Punto informatico Network

20081002234809_890380195_20081002234658_701659143_Intel_Leap_Ahead.jpg

1 miliardo di multa per Intel

15/05/2009
- A cura di
Zane.
Hardware & Periferiche - L'Europa sanziona il più influente produttore di CPU con una contravvenzione senza precedenti. Imposti nuovi limiti anche alle strategie commerciali.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

intel (1) , cpu (1) , multe (1) , unione europea (1) , antitrust (1) , eu (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 140 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Intel è colpevole di aver adottato strategie anticoncorrenziali ai danni della diretta concorrente AMD, tese a consolidare la propria posizione dominante nel settore dei microprocessori.

La mazzata è arrivata nei giorni scorsi ad opera della Commissione Europea antitrust, ed avrà ripercussioni pesantissime sul chipmaker, sia in termini di sanzione pecuniaria, sia come imposizione di nuove direttive di business.

Per quanto riguarda la multa, si tratta di una cifra senza precedenti per quanto riguarda i procedimenti in materia di antitrust: addirittura 1.06 miliardi di euro, quindi più del doppio rispetto a quei 497 milioni sanzionati a Microsoft che tanto fecero scalpore nel lontano 2004.

Sebbene parametrizzando la cifra sui 22 miliardi di euro annui fatturati da Intel in tutto il mondo si scopra che la sanzione equivale a meno del 5%, Intel ha già comunicato l'intenzione di ricorrere in appello contro una decisione che non condivide.

A preoccupare il gruppo, più che il provvedimento pecuniario, è probabilmente l'imposizione di nuove strategie commerciali, fra le quali spicca l'abolizione degli sconti che il gruppo applica agli OEM che scegliessero di acquistare quantità minori, o escludere del tutto, prodotti realizzati dalla concorrenza. Stando a quanto rilevato nel corso delle indagini, tale pratica applicata ad assemblatori del calibro di Acer, Dell, HP e Nec avrebbe consentito al gruppo di mantenere una quota di mercato superiore al 70% nel periodo compreso fra il 2002 e il 2007.

Importante notare che Intel sarà costretta ad emettere immediatamente una garanzia bancaria di pagamento per la multa, che però non verrà effettivamente recuperata fino al termine del processo di appello. Per arrivare al quale comunque, saranno necessari ancora molti anni.

La strada dell'appello era stata intrapresa anche da Microsoft, sebbene con scarsi risultati: la speranza di Intel è però che un secondo verdetto possa cancellare, o quantomeno alleggerire, la sentenza di primo grado.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.37 sec.
    •  | Utenti conn.: 107
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.24