Punto informatico Network
Canali
20080829210342

Presentiamo... DivX 5!

15/05/2002
- A cura di
Zane.
Audio Video Multimedia - Una rivoluzione nella compressione video: ecco tutte le novità.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

divx (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 232 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Logo_DivX.jpg

Ormai è passato moltissimo tempo da quando, qualche anno fa, abbiamo recensito la prima, fortunatissima relase (3.11 Alpha) del famoso codec video DivX. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata veramente tanta, e la guerra di mercato ha avuto un evoluzione pari a quella tecnologica, fino ad arrivare all'attuale DivX 5. Ma un momento, la versione 4.x di DivX che fine ha fatto? Beh, è stata rilasciata nel periodo intermedio tra la 3.11 e la attuale 5, ma il nostro sito non ne ha parlato, per un semplice motivo: dai nostri test dell'epoca, il codec DivX 4.x ha riportato risultati decisamente peggiori della versione precedente. Il nuovo (e eccellente) DivX 5 deve però moltissimo alla versione "intermedia": la versione 4.x ha infatti portato una completa riscrittura del codice, permettendo a DivX di scrollarsi completamente di dosso il pesante titolo di "hackeraggio" del formato proprietario ASF di Microsoft, e tutte le implicazioni legali che questo comportava. È quindi ora possibile utilizzare DivX in tutta legalità, anche in ambito aziendale.

Tornando al nostro DivX 5, illustreremo in questo confronto tutte le novità che ne fanno un prodotto veramente eccellente per la compressione e la distribuzione, anche in ambito aziendale, di filmati in alta qualità. In un prossimo futuro, descriveremo nei minimi dettagli il modo d'uso.

Mpeg4_tool.jpg

Innanzitutto sono cambiate le licenze e ci troviamo quindi con tre diverse versioni, fortunatamente pienamente compatibili tra loro. La prima versione è denominata "DivX 5" ed è, come tradizione, completamente gratuita. Può riprodurre anche i filmati compressi con i fratelli maggiori, ma deficita di alcune funzionalità avanzate. La seconda versione, "DivX 5 Pro" è a pagamento, 30$, e si rivolge alla realtà aziendale. L'ultima versione, "DivX 5 Pro Ad-Supported", comprende le funzionalità avanzate, ma è gratuito: in quest'ultimo caso si chiede però di visualizzare alcuni messaggi pubblicitari, forniti dal sistema "Gain", ritenuto da molti Spy-ware. Il nostro consiglio è sicuramente quello di acquistare la versione "Pro": come vedremo, sono 30$ spesi davvero bene.

Il formato è compatibile all'indietro, ma non in avanti: questo significa che DivX 5 è in grado di riprodurre correttamente anche il filmati in formato DivX 4.x e DivX 3.x (anche se con quest'ultimo mostra alcune difficoltà in fase di montaggio) ma non viceversa: i vecchi codec non sono in grado di riprodurre DivX 5. Da questa versione è inoltre pienamente compatibile con gli standard MPEG-4.

Per la gioia di tutti gli smanettoni, DivX 5 produce file sensibilmente più piccoli a pari qualità: i file prodotti sono del 20% più piccoli rispetto al vecchio DivX 4.x, a cui si somma un altro 15% circa con le funzionalità avanzate di DivX 5 Pro.

Grazie all'integrazione dei tool di elaborazione più usati (de-interlacing, resizing, cropping) direttamente nel core del codec, lo sviluppatore può slegarsi dall'applicativo di editing e concentrarsi sull'elaborazione dei dati, che, grazie a questa integrazione a basso livello, in alcune occasioni risulta più veloce.

Migliorato il filtro di pulizia. Grazie alla funzione "pre-processing", il codec è in grado di "pulire" il filmato di partenza prima della compressione, rimovendo tutti gli elementi di disturbo (linee, formicolii, bordi) in modo davvero efficiente: personalmente sono rimasto strabiliato da questa funzione, e non capisco perché DivXNetwork la tratti come una funzione secondaria

Psychovisual Modeling. È una novità di questa versione, e, secondo gli sviluppatori, è sfruttata ancora pochissimo. L'idea è la stessa alla base dell'MP3: se una informazione non può essere recepita dall'occhio umano, questa occupa spazio inutilmente, e può quindi essere descritta con una compressione maggiore: i bit "risparmiati" possono essere usati per comprimere meno una parte della scena "più importante", che avrà quindi un dettaglio maggiore. Tranquilli, per sfruttare questa potentissima funzione è sufficiente selezionare un bottone prima dell'encoding ;-)

Psicovisual.jpg

Bi-directional Encoding. Un'altra novità di questa versione: come si ricorderà, la potenza del DivX sta anche nel salvare solo le differenze fra i frame: con il Bi-directional Encoding è possibile prevedere anche le differenze tra la scena corrente e quella successiva, non più solo con quella precedente, ottenendo qualità migliore, in caso di repentini cambi di inquadratura, ma anche dimensioni minori in caso di scene statiche. Dalle nostre prove è emerso come il Bi-directional Encoding dia il meglio di se sopratutto con i primi e primissimi piani, dove risolve del tutto il problema dei "pixelloni" che il popolo DivX ben ricorda. Il Bi-directional Encoding è una funzione riservata a "DivX 5 Pro", ma, ricordiamo ancora una volta, anche la versione "Standard" la riproduce alla perfezione.

GMC (Global Motion Compensation). Un'altra novità per ottimizzare la compressione senza deteriorare la qualità. Il GMC entra in azione sulle zoomate e sulle scene veloci.

Quarter Pixel. Di nuovo, una funzione esclusiva del DivX 5 Pro: grazie a un algoritmo matematico che non provo neanche a capire, vengono creati pixel artificiali per rendere più morbide le scene in movimento. Dalle nostre prove è emerso qualche problemino con questa funzione: DivX Network deve ancora lavorare molto per perfezionarla.

Stream migliorato. Grazie al "Data Partitioning", il nuovo formato può produrre filmati ottimizzati per lo streaming via rete, sopratutto sulle connessioni a banda stretta. Non abbiamo avuto la possibilità di testare in prima persona questo aspetto, ma stando ad alcune fonti autorevoli i risultati sono impressionanti.

Dal lato sviluppatore, sottolineiamo anche che DivX 5 è pienamente compatibile con i tutti i tool di editing più diffusi (Adobe Premiere, FlasK, VirtualDub, Tmpg Encoder, RAD Video Tool sono quelli da noi testati). In altre parole, se il vostro programma è in grado di gestire DivX 4.x, sarà compatibile anche con DivX 5.

Engine di compressione integrato. Una volta lanciato, il nuovo prodotto è in grado di encodare e produrre file autonomamente: il fido VirtualDub è comunque preferibile.

Resize.jpg

Difetti? Si, uno abbastanza pesante. Se dal lato sviluppo il vecchio Pentium II che abbiamo consigliato tempo addietro è pienamente sufficiente (purché siate disposti ad accettare tempi di elaborazione decisamente elevati) per riprodurre fluidamente un filmato DivX 5 avrete bisogno di una macchina sensibilmente più potente, non meno di un sistema a 700 MHz con 192 MB di RAM, nonché una scheda video abbastanza recente, diciamo equivalente alla serie GeForce e con almeno 16 MB di Vram. È lo scotto da pagare per una qualità così elevata.

Update: Da sottolineare anche come le varie versioni di DivX 4 e 5 non possano convivere sullo stesso sistema: DivX 5 sovrascrive la versione 4, ma non la 3.11.

Inoltre, DivX 5 non contiene più i codec "DivX ;-) Audio" (una versione modificata del formato Wma di Microsoft): se cercherete di riprodurre un file compresso in questo formato, dovrete installare anche DivX 3.11, o vedrete solo il video, senza udire l'audio. Una mossa pienamente comprensibile da parte di DivX Networks (il formato "DivX ;-) Audio" viola il copyright), ma ci saremmo aspettati almeno qualche avvertimento in fase di riproduzione.

In definitiva, com'è il nuovo DivX? Sicuramente eccellente, un prodotto senza precedenti da avere assolutamente, possibilmente nella versione DivX 5 Pro a pagamento: gli upgrade, di cui uno già rilasciato in questi giorni, sono gratuiti.

Sito Ufficiale

Download

Filmati

Guida Ufficiali (inglese)

Altre Guide non Ufficiali (italiano).

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2020 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.15 sec.
    •  | Utenti conn.: 41
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 42
    •  | Tempo totale query: 0