Punto informatico Network

20100422113501_407489234_20100422113433_407420028_office_web_apps_spotlight.png

Microsoft fonde Office e Facebook in una suite gratuita

07/05/2010
- A cura di
Zane.
Internet - Da una partnership fra le due aziende nasce il nuovo Docs.com, una web application per l'editing e la condivisione di documenti da ufficio. Il software è una declinazione Office Web Apps, ma proprio l'integrazione con il social network per eccellenza dovrebbe impensierire Google Docs. L'utilizzo del servizio è gratuito, ed ora è anche possibile modificare i propri file o crearne di nuovi.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , gratuita (1) , office (1) , facebook (1) , google docs (1) , suite (1) , office 2010 (1) , docs.com (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 12 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Prendi la tecnologia alla base del nascente Office Web Apps. Combinala con la piattaforma di Facebook. Aggiungi un pizzico di semplicità al tutto, ed il risultato è Docs.com, la nuova web application che Microsoft ed il social network per eccellenza hanno lanciato nei giorni scorsi

MLIShot5.jpg

L'idea è quella di offrire agli utenti un modo comodo e veloce per lavorare ai documenti da ufficio (Word, Excel, PowerPoint) direttamente all'interno del browser web, pur senza la necessità di installare una tradizionale collezione di programmi per la produttività personale in locale.

A questa componente, propria di Office Web Apps, si aggiunge la caratteristica sociale di Facebook: grazie all'intergrazione fra i due servizi, l'utente può condividere selettivamente i file con i propri "amici", che potranno a propria volta lavorarvi con il medesimo tool.

La caratteristica permette quindi la creazione di piccoli gruppi di lavoro, evitando ai team di doversi scambiare i documenti via e-mail o tramite chiavette USB.

A voler osservare più da vicino, pare evidente che è proprio l'integrazione con Facebook la novità principale: già Office Web Apps consente infatti di condividere i documenti da lavoro in maniera analoga, con l'importante differenza che, con OWA, gli utenti che desiderassero accedere al file devono possedere un account Windows Live, ben meno popolare del più noto Facebook

MLIShot2.jpg

Il principale concorrente di questo tipo di servizi è, chiaramente, Google Docs. La suite di produttività via web di Google gode oggi di una certa popolarità, poiché in circolazione da ormai da molti anni, ma potrebbe trovare nella partnership Facebook-Microsoft un avversario duro da battere, proprio grazie alla visibilità e alla facilità d'accesso garantita dal primo e dalla piattaforma tecnologica, ripresa dall'imminente Office 2010, fornita dal primo produttore di software al mondo.

Un aspetto in cui Google Docs pare essere un passo avanti è la collaborazione contemporanea in tempo reale: almeno per il momento infatti, solo un utente può lavorare su Docs.com ad uno specifico documento per volta. Gli altri collaboratori sono chiamati ad attendere il proprio turno. Di contro, Google Docs consente a tutti i partecipanti di collaborare ad un certo file nello stesso momento.

Ora si legge e si scrive

Dalla presentazione della web application di fine aprile ad oggi, il team di sviluppo ha continuato a lavorare sul prodotto. Se fino a pochi giorni fa Docs.come era in grado unicamente mostrare alcuni documenti dimostrativi in sola-lettura, è oggi possibile anche caricare i propri file oppure crearne di nuovi.

Il funzionamento è decisamente intuitivo, soprattutto grazie all'interfaccia grafica che risulta estremamente familiare agli utenti abituati all'impostazione di Microsoft Office 2007/2010.

Word Web App offre quindi molti strumenti di gestione del testo e delle immagini, sebbene tutte le caratteristiche più avanzate (come ad esempio la stampa unione o la creazione di riferimenti incrociati) siano, comprensibilmente, assenti

Word.jpg

Anche i fogli di calcolo di Excel funzionano abbastanza bene, e preservano eventuali grafici presenti nei file caricati.

Tramite l'interfaccia web non è però possibile creare nuovi disegni, né spostare quelli preesistenti

Excel.jpg

Miste le impressioni relative alla declinazione web di PowerPoint: se infatti lo strumento si rivela piuttosto pratico per fare qualche ritocco a presentazioni preesistenti, cercare di creare slide dall'aspetto accattivante ex novo è un'impresa alquanto ardua

PowerPoint.jpg

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.32 sec.
    •  | Utenti conn.: 143
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.17