Punto informatico Network
20100106150159_1737902635_20100106150126_270729475_android_spotlight.png

Anche Google Play a rischio privacy

15/02/2013
- A cura di
Sicurezza - Chi compra App su Google Play offre i propri dati personali al venditore. Ma anche chi non compra.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , rischio (1) , privacy (1) , play (1) , google play (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3 calcolato su 3 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Play-store.jpg

Uno sviluppatore di App australiano, Dan Nolan, ha pubblicato un messaggio su un blog in cui afferma di essere entrato in possesso di informazioni personali degli avventori che hanno acquistato, attraverso Google Play, la sua App per Android.

La scoperta si rivela ancor più interessante per il fatto che anche gli ordini di acquisto annullati, quelli che non hanno visto il perfezionamento della transazione, producono lo stesso risultato. È buon senso ritenere che almeno in questo caso il venditore non debba ricevere alcuna informazione sul compratore, così come dovrebbe essere limpido e inequivocabile per quest'ultimo sapere che i propri dati personali saranno trasmessi alla controparte. Le informazioni inoltrate potrebbero essere utilizzate per capire chi ha espresso pareri negativi sulla App e in caso di rimborso.

D'altro canto i fruitori di Google Play sottoscrivono i termini del servizio erogato. In tal senso sviluppatori e consumatori condividono dati personali con l'accettazione. Ai fruitori del servizio forse sfugge il fatto che hanno definito un rapporto d'affari con Google e che non si tratta di un rapporto diretto tra chi compra e chi vende.

La concorrenza, Apple Store, non presenta questo tipo di problematica. Non esiste scambio automatico di informazioni. Probabilmente Google dovrebbe riflettere sulla vicenda ed apportare dei correttivi.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2018 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 38
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 44
    •  | Tempo totale query: 0.05