20090803153637_224208902_20090803153618_294651725_genuine.png

L'attivazione di Windows 7 fa di nuovo "crack"

16/11/2009
- A cura di
Zane.
Mondo Windows - Un nuovo tool piratesco consente di aggirare il meccanismo di attivazione alla base di Windows 7 agendo alla radice: la funzionalità viene completamente disabilitata. Ma attenti al malware.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , windows 7 (1) , attivazione (1) , nuovo (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 134 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Solo pochi mesi addietro, il primo crack funzionante per Windows 7 raggiungeva la rete. Il team Microsoft reagiva tempestivamente, dichiarando che il programma sarebbe stato reso inerte dalle nuove tecnologie a protezione del sistema operativo. Dichiarazioni che, in verità, non sembravano trovare riscontro nella realtà dei fatti.

Da qualche tempo, negli angoli oscuri della rete, si lavora anche ad un nuovo crack che agisca in un modo differente: il tool disabilita completamente il meccanismo di attivazione del sistema operativo, consentendo anche ai possessori di una copia pirata di Windows 7 di utilizzare il prodotto senza alcuna scadenza, anche oltre quei 30 giorni (che possono facilmente divenire 120) concessi da Microsoft per l'impiego di un software non-attivato.

Attivato.jpg

Tale operazione però non previene la comparsa di popup ed altri richiami visivi tramite i quali Windows 7 invita l'utente ad attivare il sistema operativo, né impedisce l'inserimento di vistosi e minacciosi watermark sul desktop ("Questa copia di Windows non è autentica"). Inoltre, una configurazione del genere non è in grado di superare il controllo Windows Genuine Advantage (WGA) e, di conseguenza, non è possibile installare alcuni componenti aggiuntivi che verifichino l'autenticità del prodotto prima del setup (Microsoft Security Essentials è fra questi).

Tuttavia, la situazione si sta evolvendo rapidamente. Le implementazioni più recenti di questa tecnica, denominate RemoveWAT e Chew-WGA, affiancano alla disattivazione della piattaforma di attivazione anche le opportune modifiche (leggasi: patch di file di sistema, modifiche al registro e quant'altro) necessarie ad arrestare la comparsa di tali allarmi e superare la verifica WGA.

RemoveWAT.jpg

Il risultato è un Windows 7 piratato davvero simile ad un legalmente acquistato.

ChewWGA.jpg

In vero però, nessuno dei tool oggi in circolazione è in grado di eludere il controllo WGA: la verifica infatti è già in grado di scoprire il trucco, ed impedire l'installazione dei programmi aggiuntivi

MLIShot1.jpg

Attenzione ai malware

Per il momento Microsoft si è detta impegnata nel processo di analisi che potrerà, molto probabilmente, alla distribuzione tramite Windows Update di un aggiornamento in grado di rendere inefficaci tali crack.

Frattanto, l'azienda raccomanda di utilizzare solo software autentico ed evitare strumenti non-approvati come questi, potenzialmente in grado di veicolare malware.

Si tratta indubbiamente di una valida argomentazione: durante le ricerche necessarie a preparare questa news, mi sono infatti imbattuto in almeno una decina di crack fasulli, incapaci di concretizzare quanto promesso ma fin troppo capaci di appestare il sistema operativo con trojan, virus, backdoor eccetera.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2014 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.22 sec.
    •  | Utenti conn.: 57
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11