Punto informatico Network

20081008092424_2019179306_20081008092410_1209747187_CS3.png

Protezioni anti-falsari in Photoshop

18/01/2004
- A cura di
Zane.
Archivio - Adobe ha inserito nei propri prodotti, tecnologie in grado di identificare immagini di valute internazionali..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

protezioni (1) , photoshop (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 201 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Adobe System, da sempre player di primo piano nella grafica computerizzata, sta ricevendo in queste ore numerose critiche riguardo ad alcune funzionalità di sicurezza presenti nelle ultime versioni dei programmi di design, come Photoshop CS.

Stando a quanto riportato da SecurityFocus, l'azienda ha ammesso a seguito di molteplici segnalazioni di aver integrato all'interno dei propri prodotti alcune non meglio specificate tecnologie di sicurezza, che creerebbero alcuni warning o impedimenti in caso si tentasse di lavorare con immagini di valute internazionali.

Il progetto, realizzato con la collaborazione di U.S. Federal Reserve, alcune associazioni finanziarie e istituti di credito, si è reso necessario per prevenire la duplicazione di banconote, una attività illegale di cui la grandissima potenza di Photoshop è un alleato di primo piano.

Il portavoce di Adobe, Russell Brady, si è rifiutato di dare ulteriori dettagli al riguardo, affermando che "Sapevamo che la cosa sarebbe stata scoperta, ma non possiamo proprio parlare della tecnologia utilizzata", a quanto pare per un patto di non-divulgazione stipulato con un ente bancario internazionale.

Kevin Connor, product management di Adobe, ha comunque rassicurato gli utenti: "L'utilizzatore medio non si imbatterà mai in queste funzioni". Dello stesso parere anche l'esperto di sicurezza Bruce Schneier: "Dovrebbe fermare i falsari occasionali: non vedo alcun rischio per la privacy".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.4 sec.
    •  | Utenti conn.: 124
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.26