Punto informatico Network

20090701110851_93613231_20090701110804_1874126664_289px-Skype_logo2.svg.png

Skype è ora proprietà di Microsoft

11/05/2011
- A cura di
Zane.
Tecnologia & Attualità - Microsoft ha ufficializzato l'accordo per l'acquisizione di Skype, in una sovradimensionata transazione multi-miliardaria che lascia con numerosi interrogativi. L'obbiettivo, però, potrebbe essere quello di lasciare Google e Facebook a bocca asciutta. Quale destino per la declinazione Linux?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , skype (1) , ora (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 5 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Tramite un'operazione valutata complessivamente circa 8,5 miliardi di dollari, Microsoft ha annunciato martedì pomeriggio l'acquisizione di Skype, leader indiscusso della comunicazione Voice over IP (VoIP). Una volta concluso il consueto iter burocratico e legislativo previsto per le transazioni di questa portata, il colosso di Redmond potrà vantare il controllo pressoché completo del gruppo.

Gli osservatori sono rimasti disorientati dalla decisione. Non solo la cifra versata parrebbe essere sproporzionata (Skype ha un giro d'affari nettamente inferiore al miliardo di dollari l'anno e una profittabilità che si aggira attorno ai 300 milioni), ma Microsoft già dispone a portafoglio di numerose tecnologie analoghe, quali Windows Live Messenger per il pubblico consumer ed il corrispondente Microsoft Lync per il settore aziendale: la software house si ritrova quindi al controllo di prodotti direttamente concorrenti, in uno scenario che, come già visto, innalza vertiginosamente i costi di gestione senza portare a benefici realmente adeguati.

La mossa potrebbe essere stata dettata da necessità strategiche. Già da qualche tempo si mormorava infatti che anche Google e Facebook fossero in trattative per l'acquisto: con una valutazione economica tanto generosa, non è da escludere che l'obbiettivo del colosso sia stato proprio quello di impedire alle concorrenti di rafforzare ulteriormente la propria posizione tramite il controllo di un prodotto così popolare.

"Skype supporterà i dispositivi Microsoft come Xbox e Kinect, Windows Phone e tutti gli altri apparecchi" si legge nel comunicato stampa.

Dal canto proprio, il primo produttore di software al mondo si impegnerà per "connettere gli utenti Skype con le comunità di Lync, Outlook e Xbox Live": l'azienda non esplicita però apertamente se questo significa che il neo-acquisito software sarà reso compatibile con la rete dei propri prodotti (e viceversa) oppure se si tratterà di un legame più blando.

Skype, lanciato nel 2003 dagli autori dell'allora celebre KaZaA, è stato in seguito acquistato da eBay per 3 miliardi di dollari. Nel 2009 però, il gruppo si è reso finalmente conto della scarsa integrabilità fra il programma ed il proprio core business (le vendite on-line fra terzi), disfandosene poco dopo per 1,9 miliardi appena.

Mentre gli analisti si concentrano sulle conseguenze per il mercato, gli interrogativi degli appassionati riguardano soprattutto il destino della versione per Linux del programma: se è pressoché certo che Microsoft deciderà di portare avanti quantomeno anche la declinazione per Mac OS X di Skype, il futuro di quella per il Pinguino potrebbe non essere altrettanto garantito, soprattutto sul lungo periodo. Il colosso ha comunicato solamente che "Microsoft continuerà a investire e supportare i client Skype per piattaforme non-Microsoft", ma se questa decisione si limiterà ad includere Mac, iPhone ed altre piattaforme portatili o comprenderà anche le distribuzioni Linux per desktop non è stato chiarito.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.33 sec.
    •  | Utenti conn.: 65
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.2