Punto informatico Network

Network performance, performance

Il Service Pack non migliorerà le performance di Vista?

29/11/2007
- A cura di
Archivio - Una società specializzata in benchmark ha testato la versione quasi-definitiva del pacco di aggiornamenti per l'ultimo nato in casa Microsoft, e il risultato non è stato affatto confortante dal punto di vista delle prestazioni.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

service pack (1) , service (1) , vista (1) , performance (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 240 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il Service Pack di Windows Vista, in dirittura d'arrivo per il prossimo anno, non apporterà grandi vantaggi per quanto riguarda le prestazioni generali e delle applicazioni. L'accusa, circostanziata da dati e misurazioni sul campo, viene da Devil Mountain Software, società con base in Florida specializzata nel benchmarking. Craig Barth, chief technology officer di DMS, ha messo sotto stress Release Candidate del service pack distribuita da Microsoft la scorsa settimana, confrontando i risultati con una installazione "pulita" della versione RTM di Windows Vista.

Vista, _sort_of.jpg

Barth ha fatto girare il software per il test - basato sull'impiego di Microsoft Office - su un laptop di tutto rispetto, dotato di un processore dual-core, scheda grafica dedicata e 1 o 2 Gigabyte di RAM. La differenza di memoria sembra non abbia avuto alcuna importanza ai fini della prova: in entrambe i casi, Vista RTM - privo di tutti i fix e gli aggiornamenti finora distribuiti da Microsoft attraverso Windows Update - e Vista SP1 hanno fatto segnare risultati assolutamente identici. Con 2 Gigabyte di RAM on-board, lo scarto prestazionale a favore del service pack non è andato oltre l'1%-2%, un valore statisticamente insignificante.

"Ha sorpreso me tanto quanto ha sorpreso chiunque altro - ha dichiarato Barth a PC World - ma i numeri sono numeri". Al contrario di quanto fatto credere finora da Redmond, dunque, Windows Vista SP1 non offrirà alcun vantaggio prestazionale a coloro che erano in attesa dell'aggiornamento per risolvere i problemi di performance sperimentati nell'impiego del nuovo sistema.

"SP1 non sarà per niente una panacea per i problemi di performance che gli utenti hanno con Vista - dice il CTO della società americana - Se siete stati delusi dalle performance di Windows Vista, non sarete per nulla più contenti dopo l'installazione del SP1".

I problemi di Windows Vista con i PC in grado di far girare Windows XP molto velocemente sono dunque di tipo strutturale: tra i maggiori indiziati del peggioramento di prestazioni, Barth ha cita le funzionalità di Shadow Copy e il servizio di salvataggio delle informazioni per il Ripristino di Configurazione di sistema.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 112
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.12