Punto informatico Network

Canali
20080829211051

eMule, un mulo per il filesharing

07/10/2006
- A cura di
Zane.
Filesharing Peer-to-peer - Scaricare tanto e velocemente, questo quello che si ottiene con e-Mule! Guida completa al programma del momento per la condivisione peer-to-peer.

Download

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

filesharing (1) , emule (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 863 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Quando si tratta di analizzare un programma famoso come eMule non si sa mai da dove partire: qualche indicazione sulla storia del programma oppure saltare subito alla guida? Me come è possibile capirne il funzionamento senza sapere su quali principi è basato?

Partiamo quindi dall'inizio di eMule ovvero da... e-Donkey. Il "mulo elettronico" (eMule) è infatti un figlio diretto e open source di un altro equino, "asino elettronico" (e-Donkey), un programma commerciale che negli ultimi due anni aveva riscosso un notevole successo, prima di essere abbandonato dal proprio ideatore (e recentemente addirittura chiuso dalla legge): proprio per non perdere quel bacino enorme di utenza che si era creato attorno alla rete e-Donkey è stato creato eMule, che, basandosi sullo stesso protocollo, interagisce con la rete originale in modo del tutto trasparente.

I pregi di eMule sono davvero tanti: innanzitutto supporta il download da più fonti contemporaneamente, innalzando la velocità di download globale, non contiene pubblicità, né spyware, rende disponibili una enorme quantità di file anche in lingua italiana, utilizza un avanzato algoritmo per recuperare i file corrotti, offre il resume automatico, la gestione delle priorità, un avanzato sistema di ricerca, un efficiente sistema anti-leecher e premette di settare da vicino una fitta serie di opzioni che consentono di adattare il programma alle proprie esigenze.

"Il mulo", come lo si definisce negli ambienti italiani ad esso dedicati, non è però esente da problemi di vario tipo, fra cui spiccano una certa instabilità, che sta gradualmente scemando con il procedere delle versioni, una notevole difficoltà iniziale che scoraggia gli utenti alle prime armi e la necessità di collegarsi ad un server centrale per poter condividere materiale.

Alla data attuale eMule può essere considerato un programma perfettamente stabile. I progressivi ritocchi all'interfaccia grafica e l'introduzione di una seconda rete completamente decentralizzata chiamata Kademlia (Kad, per gli amici) hanno inoltre risolto anche gli altri due inconvenienti, facendo si che eMule si sia guadagnato il podio fra i programmi di sharing più utilizzati

eMule.gifCome ogni progetto open source dagli alti consensi, dalla versione ufficiale di eMule sono nati poi tanti progetti paralleli, chiamati "mod", abbreviazione di "modification": come è facile intuire, le mod si basano sullo stesso core (la base del programma) della versione ufficiale, ma aggiungono nuove funzionalità e opzioni anche se in molti casi si rivelano leggermente meno stabili e vengano aggiornate con un po' di ritardo rispetto al progetto originale.

Il funzionamento di base del programma non è niente di innovativo: per condividere è necessario collegarsi ad un server centrale, che tiene traccia di quali file sono in condivisione fra gli utenti ad esso collegati e si occupa quindi di mettere in contatto i vari client fra loro.

Scaricare eMule

Come per ogni programma, la prima cosa da fare è scaricarlo sul proprio disco fisso: possiamo ottenere una copia di eMule dal sito ufficiale: il file che ci interessa si chiama Binari v....

Download_eMule.gif

Estraiamo l'archivio in una directory e avviamo per la prima volta emule.exe, ma quindi annulliamo il wizard che si presenta.

No_wizard.gif

Premete ora il pulsante Opzioni nella barra degli strumenti, e assicuriamoci di cliccare sul pulsante Link ed2k, in basso a destra nella schermata che verrà così aperta (se il pulsante risulta disabilitato significa semplicemente che l'opzione era già attiva: proseguite normalmente!)

Get_ed2k-link.gif

Cliccate quindi su Ok per abbandonare temporaneamente la schermata delle opzioni e aprite il vostro browser web all'indirizzo ed2k.has.it (attenzione che sono presenti alcuni banner di dubbio gusto: per precauzione è meglio disabilitare la visualizzazione delle immagini prima di entrare!)

Cliccate quindi sul link Add to eMule alla riga Best Server: eMule verrà attivato ed i server automaticamente importati (se così non fosse, fate riferimento a quest'altra pagina).

Get_ed2k-link.gif

Ricordatevi d'ora in poi di ripetere questa operazione di tanto in tanto (ogni due mesi sarà più che sufficiente) per mantenere sempre aggiornata la lista dei server.

Completata anche questa procedura, siamo pronti a personalizzare il mulo ed iniziare a scaricare.

Pagina successiva
Configuriamo 1
Pagine
  1. eMule, un mulo per il filesharing
  2. Configuriamo 1
  3. Configuriamo 2
  4. Al lavoro!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.32 sec.
    •  | Utenti conn.: 103
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.16