Punto informatico Network

20081124133039_1885786828_20081124132955_1314788704_Q123366.jpg

Microsoft abbandona OneCare

25/11/2008
- A cura di
Zane.
Sicurezza - L'azienda interromperà la vendita della criticatissima suite di sicurezza già a partire dall'estate. Ma al suo posto arriverà un nuovo prodotto gratuito.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 245 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Microsoft ha rilasciato nei giorni scorsi un inatteso comunicato stampa, nel quale annuncia l'intenzione di ritirare dal mercato di Windows Live OneCare.

Windows Live OneCare, lanciato appena due anni fa, combina in un unico prodotto alcune funzionalità dedicate alla manutenzione del sistema ed un motore anti-malware, la cui efficienza però non ha mai brillato.

A partire dal 30 giugno 2009, il prodotto non sarà più in vendita: ciò significa che non sarà possibile sottoscrivere nuovi abbonamenti oppure rinnovare quelli esistenti. Allo stesso tempo però, Microsoft assicura che gli aggiornamenti verranno comunque distribuiti fino alla naturale scadenza di tutti gli abbonamenti ancora validi.

Ma se Windows Live OneCare è destinato a sparire, arriverà un successore. La disponibilità di Morro, questo il nome in codice della nuova suite di sicurezza Microsoft, dovrebbe coincidere con il pensionamento di OneCare.

Vi saranno comunque numerose differenze fra i due: il nuovo strumento sarà specificatamente orientato alla sicurezza, e non presenterà quindi i vari tool di manutenzione offerti da OneCare.

Al contrario del predecessore inoltre, Morro non sarà un servizio a pagamento: il programma verrà infatti distribuito gratuitamente come add-on aggiuntivo scaricabile dalla rete, e sarà compatibile con Windows XP, Windows Vista ed anche con il futuro Windows 7.

Parlando di 7, è lecito chiedersi se Morro sarà integrato nativamente all'interno del prossimo Windows. Sebbene non vi siano dichiarazioni ufficiali al riguardo, le possibilità che Microsoft azzardi una scelta del genere sono comunque esigue: tale decisione finirebbe per attirare le ire dei produttori di antivirus e, soprattuto, il rischio concreto di un nuovo processo per abuso di posizione dominante.

Morro sarà quindi una soluzione a tutto tondo contro il malware, spyware compreso: ecco che anche il futuro di Windows Defender potrebbe essere dubbio: con tutta probabilità comunque, il vecchio Defender rimarrà in vita come mero antispyware integrato nel sistema operativo, e, probabilmente, disabilitato (oppure "integrato") in caso fosse installato anche Morro.

Dal comunicato Microsoft, si evince come uno degli obbiettivi sia fornire un prodotto efficace, pur senza impattare sulle risorse del sistema: un problema sicuramente di primo piano quando si analizzano gli antivirus oggi in circolazione.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.34 sec.
    •  | Utenti conn.: 98
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.15