Punto informatico Network

20090824102418_1143233553_20090824102317_1842626330_121451423.png

L'ultima alpha di Ubuntu 9.10 è già pronta

22/09/2009
- A cura di
Zane.
Linux & Open Source - Ubuntu 9.10 alpha 6 è ora disponibile per il libero download. Spiccano pacchetti aggiornati, un nuovo file system di default e una fase di boot che richiede soli 6 secondi. Frattanto, si parla della versione successiva: la 10.04.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

ubuntu (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 106 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Canonical, la società fondata dall'imprenditore Mark Shuttleworth per coordinare lo sviluppo di Ubuntu, ha annunciato ieri la disponibilità della versione 9.10 alpha 6 della celebre distribuzione Linux.

Questa sesta release, l'ultima prima di entrare in fase beta, consente agli utenti più intrepidi di testare con mano le novità che Ubuntu 9.10 renderà disponibili al grande pubblico a partire dal 29 ottobre prossimo.

MLIShot1.jpg

Oltre al consueto aggiornamento di molti dei pacchetti forniti in dotazione, Karmic Koala (questo il nome in codice di Ubuntu 9.10) promette di rendere la fase di avvio del computer pressoché istantanea. Stando al grafico fornito da uno sviluppatore ad Ars Techica, l'alpha 6 è in grado di raggiungere il desktop in appena 6 secondi.

Per raggiungere tale risultato d'eccellenza però, è necessario dotare il sistema di un veloce (ma costoso) disco a stato solido (SSD). In caso contrario, la procedura di avvio richiede tempi sicuramente contenuti, ma tutt'altro che rivoluzionari: sulla configurazione di test impiegata da Ars (un Dell Inspiron 1420n) il boot ha richiesto infatti 22 secondi.

Fra le altre migliorie, spiccano l'impiego del bootloader GRUB2 e del file system Ext4 per impostazione predefinita, la presenza del client per accedere al servizio di archiviazione remota "Ubuntu One" e l'impiego di DeviceKit al posto del layer di astrazione HAL.

L'immagine ISO del sistema operativo può essere scaricata partendo da qui, in versione 32 o 64 bit, ognuna nella declinazione "client" oppure "server". Una volta masterizzato il disco, è possibile provare Ubuntu sfruttando il LiveCD oppure installandolo di fianco a Windows o direttamente "dentro" a Windows.

Ubuntu 10.04 sarà "Lucid Lynx"

Contestualmente alla disponibilità dell'ultima alpha della versione 9.10, sono emerse anche le prime indiscrezioni circa la prossima versione di Ubuntu.

Si tratta di Ubuntu 10.04, di cui Shuttleworth stesso ha annunciato il nome in codice nel corso della convention Atlanta Linux Fest. Questa versione, attesa per aprile 2010, si chiamerà "Lucid Lynx", ovvero "Lince Lucida", e sarà, come previsto, una LTS (Long Term Support): sarà quindi supportata fino ad ottobre 2013 nella declinazione client, ed ottobre 2015 per quanto riguarda l'edizione server.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 103
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.01