Punto informatico Network

IE, Internet Explorer, Internet, explorer

Internet Explorer? Un virus pericoloso

18/12/2006
- A cura di
Archivio - Clamoroso abbaglio per l'antivirus tedesco Avira, che riconosce come malware il file eseguibile del browser Microsoft. Il problema è stato prontamente risolto, ma il caso rimane.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , internet explorer (1) , virus (1) , pericoloso (1) , explorer (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 165 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sembra l'ennesima barzelletta sbeffeggiante il colosso di Redmond, e invece è un caso di cronaca informatica recente. Avira AntiVir PersonalEdition, noto antivirus free prodotto dall'omonima compagnia tedesca, ha riconosciuto il file eseguibile di Internet Explorer 6 (iexplore.exe), il browser web integrato in Windows XP, come il trojan TR.Spy.Goldun.ML, e quindi un agente patogeno pericoloso per il sistema e i dati degli utenti da eliminare non appena identificato. Cosa che molti utilizzatori di AntiVir, scattato l'allarme, hanno giustamente fatto.

01_-_Avira_logo.JPGIl problema, ha poi spiegato la società, si è verificato a causa di un errore nelle firme virali rilasciate per l'antivirus, precisamente le versioni 6.36.01.127 e 6.36.01.134. A quanto pare, l'incredibile svarione è sfuggito ai test di controllo interni, e Avira si è affannata a rassicurare gli utenti sulla possibilità di recuperare il prezioso exe: il file può essere facilmente ripristinato dalla quarantena di AntiVir o, qualora l'utente lo avesse cancellato in maniera definitiva, è sempre possibile, secondo Avira, usare l'utility a riga di comando System File Checker (sfc.exe) inclusa in XP per ripristinare IE 6.

Successivi aggiornamenti dell'antivirus hanno naturalmente risolto il problema, ma lo stupore rimane: al di là della minimizzazione dell'incidente, è oltremodo preoccupante vedere come basti veramente poco perché quello che dovrebbe essere un baluardo alla nostra sicurezza informatica si trasformi in una spada implacabile, mortale per gli applicativi e (potenzialmente) per i dati dell'utilizzatore.

Certo, nel caso specifico, esiste sempre l'alternativa: passando ad un browser più moderno e sicuro, l'iexplore.exe incriminato perde tutta la sua utilità e importanza. Sempre che l'antivirus dell'ombrellino rosso non cominci a prendersela anche col piccolo panda di Mozilla...

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.26 sec.
    •  | Utenti conn.: 100
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.12