Punto informatico Network

20081030144522_1226899752_20081030144449_145449427_virtualboxlogosun.png

VirtualBox 3.2.0 finale: tante novità, ma niente Mac OS X

25/05/2010
- A cura di
Zane.
Software Applicativo - La versione 3.2.0 del celebre virtualizzatore gratuito è disponibile per il libero download. Porta con sé migliorie di tutto rispetto ma, durante le fase di collaudo, una delle più interessanti è andata persa.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

beta (1) , macchine virtuali (1) , virtual (1) , os x (1) , virtualizzazione (1) , virtualbox (1) , virtuale (1) , mac (1) , mac os (1) , mac os x (1) , virtual machines (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 12 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

La nuova major release di VirtualBox, il celebre gestore di macchine virtuali gratuito, è stata ufficialmente pubblicata in versione finale

MLIShot_2.jpg

Il progressivo è 3.2.0, e la build in questione rappresenta il culmine di un processo di sviluppo che ha visto almeno tre versioni beta susseguirsi nel giro di poche settimane.

Che fine ha fatto Mac OS X?

Purtroppo, una delle novità più importanti promesse da questo step evolutivo parrebbe essere andato perso durante le ultime fasi di collaudo: se infatti VirtualBox 3.2.0 Beta 1 annunciava l'introduzione del supporto sperimentale alle macchine virtuali governate da Mac OS X (solo su hardware Apple), nelle note di rilascio relative alla release stabile non si fa più alcuna menzione della caratteristica.

Vi è sì una piccola nota inerente la piattaforma Apple, ma si parla solamente della specifica declinazione "server": qualsiasi riferimento alla linea "client" sembra essere stato rimosso.

Cosa possa essere successo non è chiaro, ma l'impressione è che si tratti solamente di una scelta "di facciata" per non attirare le ire di Apple: la procedura per la creazione di una nuova macchina virtuale prevede infatti ancora Mac OS X, e numerose testimonianze confermano che è ancora possibile installare tale sistema operativo senza grossi problemi

MLIShot_1.jpg

C'è da precisare che la caratteristica è interessante principalmente per gli utenti che impieghino VirtualBox sotto un Mac "fisico": come noto infatti, Apple ha dotato il proprio sistema operativo di numerosi lucchetti digitali che impediscono l'uso di Mac OS X su calcolatori che non siano Macintosh, e il mero supporto al sistema operativo da parte del software di virtualizzazione non è in grado di bypassare queste protezioni: gli utenti più avanzati potranno comunque tentare di adattare le istruzioni già proposte per raggiungere l'obbiettivo.

Tutte le altre novità

Indipendente da Mac OS X, questa VirtualBox 3.2.0 è una release carica di novità.

Innanzitutto, il programma cambia il nome ufficiale: se prima infatti si chiamava Sun VirtualBox, lo strumento è stato ribattezzato Oracle VM VirtualBox alla luce dell'acquisizione di Sun da parte di Oracle. Anche l'icona è cambiata di conseguenza, assumendo frattanto una colorazione più scura.

Fra le migliorie tecniche più importanti, si distinguono invece:

  • Pieno supporto alle istruzioni di virtualizzazione presenti nei processori Intel Core i5, i7 e e Xenon serie 5600
  • Migliore gestione della memoria
  • Aumento del 25% nella resa della rete virtuale
  • Gestore dei input-output (I/O) completamente riscritto ed in grado di sfruttare l'I/O asincrono per ottenere performance ottimali durante le operazioni di lettura e scrittura dalla memoria secondaria
  • Accelerazione video per il protocollo di gestione remota (VRDP)
  • Possibilità di variare dinamicamente la quantità di memoria assegnata ad una specifica macchina virtuale
  • Hot-plug delle CPU, per assegnare ulteriori unità di elaborazione a sistemi server senza necessità di interrompere il servizio
  • Libertà di eliminare (finalmente!) gli snapshot anche se la virtual machine è in esecuzione
  • Supporto multi-monitor all'interno degli ambienti virtualizzati
  • Nuovo controller Serial Attached SCSI (SAS) virtuale

Completano poi il corposo changelog altri perfezionamenti meno significativi, una lunghissima lista di bug risolti ed alcuni ritocchi all'interfaccia grafica: sotto Windows 7, ad esempio, la procedura di creazione di una nuova macchina virtuale mostra finestre più fresche ed in linea con il look dell'interfaccia Aero.

Fra le caratteristiche attesissime che però si fanno ancora desiderare figura il supporto all'interfaccia Aero all'interno delle macchine virtuali: per ottenere le finestre "di vetro" introdotte da Windows Vista e gli altri effetti per il desktop bisognerà quindi attendere, probabilmente, almeno la prossima versione.

Gli utenti Windows possono scaricare il pacchetto di installazione da qui, mentre coloro che impiegassero Mac, Linux, Solaris e OpenSolaris devono individuare la versione appropriata da questo elenco.

VirtualBox è gratuito per gli utenti privati. Coloro che invece desiderassserare utilizzare lo strumento in ambito professionale devono acquistare una licenza, oppure ripiegare sulla versione open source, priva di tre funzionalità: possibilità di connettersi alla macchina virtuale tramite Desktop Remoto, supporto alle periferiche USB e USB over RDP.

MegaLab.it ha dedicato un'ampia guida a questo programma dal titolo "Virtualizzare il sistema operativo gratuitamente: guida a VirtualBox".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.63 sec.
    •  | Utenti conn.: 85
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.36