Punto informatico Network

Canali
20080829210127

Videoclip & filmati: come riprodurli al meglio!

11/10/2005
- A cura di
Zane.
Audio Video Multimedia - Scaricabili da web, allegati alle riviste o presenti in quantità nei circuiti peer-to-peer: il video digitale è ormai onnipresente. Ma chi, almeno una volta, non si è trovato nell'impossibilità di riprodurre l'audio o il video? Ecco tutto il necessario per godersi i filmati ad alta qualità sui nostri sistemi domestici.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

divx (1) , filmati (1) , videoclip (1) , codec (1) , xvid (1) , vlc (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 466 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Inserite alcune precisazioni, aggiornato qualche link non più funzionante e caricati i codec più importanti anche in locale.

Dvdvideo.gifI filmati distribuiti via Internet sono ormai all'ordine del giorno: grazie alla qualità superiore raggiunta dai formati di compressione disponibili sul mercato, affiancati ad una larghezza di banda sempre più ampia, è possibile distribuire filmati di qualità DVD in pochi megabyte di spazio: ecco quindi che diventa possibile vedere in anteprima i trailer dei film di prossima uscita in qualità home theater, distribuire filmati amatoriali ad amici e parenti dall'altra parte del globo, realizzare copie di sicurezza dei propri supporti su semplici ed economici CD, per vederli tutti insieme in una serata piovosa a casa di un amico.

Digitalvideo.gifLa moltitudine di formati e compressori disponibili però, fa si che spesso sia impossibile visualizzare il video, oppure non si senta l'audio, o, ancora più spesso non si percepiscano nessuno dei due, oppure siano fuori sincronia. Molto spesso si tratta di un problema relativo al decompressore utilizzato, che potrebbe non essere presente nel sistema, o essere una versione troppo vecchia. Vediamo di seguito i principali formati e i relativi codec.

Nota: Benché esistano alcuni superpacchi che includono tutti i codec necessari (quali il Nimo o l'AceMega) ci sentiamo di sconsigliare vivamente la loro installazione, e di applicare manualmente i singoli codec: spesso queste raccolte includono versioni obsolete ed inoltre installano decodificatori del tutto inutili, che gravano solamente sul sistema.

Formato, estensione e codec

Per prima cosa facciamo chiarezza su un punto fondamentale. Un filmato si compone principalmente di 3 componenti: uno stream video, ovvero il filmato, uno (o più) stream audio, cioè musica, suoni e battute degli attori ed un contenitore, ovvero una "scatola" che contiene queste due componenti.

La parte video è compressa con un proprio codec (DivX, XviD, MPEG, MJPEG ecc) così come il flusso audio (MP3, AC3, AAC ecc) mentre il contenitore (AVI, OGM, WMF, MKV) si occupa solamente di incapsulare questi oggetti in un unico file. I container più recenti permettono inoltre di inserire altri flussi quali la suddivisione in "capitoli", utilizzati per visualizzare rapidamente determinate scene all'interno del filmato, oppure uno (o più) stream sottotitoli, che permettono di selezionare i sottotitoli in una o più lingue.

Quale codec mi serve?

La prima cosa da fare in caso un filmato non funzioni correttamente è quello di identificare i codec di compressione utilizzati per realizzarlo, ed assicurarsi di averli installati correttamente anche sul sistema in uso.

Gspot è una soluzione gratuita che ci permette di fare proprio questo.

I codec video

Benché esistano molti codec in circolazione, DivX e XviD sono i più performanti, e quindi i più utilizzati.

  • DivX: Maturato moltissimo negli anni passando da una acerba versione 3.11 ad una sufficiente release 4, questo codec ha trovato la maturità con la quinta versione (aggiornata di recente in una buona release 6) ed è di fatto il codec video più utilizzato per distribuire filmati in rete.

    In caso vi limitiate alla sola riproduzione di filmati senza mire di authoring potete installare DivX Play Bundle (gratuita) mentre se vi interessa anche l'encoding dovete preferire DivX Create Bundle (in prova gratuita per 30 giorni, poi circa 20$).

    Ricordiamo comunque che XviD (vedi sotto) può decodificare senza problemi anche i filmati compressi con DivX.

    Sito ufficiale DivX - MegaLab.it - DivX 6

  • XviD: La controparte open source di DivX: il progetto ufficiale rilascia solamente i componenti "core" del codec, e quindi la loro distribuzione "al pubblico" è affidata a due capaci volontari, Nick e Koepi, che si occupano di compilare i sorgenti ed aggiungere pannelli di impostazione.

    Koepi è incentrato sulla qualità, mentre Nick sulla stabilità operativa: viste le differenze davvero lievi in termini di qualità, preferiamo quest'ultima che garantisce livelli di stabilità nettamente migliori.

    XviD Home Page - MegaLab.it - Guida ad XviD

  • Altri codec video

    Nonostante i codec seguenti siano ormai inutilizzati, in caso il video non venisse riprodotto correttamente provate ad installare anche questi, ma solitamente non sono necessari.

  • Indeo Contrazione di "Intel Video", è stato uno dei più usati compressori degli anni 90 quando la qualità era di gran lunga secondaria rispetto alla dimensione finale dei file. È ancora largamente utilizzato nei filmati introduttivi dei videogiochi.

    È incluso in tutte le versioni di Windows fino alla 2000: i possessori di XP devono quindi installare una patch apposita rilasciata da Microsoft.

    Microsoft Knowledge Base Article - 327979 - Q327979_WXP_SP2_x86_ITA

  • Motion JPEG: Il codec Motion JPEG applica ad ogni frame del video l'omonimo algoritmo di compressione utilizzato per le immagini: il risultato è accettabile come resa qualitativa, ma eccelso come velocità. Un decompressore mjpeg è già incluso in tutte le versioni di Windows: in caso di problemi si può installare questo codec Pegasus.

    Pegasus Imaging Video PICVideo - MJPEG Codec v2

  • I263: Un codec abbastanza datato e dalle performance (oggi) mediocri. Utile solo per alcuni vecchi filmati. (Istruzioni Windows 98/ME: copiare i file i263_32.drv e icm32.acm in C: \Windows\system32 e applicare il registro - Istruzioni Windows 2000/XP: copiare i file i263_32.drv e icm32.acm in C: \WINNT\system32 e applicare il registro)

    Slave Trainer's I263 FAQ Page - I263 Codec

  • ffdshow: Si tratta di un progetto open source che si pone come alternativa alla riproduzione di filmati DivX e XviD: grazie ad un postprocessing più aggressivo, riprodurre filmati con questo filtro invece che con gli originali permette di ottenere una qualità visiva migliore: consigliabile solamente agli utenti esperti!

    ffdshow Home Page - MegaLab.it - Usare l'FFDShow come decodifica-tutto"

  • I codec audio

    MP3 è il più diffuso, ma AC3 e AAC assicurano esperienze da cinema.

  • AC3: AC3 è il formato per l'audio digitale 5.1 di Dolby Digital ad altissima qualità: l'audio dei DVD è codificato con questo algoritmo. Se non sentite l'audio in un filmato, nella stragrande maggioranza dei casi avrete bisogno di un filtro AC3.

    AC3Filter Home Page - AC3 Filter

  • DivX 3.11 Audio: La primissima versione di DivX includeva anche una componente di compressione audio: dovrete installare questo pacchetto per poter riprodurre correttamente l'audio encodato con questo vecchio codec.

    DivX Home Page (pagina di archivio, il sito non è più mantenuto) - DivX 3.11 Audio Standalone

  • OGM: Un formato audio open source e royality-free nato come alternativa gratuita (e di qualità maggiore) a MP3. Viene ampiamente utilizzato in congiunzione al container OGM (vedi sotto).

    Ogg Vorbis Home Page - Ogg Vorbis Direct Show Filter

  • Audio/Video

    Alcuni pacchetti che includono codec proprietari audio/video.

  • QuickTime: QuickTime è il formato proprio del mondo Macintosh per la distribuzione di contenuti multimediali, ma grazie alla buona qualità è divenuto molto popolare anche fra gli utenti Windows.

    Tradizionalmente è necessario installare l'omonimo programma gratuito per riprodurre questi file, ma da qualche tempo è disponibile anche un progetto alternativo denominato QuickTime Alternative che si occupa di distribuire solamente i codec necessari: installando questo "hack", è possibile riprodurre filmati ".mov" anche senza installare l'intero pacchetto QuickTime.

    QuickTime Alternative Download

  • Real Media: Real Networks è stata fra i pionieri della distribuzione audiovisiva via Internet, soprattutto sottoforma di streaming.

    Per molti anni è stato necessario installare RealPlayer per riprodurre questi filmati ma ora è disponibile questa versione "hacked" dei soli codec, che permette finalmente di riprodurre i filmati ".rm" con il nostro solito riproduttore.

    Real Alternative Download

  • Windows Media: Incapsulati in container "wmf", con la nuova generazione di codec Microsoft si possono ottenere ottimi risultati: per riprodurre al meglio questi file è necessario installare il pacchetto Windows Media.

    Windows Media 10

  • Contenitori

    Come abbiamo detto in apertura, la terza componente della riproduzione multimediale sono i contenitori: generalmente un qualsiasi player può riprodurre tutti i contenitori, siano essi AVI, OGM, WMF o quanto altro senza software aggiuntivi: semplicemente aprite il file con il vostro player.

  • Ogm: Contenitore del tipo "Ogg Media", abbina solitamente video XviD, audio Ogg Vorbis (una o più tracce), sottotitoli e capitoli: per riprodurre questi file non è necessario altro software, eccezion fatta per i due codec audio/video: aprite il file con il vostro player preferito e tutto dovrebbe funzionare correttamente: attraverso il menu del player potete selezionare capitoli, sottotitoli e traccia audio (qualora ve ne fosse più d'una).
  • Avi: Il formato "audio video interleaved" è il container nativo di Windows. Non abbisogna quindi di alcuna estensione per essere riprodotto.
  • Matroska (mkv): Sviluppato da un team russo open source, rappresenta il miglior container attualmente disponibile: oltre a dimensioni ridotte (circa 4MB in meno rispetto ad uno stesso filmato di 700MB incapsulato in un OGM) permette anche di visualizzare menu dinamici come nei DVD commerciali e risolve numerosi problemi legati ai caratteri "regionali" (è, ì, ù, ?,??, ecc) nei sottotitoli. Abbisogna però di un "pack" aggiuntivo che, dopo essere stato installato, permette di visualizzare file mkv con qualsiasi player multimediale.

    Matroska Project Home Page - Matroska Pack

  • Player

    Per riprodurre un qualsiasi filmato è necessario un player: Windows include Windows Media Player che è sicuramente un buon lettore e che sarà più che sufficiente nella stragande maggioranza dei casi.

    Riportiamo di seguito due interessanti alternative peri più curiosi.

  • BsPlayer: Agli utenti più avanzati consigliamo BsPlayer, un prodotto gratuito che include molte funzioni non presenti nella soluzione Microsoft, quali una migliore gestione dei contenuti aggiuntivi (sottotitoli, suddivisione in capitoli, menu, molteplici stream audio) nonché una minore voracità di risorse, e quindi spesso una riproduzione più fluida.

    BsPlayer Home Page - BsPlayer download page

  • VideoLAN (Vlc): Ricco di feature interessantissime, tra cui la possibilità di riprodurre filmati danneggiati/parziali, l'abilità di "streammare" in rete i contenuti, riprodurre filmati senza installare codec sul computer, riprodurre DVD di qualsiasi regione eccetera VideoLan è un altro eccellente player per la riproduzione di contenuti.

    VideoLan Home Page

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.28 sec.
    •  | Utenti conn.: 125
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.15