20081030144522_1226899752_20081030144449_145449427_virtualboxlogosun.png

VirtualBox 4.1 beta attiva Aero sulle macchine virtuali

02/07/2011
- A cura di
Zane.
Soluzioni - La nuova versione del celebre virtualizzatore open source presenta molte novità, ma l'introduzione di un driver WDDM, e la conseguente disponibilità delle finestre "di vetro", è indubbiamente la più interessante.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

beta (1) , virtualbox (1) , aero (1) , macchine virtuali (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3 calcolato su 3 voti

Oracle ha rilasciato giovedì sera la prima beta pubblica di VirtualBox 4.1

MLIShot_20110701130508.jpg

Nonostante l'incremento minimo del progressivo rispetto al ramo precedente, l'edizione è considerata una release "maggiore" e presenta miglioramenti di primo piano.

Arrivano WDDM e Aero

Il più interessante, soprattutto per il pubblico desktop, è l'introduzione di un driver video compatibile con Windows Display Driver Model (WDDM): come noto, WDDM è l'architettura propria di Windows Vista (ed impiegata, in forma più evoluta, anche su Windows 7) ed è un requisito fondamentale per attivare le finestre "di vetro" proprie dell'interfaccia Aero.

Ora che VirtualBox è dotato del componente, anche le macchine virtuali sulle quali sia installata una delle ultime due iterazioni del sistema operativo Microsoft possono sfruttare la tecnologia, permettendo così all'utenza di liberarsi della limitatissima "Aero Basic" utilizzata fino ad ora.

L'attivazione della caratteristica non è però del tutto automatica: i passaggi necessari a raggiungere l'obbiettivo stati mostrati in "Attivare Aero e le finestre "di vetro" nelle macchine virtuali di VirtualBox".

Clonazione e altre novità

Il changelog rispetto alla generazione precedente è comunque ancora lungo: in particolar modo, è ora possibile clonare una macchina virtuale completa in pochissime cliccate. Questo, in combinazione agli snapshot (Istantanee), permette agli utenti più esigenti di controllare, replicare, duplicare e sperimentare in completa libertà

MLIShot_20110701132644.jpg

Si parla poi di un limite innalzato ad 1 TB di memoria per la quantità massima di RAM gestita sugli host, procedure guidate riviste per la copia e la creazione dei dischi virtuali, l'introduzione della modalità UDP Tunnel per la comunicazione trasparente fra virtual machine ed una pioggia di bugfix e funzionalità minori.

Scaricare il software

VirtualBox 4.1 può essere scaricato direttamente da qui nella versione per Windows (l'installatore è unico sia per le edizioni a 32 bit, sia per quelle a 64 bit), oppure partendo da questa pagina per Linux, Mac OS X e tutte le altre piattaforme supportate.

La maggior parte del codice alla base del programma è distribuito con licenza open source GNU Public License (GPL). Questo significa che lo strumento è utilizzabile liberamente, sia in abito privato, sia professionale.

Fa eccezione il pacchetto con le caratteristiche aggiuntive denominato PUEL extpack, gratuito solo per l'uso personale o a scopo di valutazione. Per maggiori informazioni, si vedano i dettagli della licenza Personal Use and Evaluation License (PUEL).

Lo sviluppatore ha ricordato che VirtualBox 4.1 è ancora allo stadio "beta": l'uso su sistemi di produzione è quindi sconsigliato.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.22 sec.
    •  | Utenti conn.: 37
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.04