche - Le tecnologie, i componenti, tutti i suggerimenti per scegliere quella più adatta.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 279 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Foto1.jpgSe ne legge sempre più spesso, anche sulla stampa non specialistica; le vetrine dei negozi di informatica e di materiale fotografico espongono modelli sempre più nuovi e sofisticati; se ne vedono sempre di più al collo dei turisti.

Parliamo delle Macchine Fotografiche Digitali, nuovo "oggetto del desiderio" del sempre più numeroso popolo del PC. Eppure, il loro costo, anche se in costante discesa, è ancora piuttosto elevato, e, fatte salve le fotocamere professionali, che costano dai 10 milioni in su, la qualità su stampa delle foto scattate con questi strumenti, non è ancora oggi paragonabile a quella ottenibile con una buona, tradizionale, e, soprattutto, meno costosa, macchina fotografica, a meno di mettere ancora mano al portafogli, per comprare l'ultimo modello di stampante dedicata alla fotografia (cartucce con inchiostri particolari, testine speciali, costo dalle 500.000 lire in su), abbinata ad una carta fotografica speciale (dalle 30.000 alle 50.000 lire per una risma da 15 - 20 fogli in formato A4). Ma gli ultimi modelli usciti sul mercato, e quelli che sono in previsione di uscire nei prossimi mesi, promettono di raggiungere le fotocamere tradizionali sulla strada della qualità fotografica, anche perché le macchine fotografiche che noi conosciamo da sempre, rappresentano un prodotto già abbondantemente maturo, e con pochi margini di miglioramento, pur con l'ausilio della elettronica più sofisticata, mentre quelle digitali hanno solo pochi anni di vita, e promettono sviluppi futuri impensabili! Staremo a vedere!

Quale è allora il segreto di un simile successo, che vede incrementi a due cifre nelle vendite di queste macchine, laddove, invece, c'è stagnazione nel mercato delle reflex e delle compatte 35 mm? E che, soprattutto, vede la discesa in campo, oltre ai principali produttori di macchine fotografiche tradizionali, come Canon, Nikon, Olympus, anche colossi dell'informatica, come Epson, HP, Sony, etc..?

Ad ognuno il suo

Le risposte, e, quindi, le motivazioni di acquisto, sono molteplici:

  • La possibilità di vedere immediatamente, sul proprio monitor, o stampate su carta, le foto scattate, con un considerevole risparmio di tempo. Ciò è particolarmente utile per chi con le foto ci lavora giornalmente, come fotografi professionisti, giornalisti, architetti, arredatori, periti assicurativi, etc. Ma, a ben guardare, questo aspetto può essere interessante anche per l'utente non professionale, che, oltretutto, si risparmia anche tre viaggi dal fotografo; il primo, per comprare il classico rollino fotografico, il secondo per portargli il rullino con le foto scattate, ed il terzo per ritirare le foto agognate. Ma se andassero perse...? Può succedere, no? (non me ne vogliano gli amici fotografi!)
  • La possibilità di correggere eventuali errori di ripresa (tipicamente, gli "occhi rossi" nelle foto scattate con il flash), e di elaborare le foto secondo il proprio gusto estetico, aggiungendo uno sfondo, o utilizzando una particolare dominante di colore; in ciascuno di noi, non si nasconde forse un artista? E poi, siamo sempre soddisfatti dei tradizionali laboratori di sviluppo fotografico? Quanti di questi fanno ancora opera di fotoritocco?
  • La possibilità di archiviare le foto in pochissimo spazio, quello del nostro disco fisso, o, disponendo di un masterizzatore, di qualche CD. Avete mai pensato a quanto spazio occupano materialmente le centinaia, per non dire migliaia, di foto che ciascuno di noi accumula nella propria vita? Numeri e numeri di raccoglitori, di tutte le forme, di tutte le dimensioni, di tutti i colori, per non dire delle foto disseminate nei cassetti, perché non avete tempo per metterle in ordine!
  • La certezza che le nostre foto non ingialliranno mai, e conserveranno sempre nel tempo i loro colori, anche a distanza di decenni, fatta salva, naturalmente, la durata del supporto fisico sul quale le abbiamo memorizzate.
  • Foto2.jpg
  • La possibilità di spedire le nostre foto via e-mail, a parenti ed amici, per condividere con loro i nostri momenti più belli, con estrema semplicità, rapidità, senza rischio di andare perdute, ed al solo costo di un collegamento Internet.
  • La facilità con cui è possibile duplicare ed ingrandire le nostre foto;
  • La possibilità di inserirle nei nostri documenti, o, perché no? nel nostro sito Web.
  • La possibilità, per l'appassionato di fotografia, di risparmiare centinaia di migliaia di lire all'anno nell'acquisto di rullini fotografici, e nella successiva stampa presso i laboratori fotografici tradizionali, ammortizzando, nel giro di pochi anni, i soldi spesi nell'acquisto di fotocamera digitale e stampante fotografica.

E tante, tante altre motivazioni ancora, che ciascuno di noi può trovare dentro di se!

Pagina successiva
Il sensore ccd

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.56 sec.
    •  | Utenti conn.: 96
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 25
    •  | Tempo totale query: 0.42