Punto informatico Network
20110609100051_1021462619_20110609100025_1434382147_Android_Market.png

Google lancia Quickoffice per Android e iPhone

09/04/2013
- A cura di
Telefonia & Palmari - Un po' di competizione anche tra i pacchetti software per la produttività personale. Google marca da vicino Microsoft.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , iphone (1) , android (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 5 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Quickoffice-webos.png

Dopo le promesse di dicembre 2012 ora i fatti. Google rilascia le versioni di Quickoffice per l'Apple iPhone, per smartphone e tablet Android.

A metà dello scorso anno il colosso californiano aveva acquisito Quickoffice e inglobato il personale nel proprio gruppo di sviluppatori Google Apps.

Su iPhone e sui dispositivi Android la neonata suite consente la visualizzazione, produzione e modifica di file Word, Excel e PowerPoint.

Il prodotto è fruibile gratuitamente per i clienti paganti di Google Apps for Business. Gli altri possono comprare singole applicazioni: Quickoffice Pro per iPhone e smartphone Android, al prezzo di 15 dollari, e Quickoffice Pro HD per iPad e tablet Android, al prezzo di 20 dollari.

La versione per iPad era già disponibile da qualche mese ma è stata aggiornata. Tutte vantano uno stretto legame con Google Drive, il servizio di archiviazione online.

La suite è scaricabile dai rispettivi negozi online

A questo punto vedremo la risposta di Microsoft. Alcuni analisti del mercato IT sostengono che prima o poi la società di Redmond finirà col rilasciare Office per iOS e Android. Il vero problema è il rapido spostamento verso tablet di dimensioni più piccole, dove la creazione di contenuti è più difficile. È meglio che Microsoft agisca in fretta.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.15 sec.
    •  | Utenti conn.: 31
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 44
    •  | Tempo totale query: 0