Punto informatico Network

Contenuto Default

EMI taglia i fondi a IFPI

20/03/2008
- A cura di
Archivio - Il ventilato taglio di sovvenzioni all'organizzazione internazionale delle major alla fine c'è stato, ma le parti in gioco sono riuscite a raggiungere un accordo che non mette a rischio l'esistenza del gruppo di rappresentanza. Ma ora chi pagherà le cause contro gli utenti del P2P?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

emi (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 216 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

EMI aveva promesso sfracelli, ma pare che alla fine la major e il gruppo dirigente di IFPI, che rappresenta per l'industria musicale internazionale quello che RIAA è per le etichette che operano sul mercato statunitense, abbiano esercitato la difficile arte del compromesso per salvare capra, cavoli e fondi destinati all'organizzazione, attiva in particolare nelle misure anti-pirateria contro la contraffazione e i presunti danni provocati al mercato dal P2P non autorizzato di contenuti protetti dal diritto d'autore.

IFPI_logo.jpg

EMI Group, attualmente alle dipendenze del finanziere Guy Hands e della sua società di ventura Terra Firma, aveva lasciato intendere di voler cessare del tutto le laute donazioni a RIAA e IFPI vista l'insoddisfazione per come i milioni di dollari versati annualmente fossero mal sfruttati, a tutto discapito di quell'interesse delle major che in teoria avrebbe dovuto rappresentare l'unico obiettivo di talune associazioni.

Un portavoce di IFPI conferma ora che c'è stata una "sensibile, appropriata e ragionevole riduzione nel nostro budget", ma che nonostante questo EMI non ha abbandonato del tutto la nave di IFPI e ne rimane una delle foraggiatici principali.

La pirateria incalza, le major non fanno più cassa come una volta e il P2P rappresenta uno strumento di cui le etichette sono ancora largamente incapaci di servirsi per promuovere i propri asset, ragion per cui è opportuno risparmiare sulle cose inutili come IFPI e affini in attesa di tempi migliori, lascia intendere il presidente di EMI Music International Labels Jean-Francois Cecillon.

IFPI continua a rappresentare l'industria a livello globale, ma è indubbio che la riduzione dei finanziamenti di EMI - la cui portata non è stata al momento comunicata - comporterà la necessità di riorganizzare le operazioni dell'associazione. Soprattutto se, come non è affatto difficile prevedere, la decisione di EMI venisse adottata a ruota anche dalle altre grandi sorelle del disco, vale a dire Sony-BMG, Universal e Warner.

Quello che sarà particolarmente interessante verificare è il possibile impatto della riduzione sulle attuali strategie di persecuzione nei confronti degli utenti del file sharing, che per quanto si siano rivelate inutili, inefficaci e soprattutto controproducenti - sia economicamente che a livello di immagine - sono sempre state propagandate da IFPI e RIAA come una posizione giusta nei confronti dei fenomeni di condivisione selvaggia del contenuti. Propaganda che, grazie a EMI, ben difficilmente le associazioni potranno ora permettersi di supportare con la stessa, vigorosa ottusità di sempre.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.37 sec.
    •  | Utenti conn.: 112
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.23