Punto informatico Network

20080921155540_1214679208_20080921155521_656168446_Download.png

Scaricare da Internet è una comodità anche per gli scrittori

21/07/2009
- A cura di
Filesharing Peer-to-peer - Negli USA, un noto scrittore ha preferito scaricare da Internet una sua opera piuttosto che perdere tempo a digitalizzarla tramite uno scanner. Ennesima prova che dimostra quanto la gestione delle opere, dal copyright alla diffusione, sia da rivedere e modernizzare.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , scaricare (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 131 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Perché perdere tempo a digitalizzare manualmente il mio libro, quando l'ha già fatto qualcun altro? È questa motivazione che ha spinto Michael Stackpole, noto scrittore sci-fi americano, a preferire il download di una sua opera da Internet piuttosto che provvedere manualmente a scannerizzarla, pagina per pagina.

Dopotutto, "Quelli che scaricano i miei libri dai torrent è gente che non li comprerebbe mai [... ] non mi stanno rubando nulla", afferma l'autore. Quindi, Stackpole non ha niente in contrario al download dei propri testi che, nel peggiore dei casi, contribuisce comunque alla diffusione delle sue opere.

Quello che lo scrittore americano sostiene è che tutti gli artisti dovrebbero adattarsi ai nuovi sistemi di comunicazione che il ventunesimo secolo ci offre.

Evitare di aggrapparsi a modelli di business e gestione delle opere oramai superati, ed eliminare gli intermediari dannosi sia per l'autore che per il consumatore sono due delle tante soluzioni per modernizzare la cultura.

Per questo, Stackpole si affida alla pubblicazione delle sue opere direttamente online, ed invita i suoi colleghi a fare lo stesso. Non dimentichiamoci che lo scrittore americano è il primo autore ad aver diffuso i propri lavori addirittura nell'App Store, perché siano consultabili anche da tutti i possessori di iPhone.

Il piacere di leggere un buon libro cartaceo probabilmente non scomparirà dall'oggi al domani e passeranno ancora molti anni prima che la tradizionale carta venga abbandonata in favore dei mezzi digitali.

Quello di cui abbiamo bisogno, invece, è di rivedere il rapporto tra le opere d'arte di qualsiasi genere (letterarie, musicali, e così via) e le nuove tecnologie messe a disposizione dalla nostra epoca, onde evitare d'incappare in situazioni assurde che continuano a speculare su regole e comportamenti ormai passati.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.27 sec.
    •  | Utenti conn.: 105
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.12