Punto informatico Network

20080921160555_622451476_20080921160520_702177369_martelletto-giudice.jpg

Condannati tre dirigenti di Google

25/02/2010
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Tre dirigenti di Google sono stati giudicati colpevoli di violazione della privacy, per non aver impedito la pubblicazione sul web di un video che riprendeva un ragazzo down maltrattato dai compagni.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , dirigenti (1) , tre (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 21 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il Tribunale di Milano ha condannato a 6 mesi di reclusione (con pena sospesa) i tre dirigenti di Google che, nel 2006, non avevano impedito la pubblicazione di un filmato con le violenze ai danni di un ragazzo down.

Gli imputati, assolti dall'accusa di diffamazione a mezzo stampa, sono stati condannati per violazione della privacy.

Immediata la replica di Google, che ha denunciato un attacco ai principi fondamentali di libertà ispiratori di Internet. Tuttavia, la motivazione della sentenza, frutto di un attento bilanciamento di interessi, è assolutamente chiara e ineccepibile: il diritto d'impresa non può prevalere sulla dignità della persona.

Si tratta di una decisione storica, con cui si è chiuso il primo procedimento penale che ha visto imputati i responsabili di Google per la pubblicazione di contenuti sul web.

Sebbene l'associazione Vividown e il Comune di Milano, parti civili costituite, non abbiano ottenuto alcun risarcimento (la loro posizione, infatti, era legata soltanto al reato di diffamazione originariamente contestato), i familiari del ragazzo maltrattato si sono detti molto soddisfatti dell'esito del giudizio.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 87
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 21
    •  | Tempo totale query: 0.23