Punto informatico Network

20080921160555_622451476_20080921160520_702177369_martelletto-giudice.jpg

Jammie Thomas nuovamente nei guai

21/06/2009
- A cura di
Filesharing Peer-to-peer - Una nuova sentenza conferma la colpevolezza della donna. Imposto un risarcimento milionario.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

kazaa (1) , riaa (1) , record (1) , dollari (1) , milioni (1) , multa (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 139 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Vi ricordate del caso Jammie Thomas, forse il più discusso processo fra RIAA e la pirateria? Già nel 2007 la trent'enne statunitense, precaria e con un reddito mensile essenziale, era stata condannata a pagare una multa di 222.000 dollari per aver messo in condivisione 24 file musicali su Kazaa.

Dopo che la sentenza di primo grado è stata giudicata "inappropriata" dal tribunale, il processo è continuato con una nuova giuria, che non ha sicuramente migliorato la situazione della donna. Mentre prima la multa era di 9.250 dollari per ogni brano, dopo il nuovo ricorso l'ammenda è salita addirittura a 80.000 dollari per ogni infrazione commessa, arrivando dunque alla cifra di 1.92 milioni.

La reazione dell'imputata, nonché di moltissime altre persone non coinvolte direttamente nella vicenda, è stata di estremo stupore, tanto da riferirsi alla multa come "qualcosa di ridicolo".

Nonostante Jammie Thomas pensasse di avere la legge dalla propria parte, RIAA è riuscita a trionfare nuovamente. Cara Duckworth, portavoce dell'Associazione, ha dichiarato di essere felice della scelta della giuria e di aver molto apprezzato la serietà con la quale il caso è stato trattato.

Però, per quanto RIAA possa essere (comprensibilmente) soddisfatta dei risultati, l'ammontare della multa è troppo alto per la condizione finanziaria in cui si trova la donna condannata. Probabilmente non sarà in grado di estinguere il suo debito, e potrebbero presentarsi nuovi scenari.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 96
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.16