Punto informatico Network

Contenuto Default

Resident Evil 5 accusato di razzismo

10/08/2007
- A cura di
Archivio - Il nuovo episodio del survival horror di mamma Capcom attira su di se pesanti polemiche, concernenti il presunto razzismo alla base del plot del videogame di prossima pubblicazione. Troppo sole fa male ai blogger?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

resident evil (1) , razzismo (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 252 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Come da tradizione sin dai tempi della prima PlayStation, l'ultimo capitolo della saga zombi/horror/action del premiato sviluppatore nipponico viene considerato un titolo da "tripla A", capace da solo di spingere gli appassionati ad acquistare una macchina videoludica di nuova generazione. Resident Evil 5 è attualmente previsto in uscita in un momento non precisato del 2009, e ben poco si sa sul gioco tranne frammenti del plot e quanto mostrato dagli sparuti trailer finora distribuiti da Capcom.

01_-_RE_5_logo.jpg

In particolare l'ultimo filmato mostrato al pubblico, nel corso dell'E3 di luglio, per quanto lasci intendere veramente ben poco di quello che il gioco ha da offrire, è bastato per attirare sulla software house sorprendenti accuse di razzismo, a mio avviso assolutamente ingiustificate. Il polverone è stato sollevato, come anticipato nell'abstract, dal blog Black Looks, sforzo corale per la diffusione di un punto di vista africano sui tanti problemi del continente nero.

Nel post dedicato a Resident Evil 5, il weblog mette in risalto il presunto razzismo strisciante che, secondo l'autore, pervaderebbe l'intero videogame. "Il nuovo Resident Evil presenta un uomo bianco in quelle che sembrano uccisioni di persone Nere - si legge sul blog - Le persone Nere dovrebbero essere zombi e il lavoro dell'uomo bianco è distruggerli e salvare l'umanità".

Il blog continua e conclude: "Questo è problematico da parecchi punti di vista, inclusa la descrizione delle persone Nere come selvaggi inumani, l'uccisione di persone Nere da parte di un uomo bianco in abbigliamento militare, e il fatto che questo videogioco è indirizzato ai ragazzi e ai giovani adulti. Comincia quando sono giovani... paura, odio e distruzione della gente Nera".

Accuse infuocate, che sono state prontamente riprese e sviluppate ulteriormente da un giornalismo forse sin troppo infervorato per poter essere considerato informazione e non mera propaganda (seppure forse in buona fede): l'articolo di Bonnie Ruberg pubblicato su The Village Voice è pieno di chicche come "le ovvie connessioni culturali" tra la razza nera e la mostruosità, o idee da puro onanismo mentale sul tema dell'infezione e del contagio - che da sempre caratterizza l'immaginario orrorifico di cinema e videogame - che si sposa con la piaga dell'HIV nel continente africano.

02_-_RE_5_blackwhite.jpg

Nell'interesse di miss Bonnie e di quanti si dovessero imbattere in questo genere di fesserie nate da un uso non troppo oculato Rete, è facile ma doveroso smontare alla radice la presunta tesi di razzismo di cui sarebbe impregnato Resident Evil in poche semplici mosse, usando un'unica ma potente "arma segreta" che, evidentemente, a molti ancora difetta: la ragione.

  • Primo: sembra sin troppo eccessivo pretendere di aver capito tutto di un gioco di cui si sa ben poco e che è lungi dal potersi definire completato. Resident Evil 5 è sostanzialmente ancora un mistero per tutti tranne che per quelli che ci stanno lavorando, non è forse esagerata questa caccia alle streghe quando le streghe, materialmente, ancora non ci sono? Può bastare un trailer di 3 minuti scarsi per spendersi in invettive sin troppo pindariche per essere prese sul serio da una persona sana di mente?
  • Secondo: il problema dei videogame è che troppo spesso vengono giudicati da chi dimostra di essere sostanzialmente ignorante in materia. Nello specifico, già Resident Evil 4 si è svincolato dalla logica zombesca che ha caratterizzato i primi 3 episodi della saga, presentando una nuova tipologia di nemici, i Ganados, che ad una prima superficiale occhiata potrebbero sembrare né più né meno che una caricatura razzista di pacifici abitanti di villaggi rurali spagnoli. Cosa non veritiera, evidentemente, perché i Ganados sono umani infetti da un parassita. Usando la logica distorta impiegata per accusare RE 5, si potrebbe per assurdo ipotizzare che il razzismo di Capcom ha in realtà radici lontane nel tempo...
  • Terzo: ammettendo che gli avversari presentati nel trailer del gioco siano zombi - la qual cosa, come abbiamo visto, non è affatto scontata - forse miss Bonnie e chi ha scritto quel post sul weblog non sa che il mito o, per essere più precisi, la credenza popolare dietro lo zombi del voodoo che ha dato vita al "mostro" del cinema e dei videogame ha origini prettamente africane. Se anche fosse realmente volontà di Capcom ritornare al tema originario della saga di Resident Evil, la location scelta per questo episodio appare quantomeno azzeccata e niente affatto a sfondo pretestuosamente razzista.
  • Quarto: Chris Redfield, il presunto "uomo bianco" con la missione di sterminare la "gente Nera", è un personaggio che fa parte della saga di Residet Evil sin dal primo episodio. È un poliziotto, la cui carriera l'ha portato a divenire parte di un corpo speciale, quindi i suoi "abiti militari" sono ben più che giustificati. Secondo quale logica contorta la contrapposizione bianco-nero dovrebbe avere motivazioni razziste e non semplicemente di mera sceneggiatura?

Accuse assurde a parte, la cosa certa è che, ancora una volta, i videogame dimostrano tutta la loro potenza evocativa per l'intero settore mainstream, strumenti di comunicazione e intrattenimento non più relegati al piccolo recinto di appassionati e frikkettoni con i bit al posto dei globuli rossi. Il divertimento interattivo non renderà forse pazzi - o almeno su questo gli scienziati ancora non si sono messi d'accordo, bontà loro - ma è in grado di eccitare gli animi e colpire forte le coscienze.

03_-_RE_5_foes.jpg

I videogame continuano ad essere solo videogame, a mio personale parere, ma la loro percezione ha smesso da tempo di essere settoriale e limitata nell'ambito di una ristretta cerchia di aficionado. Interessante sarà ora verificare come Capcom deciderà di rispondere ad un'accusa così diretta e circostanziata, se andrà dritta per la propria strada a sviluppare il plot così come stabilito oppure proverà a cambiare rotta sotto il peso di considerazioni così dozzinali e pur tuttavia potenzialmente infamanti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.4 sec.
    •  | Utenti conn.: 136
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.24