Punto informatico Network

20090106090821_1102465281_20090106090810_405648986_last-fm_audioscrobbler_logo.jpg

Un patto fra Last.fm e RIAA? È polemica

23/02/2009
- A cura di
Internet - TechCrunch pare aver ricevuto notizie che metterebbero in relazione Last.fm e RIAA, in un accordo tramite il quale il sito possa fornire le informazione in proprio possesso per scovare coloro che hanno scaricato l'ultimo album degli U2 non ancora uscito in commercio.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

riaa (1) , last.fm (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 134 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sembra che, in questi ultimi giorni, molte attenzioni siano state rivolte al "caso U2", e gli sviluppi risultano tanto interessanti quanto preoccupanti.

TechCrunch ha sollevato nuove controversie, e ora risulta al centro di una pioggia di visite e commenti (un ottimo modo per farsi pubblicità).

A quanto pare il sito ha ricevuto una soffiata e, secondo quanto emerso, pare che Last.fm abbia stretto un accordo con RIAA (Recording Industry Association of America), inviandole alcuni dati relativi alla propria utenza. In particolare, sostiene la fonte, Last.fm avrebbe trasmesso dati raccolti tramite scrobbling: come noto, infatti, il sito offre un client per desktop, che spulcia nella libreria digitale i titoli della musica presente, consigliandone altri che potrebbero essere attinenti a quelli analizzati. In questo modo, però, risulta possibile raccogliere tutti i dati relativi ai brani presenti sul PC. RIAA starebbe setacciando le liste fornite per tentare di pizzicare i furbi che, tramite BitTorrent, sono riusciti a scaricare l'album della rock band irlandese prima della sua uscita in commercio.

La questione si sta trascinando ormai da tempo, lasciando spazio a dubbi, agitazioni e critiche. Nonostante Last.fm, nella propria informativa sulla privacy, specifichi la possibilità che i dati possano essere letti da terzi, uno dei fondatori ha commentato negando la validità di quanto riportato da TechCrunch.

Per ora non possiamo valutare la veridicità dell'articolo ma, come specificato al termine dello stesso, tutto può essere ridotto a semplici voci di corridoio. Ci chiediamo se l'onda continuerà a crescere o, come spesso succede, tutto si concluderà in una bolla di sapone.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 98
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.23