Punto informatico Network
20081208110809_26873094_20081208110749_529985467_Psp1.png

Android debutta anche sulle console portatili: il robottino verde sfida Sony PS Vita e Nintendo 3DS

13/12/2012
- A cura di
Videogiochi - Il robottino "pigliatutto" sembra voler conquistare qualsiasi dispositivo munito di schermo e CPU! Ora è la volta delle console portatili, con il debutto di Archos GamePad: potenza elevata, funzionalità da tablet, controlli innovativi e prezzo concorrenziale (solo 150€).

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , psvita (1) , 4.1 (1) , android (1) , portatile (1) , alta definizione (1) , tablet (1) , sony (1) , console (1) , nintendo (1) , 3ds (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 6 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Quasi tutti i possessori di smartphone e tablet sono già abituati a giocare in maniera più o meno saltuaria con i propri device, trattandoli come vere e proprie console portatili, anche grazie alle performance sempre più impressionanti dei dispositivi più famosi e al crescente numero di giochi disponibili, alcuni talmente ben fatti da far invidia a produzioni disponibili su console e PC.

Quindi, sulla carta, ogni smartphone e tablet in nostro possesso è già una "console portatile", da cui si differenzia solo per la mancanza di tasti fisici di controllo (presenti invece su PlayStation Vita e Nintendo 3DS, che offrono levette e pulsanti oltre allo schermo touch).

Tale mancanza è molto sentita sui device Android, specie nelle sezioni di gioco più intense o con giochi più impegnativi: finchè dobbiamo tagliare frutta sullo schermo con un dito, possiamo accontentarci dei controlli multitouch, ma se vogliamo giocare ad uno sparatutto, ad un gioco sportivo o ad un platform game le cose iniziano a presentare problemi.

Infatti controllare il gioco via touchscreen può diventare frustrante, senza considerare la mancanza di visibilità sullo schermo dovuta alla presenza delle dita sullo stesso.

Questa carenza ha limitato fortemente lo sviluppo di giochi interessanti su Android: tutti dovevano sottostare alle limitate capacità degli schermi touch, semplificando al massimo il gameplay dei giochi offerti.

La casa produttrice francese Archos ha deciso perciò di soddisfare le esigenze dei giocatori Android più esigenti lanciando sul mercato GamePad, una console Android con un grande schermo da 7 pollici multitouch che presenta dei tasti di controllo fisici, ideali per un'esperienza videoludica appagante

Gamepad_intro.jpg

Le caratteristiche tecniche offerte dal prodotto sono molto interessanti, soprattutto se paragonate alla concorrenza:

  • Display da 7 pollici a 1024x600 pixel con multitouch capacitivo
  • Sistema operativo Android 4.1 Jelly Bean
  • SoC Rockchip RK3066 con 6 core a 1.6 GHz (CPU ARM Cortex dual-core + GPU Mali quad-core)
  • 8 GB di memoria interna, espandibile tramite microSD
  • 1GB di RAM
  • Webcam frontale più microfono incorporato, compatibili Skype
  • Wi-Fi b/g/n
  • USB 2.0
  • Uscita micro-HDMI
  • Speaker stereofonici
  • Sensore di movimento e giroscopio
  • Batteria ai polimeri di litio, fino a 10 ore di autonomia

Il tutto venduto ad un costo di circa 150 €, un prezzo di lancio altamente competitivo rispetto a prodotti molto più famosi come il Kindle Fire di Amazon e alla miriade di tablet cinesi venduti a cifre simili o inferiori, non in grado però di offrire le stesse performance.

Dal punto di vista prestazionale infatti la console è un deciso passo in avanti rispetto a PS Vita e Nintendo 3DS grazie alle soluzioni CPU/GPU multi-core con frequenza di clock elevata, in grado di offrire la potenza necessaria per qualsiasi operazione svolta senza alcun calo di perfomance.

I tasti fisici dedicati ai videogiocatori sono: 2 stick analogici, una croce direzionale e ben 10 tasti azione.

Archosgamedpadnews.jpg

Essi sono liberamente configurabili tramite una comodissima interfaccia drag-and-drop, che estrapola da sola i comandi principali del gioco lasciando all'utente la scelta finale sul loro posizionamento!

Ecco un video che mostra in azione questa innovativa funzionalità

Le operazioni di mapping sono davvero semplici ed intuitive.

La compatibilità è garantita con qualsiasi gioco Android supporti l'uso via schermo touch: la console si occuperà di trasformare la nostra pressione sui tasti in input per il gioco, il tutto senza rallentamenti o blocchi e senza rimuovere nulla all'esperienza touch, comunque disponibile.

Il giroscopio e il sensore di movimento fanno il resto, garantendo controlli avanzati per i giochi che supportano tali caratteristiche.

Escludendo l'aspetto videoludico (comunque primario trattandosi di una console), il GamePad offre tutto il necessario per essere utilizzato come un semplice tablet: l'ampio display e il multitouch ben calibrato offrono un'esperienza completa, anche grazie al nuovo sistema operativo Android e al suo immenso parco software.

Al momento mancano dei giochi dedicati esclusivamente alla console per sfruttarne appieno le potenzialità, ma nell'attesa possiamo consolarci con gli oltre 100 mila giochi (gratuiti e non) già presenti sul market Google Play, alcuni dei quali attendevano solo tale dispositivo per essere giocati davvero fino in fondo con dei controlli più comodi rispetto al touch.

Maggiori informazioni sul prodotto sono reperibili sul sito ufficiale.

Attualmente non è disponibile alla vendita in Italia, ma Archos ha promesso il lancio nel Belpaese entro il 18 Dicembre 2012 presso le più importati catene della grande distribuzione, giusto in tempo per gli ultimi regali di Natale.

Il prezzo sarà identico in tutta Europa (150 €), non ci saranno i temuti sovraprezzi (reali o fittizi) tipici dei prodotti Hi-Tech lanciati in Italia.

Il punto di vista dell'autore

Personalmente già pregusto una possibile collaborazione con la futura console Android da salotto OUYA, di cui ho parlato in passato in questo articolo.

Le potenzialità sono, a mio avviso, enormi: l'Archos GamePad può funzionare benissimo come controller alternativo per OUYA, visto anche l'utilizzo dello stesso sistema operativo e la presenza di un hardware simile (il Tegra 3 di OUYA è più potente, ma il SoC di Archos se la cava benissimo).

Alcuni software Android già permettono di utilizzare tablet e smartphone come dispositivi di controllo remoto per PC: da qui a far comunicare le due console Android il passo è breve, anzi brevissimo (se non addirittura disponibile nativamente).

Sulla carta si potrà realizzare un "ambiente videoludico totale" in cui sia la console da salotto che i suoi controller (tablet/console) avranno più o meno le stesse caratteristiche hardware e lo stesso OS a muoverli.

Potremo sincronizzare giochi e software tra le due console, o addirittura ricreare la funzionalità "game portable" presente sulla console Nintendo Wii U: gioco su OUYA, ma devo spegnere la console per svariati motivi; accendo GamePad e riprendo il gioco da dove l'avevo lasciato, senza perdere troppo in termini di qualità e resa visiva del gioco scelto (ovviamente devi giocarci su un 7 pollici). Viceversa potrò sincronizzare i progressi del gioco fatti su GamePad e continuare su OUYA non appena riprendo in mano la console "grande".

Console da salotto e console portatile che offrono la stessa resa visiva e offrono gli stessi giochi, garantendo lo stesso gameplay: non è più un utopia, ma è una (possibile) realtà.

Finora i giochi per console portatile si sono rivelati semplici adattamenti delle versioni console: questa epoca può definitivamente finire.

Senza contare le potenzialità offerte dal tablet-controller: lo schermo multitouch del GamePad offre interessanti spunti per il gameplay (selezione rapida armi, scelta missioni, chat video/vocale integrata....).

Tutto questo venduto a meno di 230 € (OUYA a 77 € + Archos GamePad a 150 €): la Wii U, la prima console "next-gen", costa almeno 300 €.

Ultima follia di questo editoriale: OUYA supporta il gaming on-demand di giochi per PC famosi come Batterfield 3, Call of Duty e altri titoli molto noti al grande pubblico.

Le possibilità di giocare a questi titoli anche su una console portatile rischia di abbattere definitivamente la concorrenza.

Sogno irrealizzabile o realtà da sfruttare? Esprimete il vostro parere utilizzando il campo dei commenti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.34 sec.
    •  | Utenti conn.: 36
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.07