Canali
20090622082539_644653173_20090622082442_1209993151_Firefox_35_spotlight.png

Potenziamo le nuove versioni di Firefox per ottenere il massimo delle prestazioni

05/10/2011
- A cura di
Software Applicativo - Stanco di browser troppo lenti e macchinosi? Vediamo come mettere il turbo al browser open source più famoso.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

firefox (3) , mozilla (1) , super (1) , potenziamo (1) , aumento (1) , velocizziamo (1) , speed (1) , velocità (1) , test (1) , turbo (1) , ottimizzazione (1) , velocizzare (1) , cache (1) , prestazioni (1) , potenziare (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 10 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Il nuovo Firefox 7.0 si presenta al pubblico con moltissime migliorie sotto tutti i punti di vista: velocità caricamento pagine, consumi, sicurezza ed affidabilità.

Nonostante i numerosi passaggi di versione e le pecche riemerse nel corso degli anni, uno degli incrollabili punti di forza del navigatore Mozilla è la sua elevatissima capacità di personalizzazione che permette all'utenza di ottenere un browser "su misura" e consente potenziamenti in grado di rendere il browser una vera auto da corsa, in grado di battere qualsiasi test e confronto con i concorrenti.

In questo articolo mostrerò alcuni accorgimenti necessari per spremere al massimo il browser nel caricamento delle pagine dai server web e nel rendering delle stesse.

Altri tweak utili sull'ottimizzazione della cache e delle prestazioni sono ottenibili leggendo quest'articolo.

Step Uno: Aumento cache

Il primo livello di potenziamento riguarda la cache: più cache aggiungiamo al browser, più il caricamento delle pagine già visitate sarà veloce.

Firefox utilizza due livelli di cache: una volatile presente sulla RAM e una locale salvata sul disco rigido.

L'incremento di entrambe garantisce prestazioni elevate a scapito di qualche MB di RAM in più nel consumo.

Apriamo il menu delle opzioni di Firefox e portiamoci nel menu Avanzate->Rete

Cattura.png

Inseriamo come valore di cache locale 1024, corrispondenti a 1 GB di spazio.

Per aumentare la cache volatile dobbiamo agire dal menu avanzato raggiungibile tramite about:config, da digitare nella barra indirizzi.

Come già indicato in maniera dettagliata in questa pagina, creiamo una nuova voce con valore intero e con il seguente parametro

browser.cache.memory.capacity

Il valore di questo parametro dipende dalla quantità di RAM installata sul proprio PC:

  • Se abbiamo 1GB o meno di RAM, impostiamo 10240
  • Da 2 a 6 GB di RAM possiamo impostare senza problemi 102400
  • Avete un mostro da 8 GB o più? Impostate senza paura 204800

La RAM impegnata dal processo del browser salirà vertiginosamente, ma l'incremento di prestazioni sarà direttamente proporzionale.

Possiamo sperimentare il valore giusto per il nostro PC utilizzando uno dei tre valori (senza esagerare!).

Evitate valori superiori perché potresti ottenere il risultato opposto: rallentare notevolmente l'apertura del browser, in particolare se aggiungiamo numerose estensioni.

Step due: Incremento connessioni massime dal server e impostazione Pipelining HTTP estremo

Un ulteriore incremento di prestazioni si può ottenere modificando il numero massimo di connessioni aperte dal browser e forzando il pipelining HTTP su livelli estremi.

Per attivare il pipeling HTTP, seguire le istruzioni presenti in questa pagina.

Raggiungiamo il menu avanzato about:config e modifichiamo queste voci

  • network.http.max-connections: impostiamo questo valore a 40
  • network.http.max-connections-per-server: impostiamo questo valore a 16
  • network.http.max-persistent-connections-per-proxy: impostiamo questo valore a 16
  • network.http.max-persistent-connections-per-server: impostiamo questo valore a 16
  • network.http.pipelining.maxrequests: impostiamo questo valore a 16

Attenzione! L'ultimo valore può portare a problemi nel caricamento di alcune pagine web e disconessioni se si utilizzano chiavette HSDPA: in tal caso impostate come valore 8.

Non volete smanettare nel menu? Siete troppo pigri nel copiare i comandi e/o temete di sbagliare?

Gli stessi valori sono modificabili attraverso una comodissima estensione, prelevabile da qui.

Le impostazioni sono identiche

Cattura01.png

Step tre: Rendering pagine ultrasonico e modalità "turbo"

Questo è lo step più complicato, poiché dovremo creare 2 nuove voci all'interno del menu about:config.

Apriamo il suddetto menu, clic destro su una voce qualsiasi->Nuovo->Intero

Cattura02.png

Impostiamo come parametro nglayout.initialpaint.delay e come valore 0

Ora il rendering delle pagine sarà istantaneo, a scapito di un incremento del consumo di CPU per tutto il tempo di caricamento (comunque millisencondi in condizioni di rete buone).

Un ultima modifica riguarda una "modalità turbo" segreta in grado di migliorare i tempi di avvio e di allocazione memoria del browser;la seguente voce era presente nei vecchi Firefox, ma è stata inspegabilmente cancellata.

Sempe nel menu about:config creiamo una nuova parametro Booleano

Cattura03.png

Inseriamo come parametro browser.turbo.enabled e come valore true

Consigli finali ed avvertenze

Con questi semplici step abbiamo ottenuto il massimo possibile dal navigatore Mozilla!

Le impostazioni sono caldamente consigliate se avete una linea ADSL o Fibra Ottica.

Se utilizzate chiavette Internet e altri metodi è sconsigliato effettuare tutte le modifiche; personalmente consiglierei a questi utenti solo le modifiche dello step uno e tre.

Se il server web che visitate è sovraccarico e/o non accetta connessioni "aggressive" dai browser potreste ottenere un rallentamento o addirittura un blocco della navigazione.

Queste modifiche richiedono un PC abbastanza veloce e scattante per poter ottenere gli effetti desiderati: requisiti minimi un dual core e almeno 1 GB di RAM, visto l'elevato carico prestazionale del browser "moddato".

Se avete un PC obsoleto è preferibile effettuare le modifiche minimali dello step uno.

Se malauguratamente notate effetti indesiderati come freeze e crash improvvisi, è possibile ripristinare uno alla volta i passaggi a ritroso oppure creare un nuovo utente per ripristinare velocemente le impostazioni iniziali.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2016 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.35 sec.
    •  | Utenti conn.: 52
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.21