Punto informatico Network

Bandiera, flag, Windows, sicurezza, lock

Windows 7: già craccato e attivato a tre mesi dal lancio

31/07/2009
- A cura di
Mondo Windows - Dalla Cina arriva il crack per Windows 7, ricavato dal DVD di un partner OEM comparso in rete qualche giorno fa. Non essendo cambiato pressoché nulla nel sistema di attivazione rispetto a Windows Vista, i cyber-pirati non hanno avuto grosse difficoltà a ripetersi. Addirittura tre mesi prima del lancio ufficiale.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , windows (1) , craccato (1) , windows 7 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 146 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Dopo il lancio della versione definitiva di Windows 7, i pirati informatici di mezza rete si sono subito messi all'opera per cercare di craccare e attivare il nuovo sistema operativo.

La speranza di questi cracker è di poter mettere le mani su un DVD di Windows 7 RTM consegnato a qualche partner OEM che, come sappiamo, hanno ricevuto il sistema operativo poche ore dopo il lancio della versione definitiva. In questo modo è possibile estrarre le informazioni del parner dal DVD per poterle inserire in copie non originali di Windows 7, attivando automaticamente il sistema.

Ebbene, così è stato: dalla Cina è apparso in rete il DVD di Windows 7 OEM appartenente a Lenovo, prontamente scaricato da molte persone che senza indugio si sono messe a lavorare per by-passare l'attivazione del prodotto.

Il lavoro sporco non è così difficile: Microsoft, infatti, non ha apportato sostanziali modifiche a tale processo rispetto a Windows Vista, agevolando così i pirati informatici, che non hanno avuto problemi nel ripetere ciò che avevano fatto col precedente sistema operativo. Nasce così il primo crack per Windows 7, ad appena una settimana dall'arrivo della versione RTM.

Windows7_craccato.png

Il colosso di Redmond, dopo un primo momento di silenzio, ha dichiarato tramite un portavoce: "Siamo a conoscenza di alcuni tentativi di by-passare l'attivazione del sistema operativo". Microsoft, inoltre, rassicura i propri clienti, affermando che l'azienda è pronta a difenderli da software contraffatto. "Scaricare Windows 7 dai canali p2p è pirateria, ed espone gli utenti a numerosi rischi di infettare il sistema con virus, trojan e altri malware, che spesso accompagnano il software piratato", conclude il portavoce.

BigM continua dunque ad associare i programmi presenti nei canli di file sharing a malware e schifezze simili, ma intanto proprio coloro che scaricano software dal p2p possono godersi, seppur illegalmente, il nuovi sistema operativo perfettamente attivato e funzionante. Per ora, Cracker: 1 - Microsoft: 0.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.29 sec.
    •  | Utenti conn.: 60
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.14