Punto informatico Network

20080829210651

Condanna Google Video: un pericoloso precedente per la rete italiana?

26/02/2010
- A cura di
Zane.
Internet - Il timore è ora che tutte le piattaforme in grado di ospitare contenuti prodotti dall'utenza possano essere ritenute responsabili. Non è ancora detto, ma l'avvocato difensore invita a non sottovalutare il problema. L'opinione: come gestire 400 milioni di utenti? semplice: rischiando.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

condanna (1) , rete (1) , pericoloso (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4.5 calcolato su 30 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

La condanna dei tre dirigenti di Google ha suscitato un grande interesse nel pubblico, sia dentro, sia fuori dalla Rete.

Oltre al singolo episodio, l'attenzione è focalizzata sulla possibilità che la decisione del giudice possa costituire un significativo precedente per futuri casi analoghi che coinvolgano siti a "partecipazione collettiva", ovvero quelle realtà che si sviluppano grazie alla collaborazione diretta degli utenti. Se così fosse, si teme, il gestore della piattaforma potrebbe essere chiamato a rispondere anche per l'operato dei propri utenti.

Come noto, quello dello User-generated content (Contenuti generati dagli utenti) è un modello adottato non solo da Google Video, ma anche da servizi come YouTube, Facebook, MySpace, Blogspot, WordPress oppure anche dallo stesso MegaLab.it e dai tanti siti che offrano spazio ai visitatori tramite forum o la possibilità di lasciare commenti.

D'altro canto, non è da escludere che l'unica mancanza di Google Video sia stata quella di non trasferire in capo agli utenti la responsabilità inerente il rispetto delle normative sulla privacy: un problema formale che, in caso, potrebbe essere rettificato semplicemente modificando il legalese della licenza d'uso del videoportale.

La situazione non potrà essere comunque chiarita del tutto prima dei 90 giorni necessari a depositare gli atti. In una dichiarazione rilasciata a Punto Informatico, l'avvocato difensore Giuliano Pisapia ha spiegato che "non è affatto possibile escludere che a Google si contesti la non applicabilità della direttiva sull'e-commerce (o l'applicabilità in forme diverse)". In tale circostanza, la responsabilità per quanto inserito dagli utenti ricadrebbe in toto sul gestore del servizio.

L'opinione

Il timore degli operatori è, come detto, la delibera di questi giorni porti ad un aut aut per le piattaforme di User-generated content: decidere di approvare preventivamente ogni contributo immesso prima di renderlo visibile oppure continuare con le modalità attuali, correndo però il rischio concreto di essere trascinati in giudizio.

La prima soluzione, per quanto possa essere difficile da comprendere per chi non lavora nel settore, è pressoché impossibile da implementare: si pensi solo alla circostanza nella quale Facebook dovesse attrezzarsi per supervisionare e approvare l'attività dei 400 milioni di utenti, con l'aggravante di dover smaltire ogni nuovo contenuto pressoché in tempo reale.

Ancora un esempio: YouTube ha affermato che ogni minuto vengono caricati filmati per una durata complessiva di 20 ore. È evidente che nessun team, per quanto ampio, potrebbe mai riuscire a gestire una mole di lavoro del genere.

Si potrebbe pensare di ricorrere alla soluzione automatizzata: qualsiasi professionista che operi nel mondo dell'informatica potrà comunque concordare che, se la cosa potrebbe essere quantomeno teorizzabile in presenza di contenuti testuali, realizzare un software che possa valutare il contenuto di un filmato e decidere autonomamente di consentirlo o meno è una sfida ben al di là di quanto offerto dalla tecnologia odierna.

L'unica strada percorribile rimarrebbe quindi quella di rischiare, esponendosi per gli utenti: in quanti si sentirebbero di farlo? e quanti di loro sarebbero soggetti differenti da minorenni scavezzacollo o corporation dal fatturato multi-milionario pronte a spendere fior di denari in avvocati?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.45 sec.
    •  | Utenti conn.: 128
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.27