20081030121235_156971672_20081030121220_245948338_web_server.png

Anche deviantART e McDonald's sono vittime dei cracker

16/12/2010
- A cura di
Zane.
Sicurezza - Artisti e divora-panini sono le ultime vittime degli assalti digitali. Fra i dati trafugati figurano 13 milioni di nomi e indirizzi e-mail.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

cracker (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 7 voti

Sono freddissime giornate bollenti per i gestori di alcuni siti Internet particolarmente trafficati.

A pochi giorni dal grave incidente che ha consentito ad un gruppo di cracker di penetrare nei server di Lifehacker.com ed altre riviste edite dal gruppo Gawker Media, anche McDonald's e deviantART sono caduti vittime di incidenti simili.

MacDonald's

Per quanto riguarda la catena di fastfood, i ladri digitali sono riusciti a penetrare nei server che gestivano la newsletter promozionale e, da qui, sottrarre e-mail e, potenzialmente, nomi, cognomi, indirizzi postali, numeri di telefono, date di nascita, genere e dettagli sul tipo di preferenze inerenti la sottoscrizione.

Il gruppo ha comunque assicurato che il database non conteneva informazioni relative al numero di previdenza sociale o alle carte di credito dei clienti.

MacDonald's si è detta impegnata in una collaborazione con le forze dell'ordine che, si spera, potrà portare al tracciamento dei responsabili.

DeviantART

L'incidente legato a deviantART, popolare sito dedicato ad illustratori, fotografi ed altre tipologie di creativi digitali, ha invece portato al furto di 13 milioni di indirizzi e-mail e, potenzialmente, relativi nomi utente utilizzati sul portale e date di nascita.

Il crack, spiega la comunicazione degli amministratori, non ha preso di mira una risorsa controllata direttamente da deviantART, quanto all'infrastruttura di tale Silverpop Systems, alla quale il sito si appoggiava per la gestione delle comunicazioni.

"È probabile che questo comporti un aumento dello spam recapitato nelle mailbox", anticipa il comunicato, assicurando comunque che i criminali non sono riusciti ad accedere ad alcuna altra risorsa privata o alle password scelte dagli utenti.

"Silverpop" è il legame

A quanto pare, i due incidenti sono slegati al caso Gawker Media, ma strettamente correlati fra loro. The Register segnala infatti che anche McDonald's utilizzava, sebbene indirettamente, i servizi del gruppo Silverpop Systems per la gestione dei contatti.

È quindi probabile che, con un singolo crack, i truffatori siano riusciti a guadagnarsi l'accesso ad una mole immensa di indirizzi e-mail ed altri dati personali: sarebbero infatti "più di 100" le aziende che figurano fra i clienti di Silverpop Systems e che, di conseguenza, potrebbero aver inconsapevolmente esposto i dati dei propri utenti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.12 sec.
    •  | Utenti conn.: 68
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0