Punto informatico Network

Contenuto Default

Blue light war, finalmente in arrivo il dual-standard

17/01/2007
- A cura di
Archivio - Presentato il primo lettore che offre la compatibilità sia con Blu-ray che con HD DVD e il nuovo disco di Warner, capace di contenere tracce in entrambe i formati: che sia la volta buona per mettere fine all'insulsa lotta fratricida tra le aziende di settore?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 149 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Tra la sarabanda di notizie facenti capo al caldissimo fronte delle tecnologie e dei contenuti hi-def scaturita dal Consumer Electronics Show di Las Vegas appena conclusosi, tra nuovi drive, nuove iniziative e nuovi dischi HD DVD a triplo strato da 51 Giga, ci pare doveroso mettere l'accento su una tendenza che, sempre latente e quasi sottaciuta in seno all'industria dell'elettronica avanzata, è finalmente emersa con nettezza durante lo show.

Dispositivi e dischi multi-standard, per quanto auspicati ed annunciati da più parti da mesi, hanno finalmente fatto capolino al CES, rincuorando gli scettici dell'alta definizione (come chi scrive) sulla possibilità che si giunga presto ad una sintesi di tecnologie simili ma incompatibili tra loro.

L'hardware

Tenendo fede alla sua promessa di realizzare apparati multi-standard, LG Electronics ha approfittato della visibilità del CES 2007 per presentare alla stampa Super Multi Blue BH100, il primo lettore stand alone compatibile sia con Blu-ray che con HD DVD. Disponibile sul mercato statunitense nel primo trimestre del 2007 al costo di 1.199 dollari, BH100 è una sorta di chimera che diventa realtà, l'unico prodotto del settore hi-def che possa davvero interessare i consumatori, perché è stato realizzato nel loro esclusivo interesse più che in quello dell'industria.

01_-_BH100.jpg

Finalmente, l'acquirente che volesse sperimentare l'alta definizione non avrebbe più la necessità di fare la scomoda scelta tra Blu-ray e HD DVD: BH100 offre la possibilità di fruire di entrambe, ad un prezzo tra l'altro competitivo se si considera il costo della somma dei lettori single-standard.

C'è tuttavia un neo da segnalare: come ha avuto modo di osservare Engadget, Super Multi Blue pecca della mancanza del supporto ad iHD, la tecnologia interattiva di HD DVD. Mancanza che pare non interessare invece Blu-ray, la qual cosa rende il drive combo più orientato verso il formato di Sony che non verso quello di Toshiba. Non dubitiamo, tuttavia, che LG perfezionerà la componentistica del dispositivo, e sarà capace di offrirà un prodotto senza pecche con le generazioni successive a BH100.

Il produttore ha ad ogni modo presentato anche GGW-H10N, lettore hi-def multi-standard pensato per i PC desktop: il drive, dal costo di 1.200 dollari, oltre a leggere Blu-ray e HD DVD è in grado anche di scrivere supporti Blu-ray fino alla velocità di 4x. Ancora un dispositivo Blu-ray oriented dunque, anche se in questo caso l'implementazione delle funzionalità interattive sarà una prerogativa specifica del player software con cui leggere i nuovi video-dischi.

I dischi

Arriva sul mercato anche Total HD, denominazione ufficiale con cui è stato commercializzato il super-disco multi-standard annunciato tempo addietro da Warner (rif. HD DVD e Blu-ray sullo stesso disco?). Il supporto, lo ricordiamo, prevede l'ibridazione dei due formati hi-def, eliminando di fatto la necessità, per i produttori di contenuti, di scegliere Blu-ray o HD DVD in esclusiva.

02_-_Total_HD_ready!.jpgJeffrey L. Bewkes, presidente della major, si mostra sicuro dell'appeal di Total HD: a suo avviso i dischi ibridi hanno maggiori possibilità di affermarsi rispetto ai lettori dual-standard, almeno secondo le conclusioni di una ricerca di mercato che dà i consumatori per disponibili a spendere anche un po' di soldi in più per far propri i mega-dischi.

Secondo Bewkes la situazione attuale è ben diversa dalla storica lotta tra Betamax e VHS, e sia Blu-ray che HD DVD hanno sufficiente supporto dalle società hi-tech per continuare a rimanere sul mercato. "I nostri dischi Total HD potrebbero portare vantaggi sensibili sia ai produttori di contenuti che ai consumatori", dice infine l'executive.

Per verificare quanto le sue previsioni corrispondano al vero o al possibile non ci resta che attendere la risposta del mercato al prodotto, annotando, per nostro conto, che uno standard, qualunque esso sia, è risultato vincitore solo quando ha avuto dalla sua contenuti in numero e qualità adeguate per attirare gli acquirenti. E la rimasterizzazione dei vecchi classici, per quanto possa essere emozionante rivedere 2001: Odissea nello Spazio nello splendore dei 1080p, non è esattamente la scelta vincente per vendere una tecnologia ancora, lo ribadiamo, più futuribile che vendibile per l'utente medio...

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.12 sec.
    •  | Utenti conn.: 108
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0