Punto informatico Network
Canali
20090726110535_791093769_20090726110432_1907993150_gdata_spotlight.jpg

G Data Internet Security 2013 la tua doppia protezione dai virus

02/05/2012
- A cura di
Sicurezza - Se una sola protezione dai malware non vi basta, G Data ve ne offre due per farvi stare più sicuri. Conosciamo G Data Internet Security 2013.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , virus (1) , security (1) , protezione (1) , internet security (1) , g data (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 10 voti

Il test

Mettendolo alla prova, G Data si rivela estremamente rapido, se si tenta di scaricare qualcosa d'infetto, questo è subito bloccato.

G23.jpg

Oppure viene impedito anche l'accesso al sito Web.

G25.jpg

Come ulteriore prova, copio un buon numero di malware nel mio computer e avvio una scansione completa, che si svolge abbastanza velocemente.

La sorpresa, amara, avviene quando comincia a trovare i virus e vedo il consumo di RAM di un processo schizzare alle stelle e rimanerci sino al termine della scansione e pulizia. L'utilizzo della CPU è piuttosto alta durante la ricerca dei virus, si abbassa durante la loro rimozione.

G24.jpg

Bisogna dire che quando si esegue una scansione normale, senza la presenza massiccia di virus, come avevo fatto in precedenza, i consumi di RAM sono contenuti.

G28.jpg

Il risultato finale è comunque notevole, rimangono solo alcuni file d'installazione dei rogue software o programmi con adware.

G26.jpg

Quando poi provo a eseguire questi programmi, sono regolarmente intercettati e rimossi.

G27.jpg

Conclusioni

Come per Kaspersky Pure, che avevamo visto in precedenza, anche per G Data vengono dati dei requisiti hardware (512 MB o 1 GB di memoria RAM) assurdamente bassi.

Ho voluto provare G Data su due PC diversi, uno con Windows Vista che aveva un giga di memoria, mentre l'altro aveva 8 giga e Windows 7.

Nel PC con Windows Vista, non parliamo nemmeno di poterlo usare quando si faceva una scansione con G Data, ma il problema si presentava anche quando doveva scaricare gli aggiornamenti, dovendo fare il download di due archivi di definizioni, per numerosi minuti era assolutamente ingestibile.

Direi quindi, che se avete poca RAM nel vostro computer, è molto meglio se vi rivolgete a qualche altro antivirus, e le varie software house farebbero meglio a dare dei dati più attendibili.

Nel computer con Windows 7, solo durante la prova con i virus, non dico che il computer fosse bloccato, però era parecchio impegnato, si riusciva lo stesso ad aprire un browser o fare altre operazioni.

Le possibilità di configurazione presenti in G Data non sono moltissime, quelle presenti sono, direi, già impostate a un buon livello, grazie anche al Pilota Automatico presente nel firewall, gli interventi richiesti ad un utente poco esperto, salvo casi particolari, sono pochissimi. Però questo può non piacere all'utente "smanettone" che vuole sempre configurare e modificare qualcosa.

Il giudizio finale, non può che essere positivo, ci vuole però un computer adatto, ben fornito di RAM e con una buona CPU, per poter utilizzare tranquillamente G Data.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!
Pagina precedente
Le protezioni

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.22 sec.
    •  | Utenti conn.: 41
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.05