Punto informatico Network

Contenuto Default

La metà oscura MPAA

03/02/2006
- A cura di
Archivio - La paladina della difesa del copyright accusata di aver duplicato un documentario ancora inedito senza il consenso dell'autore. Ovvero, quando il potere viene punto sul vivo e mostra la sua vera faccia...

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

mpaa (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 110 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

01_-_MPAA.jpgLa Motion Picture Association of America è la potente organizzazione che cura gli interessi e la rappresentanza dell'industria cinematografica americana. Da qualche anno, l'associazione viene costantemente citata nelle agenzie e nelle notizie di cronaca per gli sforzi e le tante iniziative spese nel combattere e condannare in maniera ferma la pirateria cinematografica, in qualunque forma possibile.

Accade ora che "La voce e l'avvocato delle industrie cinematografica, televisiva e dell'Home Video" (come MPAA ama definirsi sulla sua homepage) sia accusata di essersi macchiata proprio di quelle detestabili pratiche che l'industria tanto depreca. MPAA avrebbe duplicato un documentario senza l'esplicito consenso dell'autore.

Nel novembre scorso, il regista Kirby Dick ha fatto recapitare presso gli uffici dell'associazione un documentario perché venisse classificato: è pratica comune infatti che MPAA definisca eventuali necessità di censura sugli audiovisivi di produttori e autori associati. Il documentario, dal provocatorio titolo "Questo film non è ancora classificato", è un'inchiesta proprio sulle attività della suddetta associazione. In esso, vi sarebbe presentata una schietta analisi dei metodi di classificazione e censura dell'associazione, come ad esempio gli interventi sui prodotti audiovisivi contenenti scene di sesso, molto più incisivi e pesanti rispetto a quelli contenenti scene di violenza, o come la consuetudine nel trattare più severamente le rappresentazioni di sesso omosessuale rispetto a quello eterosessuale, e via di questo passo.

Kirby ha scoperto che copie illecite della sua opera circolavano all'interno dell'associazione durante una conversazione con un legale di MPAA stessa. Il regista ha quindi dato incarico al suo legale di chiedere la comunicazione dei dettagli dell'accaduto, oltre naturalmente alla restituzione di tutte le copie dell'opera. Lo stesso management di MPAA ha ammesso, per voce di Kori Bernards, dell'esistenza delle copie. "Abbiamo fatto copie del film di Kirby perché aveva implicazioni per i nostri dipendenti", sostiene Mr. Kori. Nel documentario sarebbero infatti presenti immagini dei membri delle commissioni di censura, immagini girare peraltro in luoghi pubblici. La copia, insomma, (che "è chiusa a chiave" e non è stata redistribuita) sarebbe stata fatta a scopo di tutelare i dipendenti dell'associazione e le relative famiglie.

02_-_MPAA_dito_medio.jpgIl regista ha dichiarato che sta ancora valutando la possibilità di denunciare formalmente MPAA per quanto accaduto. Nel mentre, è interessante considerare come sulla propria homepage MPAA ribadisca che "la produzione, la vendita, la distribuzione o la copia di film senza il consenso dei detentori dei diritti è illegale. I pirati del cinema sono ladri, punto. Tutte le forme di pirateria sono illegali e portano con sé serie conseguenze legali". Il postulato, evidentemente, non è più valido se ci si riferisce ad opere di ingegno che indaghino sui meccanismi di funzionamento interni ad una formidabile struttura di potere fortemente organizzata, capace di condizionare il parlamento americano con un'azione di lobbismo sfacciato in pura tradizione yankee (rif. Hollywood vuole chiudere il buco analogico).

La pirateria, evidentemente, è una buona scusa per denunciare l'uomo della strada, l'utente del Peer-to-Peer e chi usa la rete per condividere in maniera nuova i propri contenuti preferiti, comodo capro espiatorio per tutti i mali di un'industria che fatica a stare al passo coi tempi e con nuove forme di entertainment che prendono il sopravvento sulla sala (vedi il mercato dei videogame e delle home console).

Evidentemente, come ripetiamo da tempo, MPAA ha la coscienza sporca, e ben venga la pubblicità gratuita che il documentario citato sta avendo, se questo è utile a dimostrare al popolo della rete la reale natura delle menzogne dell'industria.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.58 sec.
    •  | Utenti conn.: 196
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.44