Punto informatico Network
20090421173231_736937806_20090421173209_1990260727_oracle.png

Sun è ora proprietà di Oracle

22/04/2009
- A cura di
Zane.
Tecnologia & Attualità - Solaris, Java ed altre tecnologie diffusissime: ora è tutto proprietà di Oracle. Se MySQL sembra al sicuro, OpenOffice.org e OpenSolaris potrebbero risentirne gravemente.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

sun (1) , oracle (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 78 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il gigante dei database Oracle ha messo a segno un'acquisizione sicuramente di primo piano: l'azienda ha acquistato Sun Microsystem, e, con essa, il controllo di alcune tecnologie di primo piano.

L'operazione, valutata nell'ordine dei 7.4 miliardi di dollari (pocopiù di 5 miliardi e mezzo di euro), porterà con se alcune novità sicuramente significative nel settore IT.

MySQL

I riflettori sono puntati su MySQL: come si ricoderà, il software era stato infatti acquisito a propria volta da Sun a gennaio dello scorso anno, e diventa ora (dopo almeno un tentativo fallito) proprietà di Oracle a tutti gli effetti. Ci si chiede: cosa ne sarà del celeberrimo motore di database open source in seguito all'acqusizione da parte di un'azienda arricchitasi proprio grazie alla commercializzazione di un prodotto analogo?

È altamente probabile che Oracle non sopprima MySQL ma, piuttosto, decida di continuarne lo sviluppo. I due prodotti, sebbene presentino senz'altro alcune aree di sovrapposizione, tendono a colpire fasce di mercato differenti: se infatti MySQL va forte nella PMI ed è indubbiamente lo strumento principe in ambito web, Oracle tende ad essere preferito nella fascia più alta del segmento professionale; interrompendo lo sviluppo di MySQL, Oracle perderebbe quindi una fetta importante di clienti, spingendola dritta verso PostgreSQL, un RDBMS completamente open source e considerato da molti l'alternativa de facto a MySQL.

Portando avanti MySQL, Oracle potrà capitalizzare sui programmi di assistenza e, allo stesso tempo, proporre un prodotto gratuito, nettamente più semplice del proprio software di punta ed adatto ad una fascia di utenza che potrebbe, in futuro, avere esigenze sempre maggiori, rendendola quindi perfetta per una proposta commerciale che preveda la migrazione verso Oracle 11g e successivi.

OpenOffice.org

Se quindi è prevedibile un futuro per MySQL, è OpenOffice.org il software che potrebbe risentire di più dell'acquisizione.

Sebbene si tratti di una suite di applicativi gestita da una community autonoma, OpenOffice.org è sostenuto anche dagli investimenti di Sun. Un punto d'uscita di capitare che Oracle potrebbe non essere interessata a mantenere aperto, proprio poichè una suite da ufficio costituisce un software che ben poco ha in comune con il mondo dei database, e faticherebbe a trovare una sua collocazione all'interno di un pacchetto di servizi integrati come quello a cui, con tutta probabilità, mira Oracle.

Se è improbabile che l'azienda decida di tagliare tout court i finanziamenti a OpenOffice.org, non è da escludere che si possa assistere ad un netto ridimensionamento in tal senso.

Solaris ed OpenSolaris

I due sistemi operativi sviluppati da Sun potrebbero avere destini differenti.

Si assisterà, probabilmente, ad una netta accelerazione nello sviluppo della versione commerciale: poichè, da sempre, Solaris costituisce una piattaforma ideale per Oracle, il sistema operativo Sun potrebbe infatti essere oggetto di forti investimenti, grazie ai quali potenziare ulteriormente le capacità sinergiche fra i due prodotti e poter così offrire ai clienti una soluzione server + sistema operativo + database con performance ai massimi livelli.

Destino presumibilmente contrario invece per OpenSolaris: sebbene la versione a codice aperto di Solaris possa essere mantenuta come piattaforma da destinare all'utenza interessata ad piattaforma in grado di saggiare le potenzialità dei prodotti Oracle, tale destinazione d'uso pare senza dubbio eccessiva per un prodotto tanto costoso da evolvere come un intero sistema operativo.

Java

Il linguaggio Java sarà, con tutta probabilità, il prodotto Sun che otterrà i maggiori vantaggi dall'acqusizione. Proprio Java è di fatti la tecnologia alla base di Oracle Fusion Middleware, ovvero una famiglia di prodotti utilizzati per interagire con Oracle indicati come uno dei settori "a più rapida crescita" per Oracle.

Un nuovo inizio

Sarà sicuramente interessante osservare l'evoluzione del mercato nei mesi a venire. Sun detiene infatti il controllo di numerose altre tecnologie di primo piano, ed il legame fra l'azienda ed il mondo open source è senza dubbio fra i più stretti.

Come si comporterà Oracle? reciderà tutti i rami secchi mirando a concentrare gli investimenti in soluzioni server verticali o manterrà aperto il dialogo (e gli investimenti) anche in altri settori?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2020 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.3 sec.
    •  | Utenti conn.: 83
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.07