Punto informatico Network

Canali
20080829214314

Quali garanzie per l'hardware?

17/06/2005
- A cura di
Hardware & Periferiche - Un componente o una periferica non funziona come dovrebbe? Il venditore è tenuto ad una serie di comportamenti ben precisi, tesi a garantire il prodotto venduto. Per non sentirsi più dire "le spese di spedizione sono a suo carico"..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

hardware (1) , garanzie (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 544 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Chissà quante volte vi sarà capitato di fare un acquisto e di scoprire, qualche minuto, ora o giorno dopo... che l'oggetto in questione presentava difetti e vizi tali da renderne impossibile l'uso o da diminuirne in modo apprezzabile il valore! XP_bugging.gif

Solitamente, chi si trova in questa situazione si rivolge al venditore, lamentando il fatto che il bene acquistato presenta anomalie. È qui che sorgono i problemi: se siete fortunati, trovate il commerciante onesto, che, nei casi previsti dalla legge, provvede a riparare o a sostituire il bene, ovvero a ridurre il prezzo da voi pagato o a risolvere il contratto.

Tuttavia, capita anche di incappare in personaggi alquanto scorretti, che, con le classiche parole "non posso farci niente!", vi fanno uscire dal negozio con la coda tra le gambe. Ora, chi conosce Legge, può fare valere i propri diritti (e vi garantisco che quelli del consumatore sono veramente tanti, soprattutto dopo l'intervento del legislatore comunitario), ma chi non conosce il Codice Civile, lascia correre tutto...

I diritti dell'acquirente

In prima battuta, è bene sapere che il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi ed è responsabile, nei confronti del consumatore, per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. Per "venditore", si intende qualsiasi persona fisica o giuridica, pubblica o privata, che esercita un'attività imprenditoriale o professionale (art. 1519 bis, comma 2 lettera c), c.c.).

Con l'accezione "vizio", invece, si fa riferimento ad un difetto di conformità, ad un'imperfezione materiale o a qualsiasi altra anomalia, tale da rendere il bene inidoneo all'uso a cui è destinato o da diminuirne in modo Tool_LCD.gifapprezzabile il valore (art. 1490, comma 1, c.c.).

Tuttavia, se al momento dell'acquisto il compratore conosceva tali vizi, la garanzia di cui sopra non è dovuta. Allo stesso modo, tale garanzia non è dovuta se i vizi erano facilmente riconoscibili (non occulti), salvo, in quest'ultimo caso, che il venditore abbia dichiarato che la cosa era esente da vizi (art. 1491 c.c.). Esemplificando, se compro una tastiera per il mio PC e a questa mancano dei tasti, siamo di fronte ad un vizio facilmente riconoscibile, con la conseguenza che il venditore non è tenuto a garantirmi l'immunità da vizi. Tuttavia, se, nonostante il vizio palese, il venditore dichiara che la tastiera non ha difetti e funziona in ogni modo al 100%, allora la garanzia mi spetta.

Nel caso in cui il compratore si sia accorto del vizio solo ad acquisto avvenuto, egli può domandare, a sua scelta (art. 1492, comma 1, c.c.):

  • la risoluzione del contratto (salvo che, per determinati vizi, gli usi la escludono): in questo caso, il venditore deve restituire il prezzo e rimborsare al compratore le spese e i pagamenti legittimamente fatti per la vendita. A sua volta, il compratore dovrà restituire la cosa (art. 1493 c.c.) ;
  • la riduzione del prezzo, in ragione del minor valore che il bene ha per effetto del vizio, o della minore utilità offerta dal bene.

In ogni caso, il venditore è tenuto, verso il compratore, al risarcimento del danno, se non Bullet_triangle_red.pngprova di aver ignorato senza colpa i vizi della cosa (art. 1494, comma 1, c.c.). Ciò significa che il venditore può liberarsi dall'obbligo di risarcire il danno, provando che, nonostante un controllo diligente e accorto, non conosceva i difetti del bene.

Il risarcimento deve comprendere anche i danni derivati dai vizi della cosa (art. 1494, comma 2, c.c.): se, ad esempio, acquisto un bene difettoso e questo va a fuoco, danneggiando altri miei beni o procurandomi danni fisici, il venditore dovrà risarcirmi tali danni!

"Le spese di spedizione" un corno!

Il decreto legislativo 2 Febbraio 2002, n. 24, recante attuazione della direttiva 1999/44/CE su taluni aspetti della vendita e delle garanzie di consumo, ha affiancato, agli originari rimedi della risoluzione del contratto e della riduzione del prezzo, una terza soluzione a vantaggio del consumatore: in caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese (per la spedizione, la mano d'opera e i materiali), della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione (art. 1519 quater, comma 2, c.c.). Il consumatore può chiedere, a sua scelta, la riparazione o la sostituzione del bene, purché il rimedio richiesto sia oggettivamente possibile e non eccessivamente oneroso rispetto all'altro, nel senso che il rimedio in questione non deve imporre al venditore spese irragionevoli rispetto all'altro rimedio (art. 1519 quater, commi 3 e 4 c.c.).

Le riparazioni o sostituzioni di cui si è detto devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, in considerazione della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato lo stesso (art. 1519 quater, comma 5 c.c.).

I termini di garanzia

Per quanto attiene ai termini di decadenza dal diritto alla garanzia, è opportuno sottolineare come la direttiva comunitaria 1999/44/CE sia a favore del consumatore: l'articolo 1495 c.c. prevede che il Tool.gifcompratore decade dal diritto alla garanzia, se non denuncia i vizi al venditore entro otto giorni dalla scoperta (un termine piuttosto breve!), salvo il diverso termine stabilito dalle parti o dalla legge; tuttavia, la direttiva 1999/44/CE ha affidato all'art. 1519 sexies, comma 2, c.c. la previsione secondo cui il consumatore decade dai suoi diritti, se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto (un termine decisamente più ragionevole rispetto al precedente). Il venditore, dal canto suo, è responsabile quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene.

Differisce dalla garanzia per i vizi della cosa venduta, la garanzia di buon funzionamento, disciplinata dall'articolo 1512 c.c.: essa opera quando il venditore ha garantito, per un tempo determinato, il buon funzionamento della cosa venduta, con la conseguenza che il compratore, salvo patto contrario, ha trenta giorni di tempo per denunciare al venditore il difetto di funzionamento.

Vediamo quindi che, mentre la garanzia per vizi è un effetto naturale del contratto di compravendita, la garanzia di buon funzionamento è pattuita dalle parti.

Ma io non ho comprato... questo!

Altra cosa ancora è la c.d. consegna aliud pro alio: qui il bene acquistato non è difettoso, ma è sostanzialmente diverso da quello pattuito dalle parti; la cosa venduta, in pratica, non ha le qualità promesse ovvero quelle essenziali per l'uso a cui è destinata (art. 1497 c.c.) In questo caso, al compratore spetta la normale azione di risoluzione del contratto per inadempimento.

Non ve lo auguro, ma nel caso in cui acquistiate beni difettosi, ora sapete come comportarvi. Se dimostrate di conoscere Legge, nessuno (o quasi) potrà più approfittare di voi..

Buono shopping e prudenza!

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 168
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.18