Punto informatico Network

20080829215405

Oracle tenta di acquistare MySQL

27/02/2006
- A cura di
Zane.
Archivio - Ma MySQL non ci sta, e rifiuta l'acquisizione. Oracle si rifà accaparrandosi Berkeley DB. Che l'azienda sia alla ricerca di prodotti per il segmento medio?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

acquistare (1) , mysql (1) , oracle (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 197 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il colosso delle basi dati Oracle ha tentato nei giorni scorsi di acquisire il controllo di MySQL AB, la società che commercializza l'omonimo database open source. Oracle.gif

Marten Mickos, CEO di MySQL, ha comunque annunciato in un intervista rilasciata a News.com, di aver rifiutato di vendere la propria azienda, senza però rivelare la proposta economica di Oracle.

Mickos non ha escluso la possibilità che il proprio gruppo entri a far parte di un qualche colosso del software, ma ha tenuto comunque a precisare che MySQL dovrà mantenere il proprio nome ed il proprio marchio.

La notizia è stata interpretata da più parti come la volontà di Oracle di inghiottire un concorrente scomodo. In realtà mercati di riferimento dei due prodotti sono piuttosto distinti, così come lo sono i modelli economici: Oracle, il cui business primario è proprio la vendita delle licenze software, è leader indiscusso della fascia top del mercato delle basi dati, mentre MySQL, il cui business prevede la cessione con licenza open source del software e vende invece contratti di assistenza, si sta assestando nella fascia media e di backend.

Con tutta probabilità nelle mire di Oracle vi era piuttosto di rimarchiare il prodotto, e rilasciarlo sottoforma di versione gratuita tesa ad offrire una alternativa ai prodotti free dei concorrenti, quali Microsoft SQL Server Express e WebSphere Community Edition di IBM. Se è vero che l'azienda già dispone di una versione gratuita di Oracle 10, denominata Oracle 10g Express Edition, in molti ambienti questa si è rivelata eccessivamente complessa per il settore medio e dei piccoli sviluppatori.

MySQL avrebbe di fatto potuto colmare questa lacuna grazie alle buone performance e alla maggiore immediatezza.

Qualcuno ha fatto notare però che mentre Oracle è alla ricerca di nuovi spazi nel segmento medio, MySQL, grazie alle novità introdotte nella recente versione 5, sta tentando invece di espandere il proprio mercato verso l'alto: che sia in procinto una sovrapposizione in questa fascia è quindi decisamente probabile.

Il gruppo di Larry Ellison però non si è certo perso d'animo, ed ha portato a segno una acquisizione comunque importante, accaparrandosi il controllo di Sleepycat, l'azienda che sviluppa il celeberrimo database Berkeley DB.

Berkeley DB è probabilmente il più diffuso database al mondo, con oltre 200 milioni di utilizzatori, sfruttato soprattutto nei sistemi che dispongono di risorse di calcolo limitate: è quindi ovvio che ora Oracle voglia piazzare questo prodotto nel segmento PDA e mobile.

L'azienda ha rassicurato gli utenti Berkeley DB, su cui si poggiano molte applicazioni (fra cui lo stesso MySQL): il prodotto rimarrà gratuito per progetti distribuiti a loro volta con licenze open source, mentre sarà richiesto un obolo in caso il database debba essere sfruttato in applicazioni a sorgente chiuso.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.46 sec.
    •  | Utenti conn.: 73
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.32