Punto informatico Network

Canali
20090222171632_722542613_20090222171611_1520890999_NES_controller.jpg

Il primo Nintendo torna in vita grazie a vNES

14/12/2009
- A cura di
Zane.
Videogiochi - Un progetto amatoriale estremamente ben realizzato offre l'accesso gratuito ad un ampio catalogo di titoli per Nintendo Entertainment System, la storica console ad 8 bit degli anni 80. Tutto il materiale è giocabile direttamente dal navigatore web, senza bisogno di installare niente in locale. Funziona anche con Mac e Linux, e gira alla perfezione anche su computer poco potenti.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 172 voti

Se anche voi siete figli degli anni 80, molto probabilmente ricorderete il "mitico" Nintendo Entertainment System (NES)

Nes-console.jpg

Fra i primissimi dispositivi da gioco esplicitamente studiati per portare il videogaming nei salotti delle famiglie, NES aveva una potenza di calcolo di svariati ordini di grandezza inferiore rispetto ai PC più economici oggi in circolazione: in vero, con appena 1.66 MHz (sì, "megahertz"!), non è nemmeno paragonabile ad un qualsiasi "smartphone" oggi in circolazione!

Ma nonostante la grafica dannatamente "pixellosa", capacità sonore molto più vicine a quelle di una pianola che non ad una radio FM, controller con spigoli vivi in grado di indolenzire anche le mani dei più impavidi, NES è stato un successo planetario, capace di regalare infinite ore di divertimento e lasciare un segno profondo nei cuori dei trentenni di oggi.

Un tuffo nel passato

Per tutti coloro che voglio rivivere quelle emozioni, o per le nuove generazioni cresciute a fianco del fenomeno PlayStation (anch'essa replicabile, per chi già ne sentisse la nostalgia) che desiderassero scoprire come si videogiocava "una volta", viene in soccorso il fantastico sito VirtualNES.com, dominio di riferimento del progetto vNES.

Il team alle spalle del sito ha realizzato un'applet Java in grado di emulare l'architettura di NES e, dopo aver fisicamente raccolto decine e decine di cartucce da altri appassionati sparsi per tutto il mondo ed aver digitalizzato il tutto, ha reso liberamente accessibile i frutti del duro lavoro: una raccolta ormai completa di centinaia di titoli, tutti liberamente giocabili direttamente all'interno del navigatore web

MLIShot5.jpg

Legalità

Il sito ha avuto una storia piuttosto burrascosa: dopo aver ricevuto minacce sul fronte legale per una presunta violazione di copyright, gli amministratori hanno rimosso tutti i giochi dal sito per qualche tempo.

In seguito, il servizio è stato in parte ripristinato ed affiancato da una lunga pagina nella quale si spiega con dovizia di particolari che il servizio è offerto all'interno dei parametri previsti dalla legge.

Le argomentazioni proposte sembrano valide: tutti i giochi proposti sono digitalizzazioni di cartucce fisicamente in possesso dello staff, si tratta di materiale molto datato e senza valore commerciale, il progetto è realizzato senza alcuno scopo di lucro e, per di più, tutti i titoli possono essere giocati solamente on-line, senza poter essere scaricati in locale.

In verità però, tutti sappiamo bene quanto articolata (e spesso oltre il buon senso) possa essere la normativa in materia: la mia raccomandazione per tutti coloro i quali fossero dubbiosi circa questo aspetto è quello di interrogare esplicitamente un esperto di diritto d'autore prima di proseguire.

I requisiti

Per accedere al servizio non è richiesto di scaricare o installare alcunché sul computer locale.

L'unico requisito fondamentale è la presenza dell'ambiente Java Runtime Environment (JRE): si tratta di un componente che è presente su pressoché qualsiasi PC. Nel dubbio, è possibile verificare la presenza di JRE ed installarla in caso fosse assente, accedendo a questa pagina.

Come detto, il processore alla base di NES era estremamente limitato: questo significa che un qualsiasi CPU oggi in circolazione, dai vecchi Pentium II ai nuovi Intel Core i7, passando per gli Atom in dotazione ai netbook, dovrebbe essere più che sufficiente per gestire vNES in modo assolutamente fluido.

Nel corso delle mie prove ad esempio, ho giocato su un notebook gestito da un Pentium M a 1.5 GHz in modo impeccabile.

La scelta di realizzare l'emulatore in Java e rendere il tutto accessibile via browser web comporta che l'applicazione possa essere indipendente dal sistema operativo: dal momento che Java Runtime Environment è installato e funzionante, il sito opera correttamente sia sotto Windows, sia con Mac o Linux.

"Z" vuol dire "B", "X" significa "A"

NES_controller.jpg

Il controller originale è "mappato" sulla tastiera in maniera fissa e, purtroppo, non è possibile variare la disposizione dei tasti.

Le frecce direzionali della tastiera governano il pad per i movimenti. Il pulsante rosso più interno (quello marcato B sul controller) è assegnato alla lettera Z della tastiera. Allo stesso modo, per simulare la pressione di A è necessario premere la lettera B sulla tastiera.

La pressione di CTRL sulla tastiera equivale al SELECT, mentre INVIO sta per START.

Per i destrorsi la configurazione non è fra le più comode: in caso vi trovaste particolarmente in difficoltà, vi raccomando di incrociare le braccia, di modo da raggiungere le freccine di direzione con la mano sinistra, e Z ed X con la destra. Certamente non è una delle posizioni migliori, ma personalmente mi sono trovato molto più a mio agio.

L'emulatore supporta anche il secondo controller, mediante il quale giocare con un amico. Se siete tanto abili da riuscire ad utilizzare contemporaneamente la tastiera, l'associazione dei tasti è visibile qui.

Usare un joypad

Il modo migliore per accedere ai titoli proposti è quello di impiegare una periferica di gioco vera e propria.

L'emulatore non supporta i pad nativamente, ma installando Joy2Key in locale ed assegnando opportunamente i tasti, il risultato è garantito.

Una qualsiasi periferica videoludica dovrebbe funzionare senza problemi (personalmente, impiego l'ottimo Xbox 360 Wireless Controller for Windows) ma se volete ricreare appieno le (dolorose) sensazioni anni 80, potete acquistare una riedizione del joypad originale in versione USB.

Qualche limitazione importante

  • Come già accennato, la piattaforma di gioco è accessibile unicamente via browser web: questo significa che non è possibile scaricare i giochi sul proprio PC e farsi un partita anche in assenza di connettività. I motivi di questa scelta sono di natura legale, ed è altamente improbabile che tale possibilità venga introdotta in futuro.
  • Non è possibile configurare diversamente i controlli. I comandi sono questi: prendere o lasciare.
  • Il gioco via Internet, mediante il quale sarebbe possibile affrontare in compagnia di un amico le sfide che prevedono tale possibilità, non è supportato. La documentazione sostiene che, con tutta probabilità, tale funzionalità non è fisicamente realizzabile senza dover variare in maniera significativa da quanto realizzato fin d'ora.
  • Il catalogo è piuttosto ben fornito, ma non sono disponibili esattamente "tutti i giochi mai prodotti": alcuni grandi classici fra i quali Mike Tyson's Punch-Out!! ancora non sono giocabili.
  • Saltuariamente, può succedere che l'applicazione perda il "focus", e quindi il personaggio non risponda più ai comandi. È sufficiente cliccare sul rettangolo di gioco per ripristinare il funzionamento corretto, ma nelle situazioni concitate può risultare una distrazione fatale...
  • È da citare l'impossibilità di ingrandire a schermo intero la videata: si è quindi chiamati a giocare in una finestrella da qualche centinaio di pixel per lato.

Ora si gioca

Compreso il funzionamento generare le del servizio ed i suoi limiti... possiamo iniziare a giocare!

All'interno del sito, i titoli sono suddivisi per iniziale: sarà quindi necessario cliccare sulla corrispondente lettera in alto a destra per trovarsi davanti ad interminabili elenchi di giochi d'ogni tipo

MLIShot5.jpg

Proprio questa disposizione è uno dei maggiori limiti per chi desiderasse fare una partita senza però essere un fine conoscitore di questo mondo: poiché non vi sono screenshot, semplici nomi come Abadox - The Deadly Inner War oppure Heavy Shreddin' aiuteranno ben poco a scegliere il gioco di proprio interesse.

Proprio per questo, ho pensato di realizzare una breve selezione dei giochi più interessanti e "significativi": la presento alla pagina successiva.

Pagina successiva
Giochi interessanti (prima parte)
Pagine
  1. Il primo Nintendo torna in vita grazie a vNES
  2. Giochi interessanti (prima parte)
  3. Giochi interessanti (seconda parte)

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.26 sec.
    •  | Utenti conn.: 93
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11