Punto informatico Network

20090803153637_224208902_20090803153618_294651725_genuine.png

Microsoft disabilita il crack per Windows 7... senza successo

04/08/2009
- A cura di
Zane.
Mondo Windows - L'azienda sostiene di aver risolto il problema grazie al quale era possibile attivare Windows 7 in maniera truffaldina. Ma le prove mostrano uno scenario diverso: i crack funzionano ancora. Cosa succede?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , windows (1) , crack (1) , windows 7 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 139 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Solo pochi giorni addietro, abbiamo pubblicato la notizia dal titolo Windows 7: già craccato e attivato a tre mesi dal lancio. Sebbene fosse pressoché certo che i cracker sarebbero riusciti ad aggirare il meccanismo anti-pirateria di Windows 7, in pochi si aspettavano che l'impresa potesse concretizzarsi prima dell'arrivo sul mercato del prodotto. Ancora meno erano coloro i quali credevano possibile che l'attivatore fosse approntato a pochissimi giorni dall'annuncio ufficiale della versione definitiva (RTM).

Ma se i cracker non hanno perso tempo, altrettanto tempestiva è stata la risposta di Microsoft: tramite un messaggio pubblicato sul sito ufficiale Genuine Windows Blog, l'azienda ha annunciato: "Abbiamo lavorato con il produttore [Lenovo] per far sì che gli utenti che acquisteranno copie autentiche di Windows installati su PC di questa marca non abbiano problemi a validare la propria licenza".

Nello stesso messaggio, si ricorda anche: "Windows 7 include già tecnologie migliorate per rilevare hack, noti come "activation exploit", di questo tipo, ed avvisare l'utenza che si sta utilizzando una copia pirata".

Il messaggio prosegue poi precisando che l'obbiettivo di Microsoft è informare quegli utenti che hanno acquistato software contraffatto senza saperlo, più che debellare del tutto l'attivazione tramite questi meccanismi.

Il crack? ancora funziona

Sebbene il messaggio non non lo specifichi, è presumibile che l'azienda abbia semplicemente inserito la product key sfuggita in rete in una "lista nera" di codici non più funzionanti.

In questo modo quindi, il colosso potrebbe effettivamente impedire qualsiasi attivazione che sfruttasse tale stringa.

La stampa specializzata internazionale ha subito parlato di una rivalsa da parte di Microsoft, che riporterebbe la "partita" contro i cracker sull'uno a uno.

In verità, ho avuto modo di constatare che le cose non stanno esattamente così: alcuni crack in circolazione continuano a funzionare correttamente, senza il minimo accenno di notifica da parte del sistema operativo

Cracked_proof2.PNG

Alla luce della prova, è possibile ipotizzare che il sistema di backlist non sia effettivamente ancora pienamente operativo, oppure che, per funzionare correttamente, il meccanismo di rilevazione dell'exploit abbia bisogno di un aggiornamento che Microsoft veicolerà in seguito tramite Windows Update.

Cosa ne pensate?

Qualsiasi sia la causa, credo sia lecito affermare che, alla data attuale, il punteggio è ancora sull'uno a zero in favore dei cracker.

Cosa ne pensate? Prevedete di aggiornare a Windows 7? Cercherete di utilizzare un "crack" oppure acquisterete una licenza regolare?

Fateci sapere come la pensate utilizzando i commenti qui sotto: lo spazio è a vostra disposizione, ma ricordate che non è consentito impiegarlo per richiedere il crack o fornire le indicazioni per scaricarlo.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.24 sec.
    •  | Utenti conn.: 66
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11