Punto informatico Network
20101115204819_440457516_20101115204812_301891377_HPkrPtTgq1b.png

Facebook modifica le regole sulla privacy

04/09/2013
- A cura di
Sicurezza - Ritocchi di facciata o vera sostanza? Le critiche non mancano.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

regole (1) , privacy (1) , facebook (1) , modifica (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 12 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Egan.png

La scorsa settimana gli utenti di Facebook hanno ricevuto una mail firmata da Erin Egan, il responsabile per la privacy, che li informa di proposte di modifica in due doumenti che disciplinano l'utilizzo del social network.

Si tratta della normativa sull'utilizzo dei dati e della dichiarazione dei diritti e delle responsabilità, documenti che regolano la raccolta, l'impiego dei dati dell'utenza e più in generale la fruizione del sito.

Gli utenti hanno sette giorni a disposizione, prima dell'entrata in vigore delle misure, per esprimere il loro parere. Facebook si riserva il diritto di accettare o respingere eventuali suggerimenti.

Ci sono molte novità: alcune sono semplici riformulazioni, in altri casi si trovano delle integrazioni, altrove vere e proprie innovazioni.

Anche la foto del profilo potrà essere taggata. In questo modo Facebook potrà acquisire ulteriori informazioni sulle relazioni tra gli utenti. Il riconoscimento facciale consente di sapere della presenza di una foto. nel social network e di operare per la rimozione. L'utente può comunque opporsi attraverso le impostazioni "Diario e aggiunta di tag".

È stata aggiunta una sezione per illustrare l'uso dei dati personali in relazione alle campagne pubblicitarie. Ciò è sicuramente imputabile alla recente class action americana che ha portato Facebook a remunerare gli utenti, a loro insaputa, testimonial di una promozione.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2018 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.37 sec.
    •  | Utenti conn.: 68
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 44
    •  | Tempo totale query: 0.16