Punto informatico Network

20090824095431_1729850978_20090824095403_1435902378_startorb.png

TechEd 2010 presenta RemoteFX, Dynamic Memory e Windows 7 SP1

08/06/2010
- A cura di
Zane.
Mondo Windows - Le sessioni remote saranno accelerate da RemoteFX, mentre Dynamic Memory consentirà di sfruttare al meglio la RAM disponibile. Queste e altre novità saranno veicolate dal primo Service Pack per Windows Server 2008 R2 e Windows 7 SP1. La beta pubblica arriverà già sul finire del prossimo mese.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

sp1 (1) , windows (1) , windows 7 (1) , windows 7 sp1 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 12 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Dal palco del TechEd 2010 di New Orleans, Microsoft ha annunciato numerose novità circa le piattaforme Windows desktop e server.

Si è parlato in particolar modo di Service Pack 1 per Windows 7 e Windows Server 2008 R2. Non sono emerse novità sostanziali rispetto a quanto già noto: se per la linea client si tratterà di un aggiornamento minore, il primo SP per la declinazione server veicolerà invece significative novità.

RemoteFX: il ritorno del "mainframe"?

In particolare, Microsoft ha sottolineato a più riprese l'importanza rivestita dalla funzione RemoteFX introdotta da Windows Server 2008 R2 SP1: tramite questa nuova caratteristica, le postazioni equipaggiate con Windows 7 SP1 potranno sfruttare l'accelerazione video anche all'interno di sessioni di desktop remoto erogate dal server tramite apposite macchine virtuali, così come la possibilità di collegare alla sessione remota periferiche USB locali, quali scanner, fotocamere ed altri dispositivi.

La maggior parte del carico computazionale (accelerazione video inclusa) viene gestita dal server: questo significa che, utilizzando un nodo di rete sufficientemente potente, diviene possibile impiegare anche client non particolarmente veloci per eseguire compiti gravosi, quali il disegno CAD ed il rendering grafico ad alta risoluzione.

Va da sé che l'utilizzo della rete, per quanto Microsoft abbia messo in gioco funzioni di compressione ed ottimizzazioni di ogni tipo, rimane intenso: RemoteFX potrà quindi essere sfruttato solamente in rete locale, e non via Internet.

Un aspetto che lascia perplessi è la scelta di utilizzare macchine virtuali complete erogate tramite Hyper-V invece di più semplici sessioni utente multiple: la scelta finisce per richiedere quantità elevate di memoria RAM sul server e, pur mantenendo un isolamento pressoché totale fra i vari utenti e garantendo la libertà di utilizzare sistemi operativi differenti, potrebbe azzerare parte dei vantaggi derivanti dalla gestione centralizzata dell'infrastruttura.

Ad ogni modo, è interessante notare che, con RemoteFX, Microsoft avvia una netta inversione di tendenza: se negli ultimi anni i mainframe hanno perso via via di importanza contestualmente allo spostamento del carico sui singoli client, la soluzione odierna sembra presa di peso dagli scenari governati da IBM AS/400 e predecessori degli anni 80 e 90.

Dynamic Memory ridistribuisce la memoria

Solo conferme anche per la tecnologia Dynamic Memory, tramite le quali le varie macchine virtuali in esecuzione su un server Hyper-V potranno allocare dinamicamente più o meno memoria RAM a seconda del carico computazionale corrente.

L'obbiettivo, come facilmente intuibile, è quello di sprecare meno risorse e consentire agli utenti professionali di erogare un maggior numero di server virtuali da una singola macchina fisica.

I sistemi operativi guest supportati sono Windows Server 2003, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2 e le edizioni Enterprise e Ultimate di Windows Vista e Windows 7.

La beta è in arrivo

Contestualmente, Microsoft ha annunciato anche l'intenzione di rilasciare una beta pubblica del primo Service Pack per Windows 7 e Windows Server 2008 R2.

L'azienda ha parlato genericamente della fine di luglio come data per la disponibilità del pacchetto. Se tale scadenza venisse rispettata, la possibilità che la versione definitiva arrivi con l'autunno sarebbe pressoché confermata.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.52 sec.
    •  | Utenti conn.: 81
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.24